Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Fede e politica, un amore impossibile?, di Michele Napoletano

Fede e politica, un amore impossibile?, di Michele Napoletano

creato da Matteo L. ultima modifica 27/06/2022 07:59
Dopo le elezioni amministrative su Barletta, la riflessione di un giovane candidato al consiglio comunale sulla relazione fra fede e politica.

Un cristiano che voglia intraprendere un percorso politico è spesso visto come qualcuno che vuole approfittarsi della gente o da tenere alla larga perché potrebbe avere altri fini e quindi, come priorità, quella di salvaguardare esclusivamente i suoi interessi. Per questo motivo, molte persone, non vedono di buon occhio il fatto che un cristiano possa interessarsi anche di politica e questa, spesso, viene paragonata ad un peccato mortale che cambia il nostro modo di essere o di pensare.

Il fatto di essere cristiani deve rappresentare un valore aggiunto alla politica, in modo che essa, tramite i valori del cristianesimo, possa essere resa più concreta, più universale e più bella.

Don Luigi Sturzo, in un articolo del 1942 scriveva: "La politica non è una cosa sporca. Pio XI, la definì "un atto di carità del prossimo". Infatti lavorare al bene di un Paese, o di una provincia, o di una città […] è fare del bene al prossimo riunito in uno Stato, o città, o provincia. Tutto sta nel modo di lavorare, nello scopo e nei mezzi. In ogni nostra attività noi incontriamo il prossimo: chi mai può vivere isolato? E i nostri rapporti con il prossimo sono di giustizia e di carità. La politica è carità".

Ognuno di noi deve sentirsi responsabile e custode di qualcosa che è al di sopra degli interessi personali o di pochi individui. Il bene universale, l’ambiente, la cultura, la legalità sono tematiche che interessano tutti i cittadini e appartenendo a tutti, devono rappresentare il motivo che ci incoraggia a valorizzarli per il bene della collettività.

Anche la mia esperienza nasce soprattutto per essere a servizio della comunità e per cercare di portare nella politica qualcosa di bello che ho imparato con la fede, con la comunità e con la preghiera.

Il mio impegno politico nella città di Barletta, con la candidatura al consiglio comunale, mi ha permesso di capire in modo molto approfondito quali sono le reali esigenze delle persone, le stesse persone che vivono nei quartieri e che frequentano le parrocchie. Ho capito che la parrocchia non è un mondo estraneo dalla realtà, anzi, subisce in maniera più amplificata tutte le problematiche che interessano il quartiere della stessa parrocchia, problematiche che devono essere affrontate anche politicamente.

Allora come possiamo noi cristiani disinteressarci di tutto questo? Perché la Politica viene sempre vista come qualcosa di negativo, di corrotto, di malvagio da alcune persone del mondo cristiano?

Non posso negare che quando un cristiano non segue i valori della Chiesa è un problema, ma lo è per la Chiesa, per la famiglia e per la società, non solo per la politica.  

Noi cristiani possiamo fare riferimento a tante figure che nel passato sono state impegnate politicamente o si sono battute, anche sacrificando la propria vita, in difesa dei valori cristiani nella politica. Infatti la Chiesa venera, tra i suoi santi, numerosi uomini e donne che hanno servito Dio mediante il loro generoso impegno nelle attività politiche e di governo. Tra di essi, S. Tommaso Moro, proclamato Patrono dei Governanti e dei Politici, seppe testimoniare fino al martirio la «dignità inalienabile della coscienza». Pur sottoposto a varie forme di pressione psicologica, rifiutò ogni compromesso, e senza abbandonare «la costante fedeltà all'autorità e alle istituzioni legittime» che lo distinse, affermò con la sua vita e con la sua morte che «l'uomo non si può separare da Dio, né la politica dalla morale».

