Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Cattolici, politica e... resistenze.

Cattolici, politica e... resistenze.

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/05/2017 21:20
Intervista di Fausto Gasparroni, dell'ANSA, al nostro direttore Rocco D'Ambrosio sul discorso di Papa Francesco all'Azione Cattolica...

>ANSA-BOX/ Cattolici e politica;"bene Papa,ma troppe resistenze"

D'Ambrosio (Gregoriana), vescovi e movimenti non aiutano impegno

ROMA

(di Fausto Gasparroni) (ANSA) - ROMA, 3 MAG - L'appello di papa Francesco ai cattolici a "mettersi in politica, ma nella grande politica, quella con la maiuscola" - pronunciato domenica scorsa durante l'incontro con l'Azione Cattolica - ha suscitato apprezzamenti e, in certi casi, entusiasmi. Ma quello che la realtà concreta dipinge oggi dell'impegno politico dei credenti è uno scenario diverso, caratterizzato da molte resistenze nelle realtà locali, tali da frenare un possibile maggior coinvolgimento di giovani e adulti che pure ne avrebbero l'intenzione e la volontà. A descrivere una situazione di poche luci e molte ombre è un esperto del campo specifico, don Rocco D'Ambrosio, docente di Filosofia Politica all'Università Gregoriana e animatore della rete di scuole di formazione politica "Cercasi un fine".
"Continuamente nel suo magistero, sin dalle prime settimane del pontificato, papa Francesco ha fatto riferimento all'impegno dei cattolici in politica - dice all'ANSA -, come quando disse: 'non fate come Pilato, cioè lavarvi le mani'. E l'accento sulla 'P' maiuscola, cioè sulla 'grande politica', a mio avviso è un riferimento alle grandi scelte delle forze politiche in termini di benessere distribuito, governo dell'economia e accoglienza".
Ma nella realtà concreta questo in cosa si traduce? "Do solo un dato numerico - osserva D'Ambrosio -: a fine anni '90 furono censite in Italia più di 200 scuole diocesane di formazione politica, quasi quanto il numero delle diocesi. Attualmente sono scese a un terzo. Il che vuole dire che, al di là dell'attenzione a questi discorsi, il mondo cattolico italiano fa fatica ad accogliere l'invito del Papa a una formazione seria da cui scaturisca un impegno alla politica alta". Il motivo, per l'esperto, autore tra l'altro del recente "Ce la farà Francesco? La sfida della riforma ecclesiale" di cui è appena uscita negli Usa l'edizione inglese, è che "c'è un modello di Chiesa che non ha superato forme di allergia e di rifiuto della politica, derivanti da un'errata interpretazione della scelta religiosa del Vaticano II". La "responsabilità", secondo D'Ambrosio, "è dei pastori, dei vescovi, e anche dei laici alla guida di associazione, gruppi, movimenti". "Il Concilio - ribadisce - aveva detto: si curi assiduamente la formazione politica. Oggi la domanda è: quanta assiduità c'è in questa formazione?".
Il sacerdote e docente fa anche esempi concreti: "In una realtà locale non è difficile trovare 30-40 giovani e adulti che si vogliono formare cristianamente alla politica. Io ho visto in molte realtà queste persone poi in difficoltà a realizzare un itinerario concreto, perché trovavano resistenze nei pastori e in altri laici nell'avviare questi percorsi". Quindi "l'impegno non prosegue per quelli che si voglio formare, ma c'è anche un altro "grosso capitolo", cioè "la cura pastorale dei cattolici già impegnati in politica, che spesso si sentono abbandonati, soffrono di solitudine". E anche qui la responsabilità è "dei vescovi, degli uffici diocesani". Un aspetto che si riflette su "parlamentari, consiglieri regionali, sindaci". Insomma, sono lontani i tempi del 'boom' delle scuole nate dopo il Centro Arrupe di Palermo, con l'impegno del laicato a cui è stata data però "una risposta in genere molto istituzionale, accademica, che non ha incontrato la domanda reale di formazione politica".
E i movimenti? "Uno che lavora bene sui temi politici è quello dei Focolari, rispetto ad altri - sottolinea D'Ambrosio - che di politica si sono interessati per condurre affari non sempre puliti. Un altro esempio è l'Azione Cattolica, che ha sempre mantenuto un'attenzione a questi temi, anche se raramente l'attenzione si è tradotta in itinerari specifici nelle diocesi e nelle parrocchie. Ho visto realtà dove si sono posti diversi ostacoli ai giovani che si volevano formare politicamente".
(ANSA).

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.