Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Ha ancora un senso la politica?, di Maria Teresa Coratella

Ha ancora un senso la politica?, di Maria Teresa Coratella

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/12/2018 10:40
Un reportage sull'incontro inaugurale della scuola di Andria

L’incontro inaugurale del percorso formativo 2018 del Forum di Formazione all’Impegno Sociale e Politico di Andria

Con una domanda di Hannah Arendt, filosofa e scrittrice tedesca, il Forum di Formazione all’Impegno Sociale e Politico della Diocesi di Andria, in collaborazione con l’Associazione “Cercasi Un Fine”, l’Ufficio diocesano di Pastorale Sociale e del Lavoro, l’Azione Cattolica diocesana, la Biblioteca diocesana “S. Tommaso d’Aquino”, Cittadinanza attiva Minervino, il MEIC Andria, ha inaugurato il nuovo anno formativo, invitando ad Andria, lo scorso 23 novembre,  Rosy Bindi, già Vicepresidente della Camera dei Deputati e Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali.

Una difesa appassionata dei valori costituzionali e delle istituzioni repubblicane, dai quali oggi si deve ripartire nel disorientamento dell’Italia e non solo, di fronte a sfide complicate.

Nel periodo dei rivolgimenti occorre gettare il seme buono”. Immigrazione, ambiente, aumento delle disuguaglianze nel nostro Paese e nel mondo, sono problemi di non immediata soluzione, che richiedono studio delle soluzioni e confronto tra le parti politiche. Perché i problemi crescono più in fretta delle soluzioni che si prova a cercare. Allora al quesito di Hannah Arendt è presto detto che oggi più di ieri occorre più e non meno politica. Sono i poveri e i più deboli ad aver bisogno della politica, perché i forti possono trovare da sé la soluzione ai propri problemi.  Dal radicalismo evangelico nasce l’impegno e non il disimpegno, impegno sperimentato dapprima nell’Azione Cattolica, dove conosce il Prof. Vittorio Bachelet, del quale è stata assistente universitaria, assassinato sotto i suoi occhi dalle Brigate Rosse nel 1980; poi in politica nelle fila della Democrazia Cristiana. Interessante la lettura della storia contemporanea, dalla nascita dei grandi partiti di massa, DC e PCI, che hanno costruito l’Italia del dopoguerra, fino a Tangentopoli che ha spazzato via i partiti tradizionali e all’era berlusconiana. Passando per l’operazione lungimirante di Aldo Moro nel 1978 di creare un governo di solidarietà nazionale, legittimando i comunisti. Operazione che costò la vita dello statista e l’inizio del declino della DC. Non ci sarebbe stata democrazia in Italia senza i grandi partiti popolari, autori di una grande politica sociale e progressista che hanno incarnato i valori della Costituzione nei vari ambiti della vita del Paese. I terroristi delle BR hanno privato il Paese degli uomini migliori, tra i quali Aldo Moro e Vittorio Bachelet, oltre a cattolici, democratici, persone perbene; martiri della democrazia. Ora siamo in un’altra fase, in un tempo di ricostruzione: “C’è chi nasce con la casa costruita, poi la casa crolla, poi ci sono le stagioni in cui non si farà in tempo a vedere la casa costruita”. Fuori di metafora, la Bindi ha spiegato che oggi occorre ricostruire le fondamenta, recuperare i punti di riferimento, a partire dalle istituzioni. Dal rispetto per le istituzioni. La democrazia si distingue dagli altri sistemi perché il potere si esercita nelle forme di legge. Se la sovranità del popolo non è esercitata nei limiti di legge, esso rischia di diventare il popolo del sovrano. I partiti politici hanno il compito di rappresentare una parte dei cittadini in una società plurale. Nelle istituzioni si deve provare la fatica di parlare con gli altri, altrimenti si scade nella dittatura della maggioranza. Per questo il nostro tempo è quello delle formazioni sociali, disciplinate dalla Costituzione, nelle quali si impara la fatica del dialogo e della sintesi. Come deve essere in Parlamento nel quale le forze si confrontano. Al contrario della solitudine della rete, nella quale si è soli anche di fronte alle ingiurie. Fondamentale diventa l’esercizio della cittadinanza. La politica è etica, ha una sua moralità intrinseca, quando è servizio, ricerca, studio, competenza, saper fare, forza di decidere. Ci si forma anche sbagliando, dice la Bindi. Per tutti, in particolare per chi si impegna in politica, è necessaria la formazione del carattere, della persona e un fondamento spirituale. Il politico buono crea il consenso su cose buone e giuste, anche quando non sono accattivanti. Il consenso, inseguito da molti politici, va ricercato sulle cose buone, perché è facile creare consenso accontentando gli istinti.

Maria Teresa Coratella – Forum di Formazione all’Impegno Sociale e Politico di Andria

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.