Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / E l’Ubuntu irrompe al Meeting, di Riccardo Cristiano

E l’Ubuntu irrompe al Meeting, di Riccardo Cristiano

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 21/08/2021 08:25
Cosa si è detto all’incontro “L’io, la fede e la sfida delle culture” che ha visto protagonisti, al Meeting di Rimini, Adrien Candiard, il domenicano che vive e studia nell’islamica Cairo, e Agbonkhianmeghe Orobator, presidente della conferenza dei gesuiti dell’Africa e del Madagascar…

Sguardi puntati su Adrien Candiard, il domenicano che vive e studia nell’islamica Cairo. Sembra lui il testimone principale del dibattito su “L’io, la fede e la sfida delle culture”. Il tema sembra fatto apposta per capire come vivere, e convivere, con l’islam, il grande interrogativo di questo nostro tempo. Lui non fa certo pentire chi avesse puntato sulla sua testimonianza, visto che spiega egregiamente questa grande domanda con il termine e la percezione della “minaccia”.

Ci sentiamo minacciati, afferma Candiard! Ma chi è minacciato? “Siete minacciati voi, o non lo siamo noi, che abbiamo in casa, nel nostro mondo arabo, i vostri vestiti, i vostri film, i vostri vocaboli e anche, da anni, i vostri eserciti, le vostre portaerei?”. Padre Candiard spiega che il problema non è la minaccia, reale per tutti, ma la percezione della minaccia, che ognuno percepisce solo sull’esperienza della propria realtà, rincorrendo una cittadella, o una fortezza, che lo preservi dalla minaccia.

Ma se l’importanza del peso della minaccia e la realtà della minaccia nelle vite di ogni giorno e nell’interpretazione della realtà è stata espressa in modo accurato e importante, è stato l’altro ospite a presentare il tema forse meno atteso, ma imprescindibile. Quello del dialogo dentro di noi, che chi vive in mondi complessi, proviene da mondi culturalmente complessi, può presentare come espressione del suo io. È stato il caso di Agbonkhianmeghe Orobator, presidente della conferenza dei gesuiti dell’Africa e del Madagascar. Sua madre era una devota della dea del mare, madre della fertilità, suo padre del dio più importante.

Provenendo da una famiglia di religione e cultura ancestrale, ha saputo da sempre che noi nasciamo quando ci viene dato un nome. È in quel momento che diventiamo uomini. Il nome non è una barriera, ha spiegato, ma una porta, o un ponte, che ci consente di essere raggiunti e di raggiungere gli altri. Per questo ci rende esseri umani, ci fa uomini. Quando si è convertito al cristianesimo, padre Orobator si è sentito proporre dai suoi genitori un nome nuovo, Emanuel. Il catechista riteneva il suo nome pagano inadeguato, o impossibile, per un cristiano. Ma lui ha rifiutato di chiamarsi Emanuel, perché lui è nato con il suo nome Agbonkhianmeghe, e non aveva nulla da respingere della sua cultura. Il cristianesimo la ampliava, non la soppiantava.

Questo gli è diventato ancor più chiaro quando è uscita l’enciclica Fratelli tutti”. La fratellanza di cui parla Francesco l’ha ritrovata pienamente e più ampiamente nella sua lingua, nella sua cultura, nell’Ubuntu, l’amicizia cosmologica della sua cultura d’origine. L’amicizia cosmologica insista nel concetto di Ubuntu pone l’accento sulle relazioni e sulla convivenza reciproca. L’umanità di ogni individuo si realizza attraverso la relazione con altri esseri umani con i quali si è in stretto rapporto, ma anche con quelli con i quali le relazioni sono soltanto remote. Questa amicizia diviene nell’Ubuntu cosmologica, perché non si può essere felici da soli.

L’Ubuntu, ha spiegato padre Orobator, riconosce l’originale natura dell’umanità dell’altro, che definisce dignità umana. Quando ne avevo letto su La Civiltà Cattolica, in un bel saggio di questa primavera, avevo avuto la sensazione che solo i gesuiti sapessero legare così chiaramente e profondamente tante culture che trovano nella dignità umana la loro espressione e conferma. Va così anche per l’islam, che proprio un gesuita tempo fa ha sottolineato che ritiene che Dio abbia conferito per natura a ciascun essere umano i suoi inalienabili diritti. 

Non mi ha sorpreso così che padre Orobator sia anche lui un gesuita, ma mi ha interessato che lui abbia collegato l’Ubuntu anche a quel sentimento di amicizia per la terra, il creato, che induce nella sua cultura d’origine a ritenere che ogni azione fatta per difendere la terra sia un’azione per difendere noi stessi e tutti gli altri, che viviamo in e con questa terra.

Il dominazionismo mi è sembrato lontano dallo sguardo cosmico della fratellanza, e padre Obrador ha spiegato benissimo come questo sguardo cosmico sia anche africano.

 

https://formiche.net/2021/08/ubuntu-irrompe-meeting-rimini/

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.