Il papa, in un suo discorso del 16 Maggio 2022, dice: “siamo chiamati a vivere l’incontro politico come un incontro fraterno, soprattutto con coloro che sono meno d’accordo con noi; e ciò significa vedere in colui con cui dialoghiamo un vero fratello, un figlio amato di Dio. Tutto comincia dunque con “un cambiamento di sguardo sull’altro”, con “un accogliere e rispettare senza condizioni la sua persona”. (DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI MEMBRI DELLA FRATERNITÀ POLITICA CHEMIN NEUF Sala Clementina Lunedì, 16 maggio 2022)

Ci si rende facilmente conto che, intraprendere un cammino politico seguendo i valori cristiani è molto difficile perché quando si parla dell'altro, del prossimo, iniziano a titubare tutti coloro che mettono sé stessi al centro di tutto. Negli ultimi anni abbiamo assistito a comizi di gente che parlava con il rosario tra le mani o urlava "Sono cristiano!" credendo che questo bastasse per mostrare la fede o il rispetto dei valori cristiani. Questo non fa altro che trasformare la fede in uno status o una moda o peggio in spot o slogan elettorale.

In una nota dottrinale del 24 novembre 2002 è riportato che “La vita in un sistema politico democratico non potrebbe svolgersi proficuamente senza l'attivo, responsabile e generoso coinvolgimento da parte di tutti, «sia pure con diversità e complementarità di forme, livelli, compiti e responsabilità […] La Chiesa è consapevole che la via della democrazia se, da una parte, esprime al meglio la partecipazione diretta dei cittadini alle scelte politiche, dall'altra si rende possibile solo nella misura in cui trova alla sua base una retta concezione della persona. Su questo principio l'impegno dei cattolici non può cedere a compromesso alcuno, perché altrimenti verrebbero meno la testimonianza della fede cristiana nel mondo e l’unità e coerenza interiori dei fedeli stessi. La struttura democratica su cui uno Stato moderno intende costruirsi sarebbe alquanto fragile se non ponesse come suo fondamento la centralità della persona. È il rispetto della persona, peraltro, a rendere possibile la partecipazione democratica. Come insegna il Concilio Vaticano II, la tutela «dei diritti della persona umana è condizione perché i cittadini, individualmente o in gruppo, possano partecipare attivamente alla vita e al governo della cosa pubblica»”.

Essere cristiani vuol dire avere a cuore il bene generale, il bene di tutti gli esseri umani e viventi, non solo il bene del singolo o di un gruppo isolato ma, soprattutto, dimostrarlo attraverso le azioni, il modo di essere e di agire, evitando di mettersi in mostra o urlarlo sui palchi o nelle strade.

Papa Francesco, inoltre, nel suo discorso dice che "la politica è anche azione. Quindi non un mero spazio di dibattito e scambio, ma “impegno concreto”. “Come cristiani, abbiamo bisogno di confrontare sempre le nostre idee con lo spessore del reale, se non vogliamo costruire sulla sabbia che prima o poi finisce per cedere. Non dimentichiamo che la realtà è più importante dell’idea” (Discorso del Santo Padre Francesco ai membri della Fraternità politica "Chemin Neuf", Sala Clementina Lunedì, 16 maggio 2022)

Quindi diventa importante non fossilizzarsi sulle proprie idee ma andare incontro alle esigenze dell'altro, ascoltando con il cuore e non con le orecchie. Politica, per me che sono cristiano, vuol dire prossimo, vuol dire ascolto, vuol dire amore. La politica è essere più importanti dell'idea, è andare oltre i partiti, bisogna "cercare la realtà e non perdersi nel conflitto". Inoltre non bisogna mai smettere di stupirsi, di meravigliarsi, perché solo così potremo trovare Dio in tutto quello che facciamo, solo così potremo provare ad immedesimarci nelle persone che incontriamo e a guardare la realtà non più con i nostri occhi ma con quelli di chi cerca il nostro aiuto.

[Giovane del Comune di Barletta

 candidato alle elezioni amministrative]

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.