Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Francesco a Bari non è un evento, di Rocco D'Ambrosio

Francesco a Bari non è un evento, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/07/2018 09:01
Il nostro direttore, Rocco D'Ambrosio, su Repubblica-Bari, fa un'analisi della visita di papa Francesco a Bari, il prossimo 7 luglio

 

Sono passati più di cinquant’anni da quando Paolo VI annunciava, il 4 dicembre 1964, durante il Vaticano II, di voler compiere un pellegrinaggio a Gerusalemme. Il viaggio, sin nella sua progettazione, aveva un intento ecumenico: non solo pregare nei luoghi terreni di Gesù, ma farlo con tutti quelli che credono nel suo nome, anche se lotte e incomprensioni li hanno divisi per secoli. Appena diffusa la notizia, Il Patriarca Athenagoras, nell'omelia della festa di S. Nicola (!), manifestava il suo entusiasmo per la visita tanto da definirla "ispirata da Dio" e un comunicato ufficiale confessava un suo desiderio, quasi un sogno per l’epoca: "Il Patriarca ecumenico ha notato che sarebbe veramente un'opera della Provvidenza se, durante questo pio pellegrinaggio, tutti i capi delle Chiese di oriente e di occidente potessero incontrarsi nella santa città di Sion, per chiedere, in una comune preghiera fervente ... la via di un ristabilimento pieno dell'unità cristiana". Quello che non si è realizzato a Gerusalemme si realizza a Bari? In parte si. Ma andiamo in ordine.

In questi cinquant’anni tutte le Chiese – cattoliche, ortodosse e della Riforma – hanno fatto passi da giganti nel riconoscersi, nell’abolire scomuniche reciproche, nel dialogare e nel ricercare punti di unità, più che di divisione. Era stato proprio Giovanni XXIII, il 26 giugno 1961, ad aver affermato: “Noi preferiamo sempre sottolineare ciò che unisce gli uomini e fare con loro tutta la strada che può essere fatta senza pregiudizio alle esigenze della giustizia e ai diritti della verità”.

Questa ricerca dell’unità ha avuto e ha due grandi binari di percorrenza: il dialogo della carità e quello della verità. “Il movimento ecumenico, per grazia di Dio ha dato benefici frutti – scrivevano i cristiani nel documento di Graz del 1997 - ha creato una situazione nuova tra i discepoli di Cristo. Vi sono però problemi ancora aperti e talvolta insorgono sconvolgimenti inattesi, nascono timori nuovi, serpeggiano inconsce paure. L'Assemblea intende rinsaldare il dialogo della carità, il solo veramente capace di promuovere anche il dialogo teologico, che ha davanti a sé un percorso ancora molto impegnativo”. Non dimentichiamo che Bari, per volontà dell’allora vescovo Magrassi, aveva contribuito in maniera consistente a queste forme di dialogo: padre Magrassi era membro della Commissione mista internazionale per il Dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa e aveva ospitato qui, due volte, la seduta plenaria (1986 e 1987).

L’evento di sabato prossimo aggiunge, al dialogo di carità e quello di verità, una terza linea fondamentale: un dialogo per un impegno comune in nome di Cristo, cioè lo sviluppo e la pace dei popoli, specie più martoriati. Elemento non nuovo della fede cristiana: la carità si fa – si deve – fare impegno altrimenti è vuota e ipocrita. In questo il patriarca Bartolomeo sembra essere in piena sintonia con papa Francesco. Basti citare la visita a Lesbo (16 aprile 2016), fatta insieme a Bartolomeo: il loro salutare i migranti, il parlare con loro e per loro, sono la risposta delle Chiese a un’Europa stanca di accogliere, attraversata da venti razzisti e xenofobi, ma anche un monito interno, per i cristiani, a non ripiegarsi su stessi ma a rendere le nostre comunità sempre “in uscita”, quasi “ospedali da campo”, come spesso Francesco ricorda.

A Bari venti leader cristiani – il papa, diversi patriarchi e vescovi orientali, pastori protestanti, tutti provenienti dall’Oriente – sabato pregheranno per la pace nella prima parte della mattinata e poi si riuniranno a porte chiuse per discutere. E’ questo l’ecumenismo di Francesco: incontrarsi, pregare e lavorare. Esso sembra essere il suo modo di ritradurre carità e verità. Del resto la verità cristiana non è affidata da Gesù a una proclamazione ideologica della fede. La verità cristiana è un farsi quotidiano: “da questo – afferma Gesù - tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13).

Quello di sabato, quindi, non sarà un evento, almeno nel senso moderno e mediatico degli eventi. E’ forse più cristiano dire che sarà una tappa, per i leader cristiani come per tutti i credenti. Le tappe, che Dio progetta, non sempre ci sono chiare nel loro svolgersi. Esse diventano spesso leggibili solo al termine del cammino. Nicola di Mira è approdato a Bari, dopo diverse traversie, e a Bari è diventato “propulsore” di dialogo e incontro tra Oriente e Occidente.

Da Bari riparte l’impegno dei cristiani che è credibile – afferma Francesco - se “concerne l’ambito della solidarietà e della preoccupazione per i più indigenti… se favorisce la soluzione di problemi che riguardano la pace, la concordia, l’ambiente, la difesa della vita, i diritti umani e civili”.

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
Prossimi eventi
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.