Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Giochi e politica, di Matteo Losapio

Giochi e politica, di Matteo Losapio

creato da Matteo L. ultima modifica 18/01/2022 19:10
Kirill Savchenkov, artista russo contemporaneo, ci fa sperimentare cosa significhi cooperare all'interno di un gioco, come nella politica

Fireworks and Gunpowder è una delle installazioni artistiche dell’architetto russo Kirill Savchenkov. Opera d’arte che verrà esposta alla Biennale di Venezia del 2022 per il Padiglione Russo. Si tratta, tuttavia, di un’opera artistica estremamente differente dalle classiche e da come si può concepire un’opera d’arte. Infatti, l’opera di Savchenkov non è solo un’opera d’arte ma un gioco da tavola, molto particolare. I giocatori non sono chiamati a sfidarsi l’uno con l’altro, ma a cooperare per risolvere casi complessi, derivati dalle notizie riportate nel corso della storia. Si tratta di un gioco cooperativo il cui obiettivo è quello di individuare vie d’uscita da situazioni difficili nello scacchiere geopolitico. Un gioco simile a quelli utilizzati dalla CIA e dall’intelligence di tutto il mondo, per addestrare i propri agenti. Giochi, dunque, che ci permettono non solo di entrare in una prospettiva differente, ma anche di concepire nuovamente il senso di un gioco. Scrive Ferruccio de Natale:

L’interesse per l’attività ludica - la varietà delle sue forme, la sua struttura svincolata da fini produttivi, la sua potenza attrattiva, i suoi molteplici effetti, i suoi controversi significati - è certamente assai antico. Probabilmente, è persino banale sottolinearlo, risale a quando l’uomo ha iniziato a riflettere sul senso dei comportamenti propri e del suo prossimo (distaccandosi dai fini produttivi o di difesa o di sottomissione) e ha considerato gli animali che lo circondavano non solo come prede e predatori, ma come compagni di vita, animali ‘domestici’, anche se dotati della capacità e del ‘bisogno’ di giocare tra loro e con i propri cuccioli. Metafore e forme lessicali proprie del gioco fioriscono nella scrittura letteraria, in ogni forma di produzione artistica ad iniziare dalla poesia e sono ben presenti nella filosofia occidentale sin dai suoi albori, in Grecia. È nel ventesimo secolo, tuttavia, che il gioco è divenuto oggetto di uno studio sistematico, scientifico, attento alle sue implicazioni nello sviluppo e nella strutturazione della personalità umana nelle sue dimensioni individuali, sociali, culturali.[1]

Da qualche anno si parla di un fenomeno antico ritradotto in termini nuovi: gamification. Si tratta della propensione di tutti gli esseri umani al gioco. Dove il gioco non è solo un passatempo ma permette di dare un senso alla realtà che ci circonda. Attraverso i giochi possiamo simulare problemi o situazioni, gareggiare o confrontarci, trovare soluzioni o sconfiggere l’altro. La realtà acquista un senso, una direzione per cui tutti i giocatori condividono regole e obiettivi, strumenti e capacità. Giocare, insomma, significa mettersi in gioco, entrare in uno scenario in cui non c’è un senso determinato ma una mèta da raggiungere insieme. Ebbene, attraverso i giochi, possiamo anche e soprattutto filtrare la nostra considerazione della realtà o anche offrirci una interpretazione della realtà, attraverso le sue stesse regole. Un gioco competitivo può dire qualcosa sul nostro modo di essere nella competizione, come anche un gioco cooperativo può far emergere la nostra capacità di adattamento o di leadership. I giochi ci aiutano a questo: a comprendere come vivere nella realtà. Ma da queste considerazioni emergono due domande. La prima domanda è: se un gioco ha delle regole attraverso cui poter interpretare la vita reale, chi decide le regole del gioco? Se le regole del gioco cambiassero, possono cambiare anche le regole della realtà?

