Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Elezioni e parrocchie, Nina Fabrizio intervista Rocco D'Ambrosio

Elezioni e parrocchie, Nina Fabrizio intervista Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 12:56
Don D'Ambrosio spiega che l'attuale quadro politico "preoccupa" soprattutto le istituzioni educative, comprese quelle cattoliche e dimostra "le conseguenze estreme e negative di venti anni di berlusconismo", ma allo stesso tempo "indica uno spazio tutto da riempire".

 

(di Nina Fabrizio) (ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 2 NOV - La campagna elettorale é iniziata: "perché allora le comunità cattoliche, le diocesi e le parrocchie non organizzano momenti di riflessione cristiana sul voto ponendo una domanda molto semplice: qual è la scelta più coerente con la nostra fede? Partendo da Gesù, si dovrebbe dire: Gesù è contento se vado a votare? Se voto questo o quell'altro candidato?". E' la sfida lanciata attraverso l'ANSA da don Rocco D'Ambrosio, sacerdote, docente alla Pontificia Università Gregoriana e creatore delle Scuole di formazione all'impegno sociale e politico.
Don D'ambrosio spiega che l'astensionismo e il boom del movimento di Beppe Grillo emersi con le elezioni regionali in Sicilia, "preoccupano" soprattutto le istituzioni educative, comprese quelle cattoliche, dimostrano "le conseguenze estreme e negative di venti anni di berlusconismo", ma allo stesso tempo "indicano uno spazio tutto da riempire". E' necessario, avverte, "in questa fase più che mai un impegno responsabile dei cattolici" che può partire "proprio dalle parrocchie".
"Partiamo da Gesù - propone l'esperto di formazione politica -, apriamo le porte delle comunità cattoliche e parliamo di politica, non tanto di schieramenti o di persone ma del nostro modo di essere cristiani in politica. Non dobbiamo pensare che la politica sia il regno del diavolo o un tabù. Il metodo è quello della parola di Dio, ci si basi sulla Bibbia che è un libro di esperienze di un popolo nella storia che si é chiesto quale potere è secondo Dio e quale non lo è". Secondo don D'ambrosio, "il rinnovamento è urgente" tanto a destra quanto a sinistra, ma deve essere "autentico", "non una presa in giro, quando poi agli statuti si fanno le deroghe". "Nella mia esperienza - racconta - incontro continuamente persone della società civile che vogliono impegnarsi e spesso già lo fanno a livello locale ma poi si scontrano con le strutture chiuse dei partiti che non sono affatto facilmente accessibili".
Quella di Luca Cordero di Montezemolo, leader di Italia Futura, "mi sembra più che altro un'operazione di vertice", osserva poi il docente di etica politica sull'iniziativa del Manifesto "Verso l'Italia della Terza repubblica", firmato anche dal ministro Andrea Riccardi. "L'acqua alla sorgente - spiega con una metafora - può anche essere pura ma scendendo a valle raccoglie detriti. Bisognerebbe lavorare di più sul modello dei geyser che fuoriescono dal basso", auspica don D'ambrosio, "come formatore vedo che molte realtà locali gettano una luce di speranza sul panorama fosco della politica italiana". L'idea di una alleanza tra cattolici e liberali comunque per D'Ambrosio non è sbagliata. "Nella storia di questo Paese - spiega infatti - i cattolici non sono mai stati maggioranza e come minoranza hanno sempre avuto bisogno di cercare mediazioni e quindi alleanze". "Come già indicato da papa Paolo VI del resto - aggiunge - quello dei cattolici non è un problema di schieramenti o appartenenze ma di coerenza. Le alleanze però facciamole sulle strategie, non sui principi.
Questo è il punto".
Ma le gerarchie cattoliche del Paese come guardano alla realtà politica italiana? "In alcuni momenti - osserva D'Ambrosio - sembrano guardare ancora alla forma partito e meno alla politica quindi a Monti, o a un centro guidato da Casini che appare come quella vecchia idea per cui i cattolici hanno ancora bisogno di un partito alla maniera del partito popolare spagnolo. Altri, invece, guardano meno al partito e più alla politica perché questa è in crisi". Del resto, osserva ancora, essere cattolici di per sé non è una garanzia. "In tutte le ultime indagini di corruzione - afferma - quanti cattolici sono emersi come coinvolti? Molti. A quale partito appartengono? Tutti, e dal tesoriere di partito al presidente di Regione fanno parte dell' associazionismo cattolico".

fonte: ANSA.

Azioni sul documento
  • Stampa
frankgreco
frankgreco :
05/11/2012 18:44
E' necessario che i cattolici prendano coscienza di una loro profonda responsabilità nella definizione di una politica del servizio che spesso viene ostentata come tale ma che in realtà non lo è.
Prossimi eventi
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
La comunità che viene dal futuro: ricordando Franco Ferrara 30/11/2019 09:00 - 17:30 — Sala De Deo, Palazzo Comunale, via G. Rossini, Gioia del Colle (Ba)
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.