Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Cittadinanza e preghiera attive, di Rocco D'Ambrosio

Cittadinanza e preghiera attive, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/09/2015 12:42
Un nuovo invito di Francesco a impegnarsi in politica come cristiani nella linea di una cittadinanza attiva e di una preghiera attiva...

 

 

ANSA-VATICANO/ Papa: D'Ambrosio,parrocchie riluttanti a politica
Rimettere tema a ordine del giorno consigli pastorali con corsi
ROMA
(di Nina Fabrizio) (ANSA) - ROMA, 16 SET - Le parole di papa Francesco che questa mattina ha lanciato un appello ai cattolici a "immischiarsi" in politica sono "perle di saggezza che piano piano dobbiamo unire in una collana di un Papa che vuole spronare i fedeli a interessarsi e impegnarsi nella vita politica". "La novità del suo intervento sta nel fare sintesi tra due grandi correnti ecclesiali ancora presenti, quella di chi dice 'noi dobbiamo pregare però io non voglio essere coinvolto, non voglio sostenere correggere, partecipare', e, dall'altra, quella di chi si impegna molto magari perdendo il riferimento di fede: è Dio che cambia i cuore sia dei cittadini sia dei politici". Lo afferma all'ANSA don Rocco D'Ambrosio, docente alla Pontificia Universita' Gregoriana e creatore delle Scuole di formazione all'impegno sociale e politico, secondo cui "la bellezza del discorso di Bergoglio sta nell'aver messo insieme le due cose, la cittadinanza attiva e la preghiera attiva". Tuttavia, D'Ambrosio avverte anche come, nonostante i numerosi appelli in tal senso sia di papa Francesco sia prima di Benedetto XVI, nel mondo cattolico, a cominciare dalle stesse parrocchie, c'è ancora molta resistenza ad impegnarsi. "Gli appelli - spiega il docente - sono accolti con entusiasmo per lo più da chi è già su questa linea, mentre nelle comunità parrocchiali continua a esserci una resistenza all'impegno politico, che non è visto come una forma alta di carità.
Questo accade - aggiunge - un po' per un deficit di formazione e un po' per alcune cattive testimonianze del rapporto tra comunità cattoliche locali e classe politica". Sul ruolo delle gerarchie, D'Ambrosio spiega che è necessario "passare dalla programmazione alla formulazione della nostra pastorale: se queste parole del Papa ci entusiasmano, il passo successivo è che nella vita parrocchiale e diocesana, si deve riporre la tematica all'ordine del giorno dei consigli pastorali, vanno incentivati i corsi di formazione specifica per catechisti e pastori su fede e politica e riutilizzate le scuole di formazione politica".
"Le operazioni di vertice e di ricostituzioni di presunte aree cattoliche o partiti - osserva poi il docente sull'esperienza di Todi - non servono a molto e quella di rifare la Dc sembra un'eterna tentazione italiana perché molti cattolici sono più interessati a conservare il potere che all'umiltà e all'amore per il popolo, come dice il Papa".
Nelle perle di saggezza che Francesco offre, del resto, aggiunge D'Ambrosio, "c'è molta più insistenza sull'aspetto della testimonianza e dell'annuncio coerente del Vangelo e meno su alcuni temi etici che nel passato, spesso, sono stati annunciati in maniera inopportuna, troppo insistente". "Si pensi - conclude - all'aver preferito i temi di bioetica e morale familiare rispetto a quelli sociali e politici". (ANSA).
Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.