Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Riforma costituzionale e “scettro” del cittadino, di Luigi Lochi

Riforma costituzionale e “scettro” del cittadino, di Luigi Lochi

creato da webmaster ultima modifica 20/10/2016 16:52
Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo contributo di idee a proposito del dibattito intorno ai significati della Riforma costituzionale.

Al di là delle tecnicalità in cui si articola, la Riforma Costituzionale rivela una ratio, un significato profondo, che si collega ad un processo di “perfezionamento” della Costituzione del 1948.

Le riforme istituzionali – osservava nel 1988 Roberto Ruffilli, artefice di un disegno riformatore tragicamente interrotto dalla mano violenta delle brigate rosse – se vogliono essere indirizzate allo sviluppo delle conquiste della democrazia repubblicana….debbono collegarsi ad un perfezionamento della Costituzione…”. Un perfezionamento richiesto – continuava Ruffilli -  “dagli innegabili limiti del disegno costituzionale in ordine ad una forma di governo parlamentare non compiutamente realizzata per quanto riguarda la stabilità dell’Esecutivo. Limiti che non sono il risultato di scelte astratte o arretrate; sono invece l’effetto del mancato accordo pieno alla Costituente tra le forze antifasciste sui fondamenti della democrazia. In ogni caso, il completamento di un tale accordo rende possibile adesso andare avanti nell’opera lasciata a metà dalla Costituente, creando le condizioni, anche istituzionali per il rapporto dialettico fra un Esecutivo stabile ed un Legislativo saldo, sulla base di un’applicazione adeguata del principio di maggioranza, reso efficace dalla possibilità dell’alternanza” (Roberto Ruffilli – Il cittadino come arbitro, pagg. 398-399, Il Mulino 1988).

Nella prospettiva di un completamento del disegno costituzionale, Ruffilli introduce due esigenze: la stabilità del governo; la saldezza (diremmo oggi l’efficacia dell’azione legislativa) del Legiferare. A queste due domande può rispondere solo un sistema democratico fondato sul principio di maggioranza, che per definizione esclude ogni tipo di consociativismo e di trasformismo, e sulla possibilità dell’alternanza.

E’ proprio la democrazia dell’alternanza  la ratio della Riforma costituzionale. Un obiettivo antico che finalmente viene raggiunto. Il completamento del disegno costituzionale nella sua parte riguardante l’organizzazione dello Stato.  Per il conseguimento di questo obiettivo, generazioni di cattolici democratici  (dalle ACLI alla FUCI)si sono impegnate, a partire dalla stagione referendaria del 1993 per la abolizione delle preferenze:  strumento considerato, allora, foriero di corruzione, ed oggi invece esaltato come massima espressione della “sovranità popolare”.

La riforma, infatti, come sottolinea Sergio Fabbrini, neutralizza tre aporie che l’attuale sistema istituzionale costantemente manifesta. La prima, l’instabilità degli Esecutivi , è superata grazie al riconoscimento del potere di fiducia solamente alla camera dei Deputati. La seconda, l’incertezza legislativa, è superata attraverso il riconoscimento al governo di una corsia preferenziale alla Camera dei deputati per i disegni di legge considerati prioritari in base al programma politico per il quale ha ottenuto la maggioranza. La terza, la conflittualità tra governo nazionale e governi regionali, è superata attraverso un ri-centramento dei poteri (Sergio Fabbrini, Democrazia governata per pesare in Europa – Il Sole 24 Ore 9.10.2016).

La Riforma si colloca, dunque, a valle di un processo di perfezionamento del disegno costituzionale reso possibile grazie al definitivo superamento delle condizioni storico-politiche che avevano reso incompleto quel disegno. Si potrebbe dire, ancora, grazie ad un processo di “laicizzazione” del confronto politico.

Tutto il resto è pretestuosa polemica, o se si vuole, l’estremo tentativo delle ideologie, di destra  e di sinistra , di tornare a interpretare, con strumenti ormai logori, la realtà della vita delle Istituzioni e quindi delle Comunità.

Luigi LOCHI

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.