La prima cosa che ci spinge a pensare, in qualunque gioco, è chi faccia le regole. Ovviamente, non è una domanda che ci facciamo mentre giochiamo, come neanche alla fine del gioco, quando tutti abbiamo raggiunto l’obiettivo finale. Questa è una domanda che ci facciamo quando il gioco diventa un’opera d’arte, quando prendiamo le distanze dal gioco, quando il gioco stesso ci mette dinanzi ad un altro metterci in gioco, nell’interpretazione stessa del gioco. Una meta-riflessione del gioco sul gioco, per cui le regole esprimono un paradigma e una visione antropologica definita. Un gioco in cui solo una persona può vincere, esprime una visione individualista, di un soggetto in grado di prevalere sugli altri soggetti. Una visione di essere umano concorrente, in cui la sfida è con l’altro e con gli altri, formando alleanze, lobby o gruppi di interesse, contro o a favore di qualcosa. Altri giochi, come quelli di Savchenkov, invece, si basano sulla cooperazione dei giocatori verso un obiettivo comune. E colpisce, in particolare di questo architetto, la sua abilità nell’unire il gioco a situazioni sociali e politiche realmente accadute, districandosi fra poteri e violenze più o meno velate. Un modo di giocare che dice una visione cooperativistica dell’essere umano, giocatori capaci di solidarizzare fra di loro per risolvere situazioni di emergenza e pericolo. Queste due visioni del gioco sono due visioni dell’essere umano: da una parte il giocatore-concorrente e dall’altra il giocatore-partecipante. Tutto dipende dalle regole del gioco che, fuori dal gioco stesso, sono le regole della socialità stessa. Regole del gioco che sono regole di convivenza fra gli individui, nelle comunità e nelle città. Basta che le regole cambino per proporre nuove dinamiche sociali fatte di solidarietà o di conflitto. A proposito dell’opera di Savchenkov, scrive Silvia Dal Dosso:

L’avvicendarsi strategico di operazioni mediatiche e esercizio della violenza, tra democrazia elettorale e autocrazia, caratteristico di regimi ibridi come quelli attualmente al potere in Russia, in Cina, o nelle Filippine, rende il “villain” del gioco, un nemico ombroso, ambiguo, difficilissimo da identificare. Se come riporta Savchenkov “i regimi ibridi contemporanei sono regolati per impiegare l’80% di propaganda e solo il 20% di violenza diretta”, quello che secondo lui ci aspetta, e contro cui dovremmo allenarci giocando, è uno scenario ancora più confuso, “60% di propaganda, 10% di violenza diretta e 30% di contenuti avvelenati”. I contenuti avvelenati rappresentano il lato sempre più ambiguo (disruptive si dice nel marketing) della propaganda, che si tratti di meme, fake news o troll farm, la strategia a monte è la stessa: usare la tecnologia per costruire un apparato mediatico capace di far leva sull’emotività del cittadino e dell’utente.[2]

Dietro ogni gioco c’è un paradigma antropologico, il quale traduce un paradigma culturale e sociale in cui siamo immersi. L’opera di Savchenchov ci spinge a riflettere, attraverso il gioco, sul nostro paradigma sociale di riferimento, a come costruiamo comunità, a quali ideali ci spingono nelle scelte quotidiane, a quali tattiche utilizziamo per affrontare le situazioni che la realtà stessa ci presenta. Perché la dimensione sociale dell’esistenza, altro non è che il nostro modo di tradurre la realtà. Allora giocare significa raffrontare le regole sociali con la realtà, mettere sotto osservazione il loro campo di applicazione e la trasformazione delle regole e dei paradigmi antropologici. Il gioco è una lente attraverso cui leggere la società, per essere consapevoli che dietro alle regole ci sono paradigmi, visioni del mondo, narrazioni della realtà, traduzioni storiche, che possono anche essere messe in discussione e cambiate. A questo serve, infatti, la cultura.



[1] F. de Natale, Il gioco come simbolo della filosofia, Logoi, I(3/2015), p. 51.

[2] S. Dal Dosso, Kirill Savchenkov, architetto di giochi di ruolo fin troppo reali, Domus, 29 novembre 2021. https://www.domusweb.it/it/arte/2021/11/26/kirill-savchenkov-architetto-di-giochi-di-ruolo-fin-troppo-reali.html.

 

[redattore CUF]

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.