Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Cattolici e laicità dello Stato, di A. Donatella Rega

Cattolici e laicità dello Stato, di A. Donatella Rega

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 27/07/2021 08:47
Se la Chiesa lavora sulle coscienze annunciando il Vangelo, lo Stato difende i diritti di tutti i cittadini e si interessa di normare la vita della Nazione nel rispetto di tutti...

 

Art. 7 della Costituzione Italiana: lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti, accettate dalle due parti, non richiedono provvedimento di revisione costituzionale. (Vi è stata una importante modifica dei Patti nel 1984, con il Governo Craxi,  tutt’ora vigente,  che ha introdotto alcune agevolazioni e riconoscimenti per la Chiesa.)

E’ interessante notare come dal 1999 in poi, mentre erano insediati due governi di sinistra, alle scuole cattoliche paritarie sono stati riconosciuti finanziamenti statali (con Prodi e D’Alema) e tali norme sono state rinsaldate dal successivo governo Berlusconi. Il tutto con una interpretazione particolarmente aperta dell’art 33 della nostra Costituzione. 

Ma torniamo all’art. 7. “Ciascuno nel proprio ordine è indipendente e sovrano.”

Se la Chiesa lavora sulle coscienze annunciando il Vangelo, lo Stato difende i diritti di tutti i cittadini e si interessa di normare la vita della Nazione nel rispetto di tutti coloro che ne fanno parte o che transitoriamente vi soggiornano o che ne sono ospiti stranieri. 

Non può essere altrimenti.

Paradossalmente, quando alcuni cattolici pretendono imporre la loro visione della vita a tutta la Nazione attraverso le leggi dello Stato, magari in buona fede, fanno un torto ai propri principi, spesso senza accorgersene.

Ha forse Dio imposto le Sue leggi con la forza senza lasciare scelta agli esseri umani? Assolutamente no. Ognuno è libero di scegliere tra il bene ed il male, questo è proprio il fondamento della Creazione, che in tal senso è perfetta. Dio non ha voluto creare robot che dicono sempre sì, ma esseri umani che scelgano liberamente di rispondere sì al Suo amore infinito.

Per lo stesso motivo, se lo Stato, magari in buona fede,  legifera a favore di questioni moralmente inaccettabili per un cattolico, ma fondamentali per alcuni cittadini agnostici, atei, o di qualsiasi altra confessione religiosa, sarebbe un paradosso chiudersi nel giudizio tranciante, perché non solo ci è stato detto che non dobbiamo giudicare ma addirittura piuttosto di amare i nostri nemici e pregare per coloro che ci odiano. 

Incredibilmente la laicità dello Stato, nel rispetto della libertà di culto, è il modo migliore per consentirci di restare fedeli al nostro Credo.

Questa che, secondo me, è una verità,  viene disconosciuta o misconosciuta da gran parte dei cittadini credenti ma anche non credenti per cui si creano divisioni artate che, un vero seguace di Cristo, non ha motivo di alimentare. 

Ovunque nel Vangelo si comprende che noi cristiani non dobbiamo imporre il nostro Credo, semmai annunciarlo.

Nei brani che riguardano la correzione fraterna, per esempio. Addirittura Cristo dice che è necessario che nel mondo ci sia il male e ci dà un limite ai tentativi di convincimento di chi sbaglia.

Perché quindi ci lasciamo giocare e dividere da alcune forme scandalistiche di dibattito su leggi che in fin dei conti seguono la storia del nostro tempo? Ci sono manipolazioni a fini di interessi elettorali, che spingono il nostro voto verso chi, neanche volendo, potrebbe difendere gli interessi degli ultimi, di cui noi cattolici ci dovremmo fare paladini.

La sinistra che non fa più cose di sinistra a sua volta sembra abbracciare solo tesi che infastidiscono i cattolici, indietreggiando sempre più (perché i cattolici erano una forte base elettorale per la sinistra storica). Una buona parte dei cattolici vive male l’apertura verso chi la pensa diversamente (eppure Gesù non ha mai fatto una cosa simile, anzi! Andò a cenare con Zaccheo che era un esattore delle tasse e quindi se la faceva con gli invasori Romani, con i nemici e i pagani). 

Insomma, perché noi cattolici non rimandiamo al mittente tutta questa artata divisione? Se abbracciassimo i gay, ed andassimo a trovare i moribondi, se stessimo vicini alle ragazze che scelgono l’aborto ed alle coppie che divorziano, se in definitiva tenessimo fede all’insegnamento “amatevi gli uni gli altri”, se accogliessimo gli stranieri, non avremmo già vinto? E tutto ciò soltanto seguendo il Vangelo!

Lasciamo a Cesare quel che è di Cesare ed apriamo il cuore a quelli che consideriamo pagani e diversi. Il mondo si capovolgerebbe in bene senza dubbio e chi cerca di scandalizzarci per allontanarci oppure chi fa finta di scandalizzarsi per attirarci getterebbe la maschera. 

 

Angela Donatella Rega [redazione Cercasi un Fine]

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
La Vignetta, di Martina Losito

"La disoccupazione"

La vignetta, di Martina Losito 

*Martina Losito, studentessa di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano.

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 123
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Rinascita

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?); in preparazione. 

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.