Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / È stata la mano di Dio: una riflessione, di Francesco Occhionigro

È stata la mano di Dio: una riflessione, di Francesco Occhionigro

creato da Matteo L. ultima modifica 01/12/2021 09:12
A pochi giorni dall'uscita nelle sale, l'ultimo film di Paolo Sorrentino affascina tutti con la forza dirompente di una Napoli che si perde fra i ricordi e i sogni

Se dovessi esprimere in pochissime parole ciò che “E’ stata la mano di Dio” rappresenta direi che è un capolavoro, il miglior film di Paolo Sorrentino. Il regista si conferma essere forse l’unico in Italia a portare avanti quella tradizione autoriale cinematografica di qualità per cui siamo famosi nel mondo. Questo film lascia tanti spunti ed emozioni che vanno riordinate.

Sorrentino ci regala la sua giovinezza, in quello che è a tutti gli effetti un racconto di formazione. Questo film è nato dalla memoria del regista nella quale ci fa gentilmente accedere: tra familiari grotteschi ed esilaranti, dubbi sul proprio futuro, ferite aperte e Napoli. Napoli che è protagonista vivente tanto quanto il giovane Fabietto, Napoli tra paesaggi mozzafiato e la venerazione per Maradona. Ogni immagine, ogni ricordo, ogni rumore si traduce in un sentimento attraverso la macchina da presa che ancora una volta Sorrentino sa utilizzare in forme sempre nuove e uniche. È paradossale constatare come nel precedente film, vincitore agli Oscar, il racconto della “grande bellezza” di Roma lascia spazio alla fotografia di una società in declino, una “realtà scadente” in cui ci si sente soli e spaesati. Sorrentino ha semplicemente rinviato il racconto di questa “grande bellezza” e lo ha fatto tornando a casa, tornando alle sue origini, alle sue memorie, proprio come il regista e suo mentore Antonio Capuano annuncia in una delle scene più potenti del film: “Chi è di Napoli torna sempre a Napoli”.

Il nostro sguardo viaggia come viaggia lo sguardo di Fabietto, curioso e disilluso, alla ricerca di qualcosa di ancora ignoto. Vediamo il ritratto famigliare di una Napoli piccolo borghese che si era dimenticata e che ricorda molto le commedie di De Filippo: personaggi grotteschi come la signora Gentile, numeri da giocoliere della mamma, fidanzati “deludenti”, gite in barca, scherzi telefonici e bottiglie di conserva che scoppiano. Questa Napoli non veniva raccontata da troppo tempo attraverso una cinepresa che mostra fin troppo le periferie e si concentra poco sulla poesia. Il piano sequenza iniziale sul golfo e le note finali di Pino Daniele ridanno vitalità a questa città.

Non possiamo parlare di Napoli senza parlare di Maradona, “la mano di Dio” che salva. Non a caso il film inizia con questa frase del Pibe de Oro: “Ho fatto quello che ho potuto, non credo di essere andato così male". Ed infatti non è andato così male. Maradona, la rivoluzione, la perseveranza. Sorrentino attraverso la sua esperienza ha mostrato effettivamente cosa è Maradona per Napoli: una mano che salva, è il riscatto dei vinti, è il talento che si realizza con la perseveranza che lo stesso Sorrentino, con il suo successo, dimostra di avere (proprio come il fratello Marchino preannuncia mentre ammirano le prodezze del Numero 10). In grado di fermare il tempo, bloccare i litigi e le sofferenze, Diego Maradona è stato per Napoli ciò che il cinema è stato per Fabietto: “La realtà non mi piace più, la realtà è scadente! Per questo voglio fare il cinema”.

Il cinema di Fellini ha chiaramente influenzato questo film tanto da ritagliarsi uno spazio tutto suo. Fabietto osserva con ossessivo stupore il “circo della vita” bizzarro ed esilarante che sfila fuori dagli uffici del regista. Fellini non si vede mai ma il suo cinema sì: l’onirico fa da ponte tra la realtà che Sorrentino mette in scena e la biblioteca di ricordi che riaffiorano dalla sua mente. La scena iniziale in cui zia Patrizia incontra san Gennaro in una Rolls Royce alla fermata di un autobus, l’enorme lampadario e il Monaciello sono la più bella dedica che Sorrentino, attraverso il suo personale racconto, poteva fare al Maestro.

Un po' di Fellini lo notiamo anche dall’erotismo anticonvenzionale che domina il film. Le figure di Zia Patrizia e della Baronessa sono di una sensualità autentica, compromessa e viva. In particolare, la prima ha un legame particolare con Fabietto: lui è l’unico che crede alle sue visioni e lei è l’unica che crede ai suoi sogni e ciò dimostra quanto sogno e pazzia non siano poi concetti così diversi.

A primo impatto è difficile accorgersi della quasi mancanza di musica nel film e ciò non è un difetto. Nonostante Fabietto porti sempre con sé walkman e cuffie domina il rumore: i fischi d’amore dei genitori, il tuff tuff tuff poetico di Armando, il ribollire dello Stromboli, lo scoppio delle bottiglie di conserva nei pentoloni e il mare di Napoli onnipresente. Sono i rumori ciò che più ricordiamo della nostra remota infanzia insieme alle immagini che si confondono con il sogno. Sorrentino racconta tutto questo!

Questa è la storia di un ragazzo in cerca del suo futuro, è la storia di un ragazzo che è costretto a diventare grande troppo presto, è la storia di un ragazzo che vuole fuggire la realtà, è la storia di un ragazzo “disunito” che non sa cosa poter dire al mondo, è la storia di un ragazzo che va a Roma come uno “stronzo” e torna a Napoli perché è questo il suo destino.

Solitamente gli aspiranti registi pensano di poter esordire con il film sulla loro vita cadendo molto spesso nel banale e nella carenza di contenuti. Ci dà una lezione importantissima: l’autobiografico è un terreno impervio. Sorrentino lo sa bene e per questo ha realizzato il film in età matura, dopo aver raggiuto il massimo successo, facendo i conti col passato in quello che è un cerchio poetico che si chiude. Con il monaciello che benedice il suo futuro e Napoli nel cuore attraverso una musica che finalmente si rivela con le note di Napul’è.

 

[Studente presso La Civica Scuola di Cinema "Luchino Visconti", Milano]

Azioni sul documento
  • Stampa
Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo:

Vico II Spineto,2 (c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)

76013 Minervino Murge (BT)

per info:

mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it

cell: 349 6534286

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 124
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Pianeta che vogliamo

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  è in preparazione. 

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?). Tc

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 28 febbraio 2022.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.