Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Brutti presentimenti politici, di Rocco D’Ambrosio

Brutti presentimenti politici, di Rocco D’Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/12/2016 23:15
Una nota sul nuovo governo Gentiloni...

 

Mentre guardavo il giuramento dei ministri del nuovo governo mi venivano in mente brutti presentimenti. I ministri giuravano e giungeva la dichiarazione sarcastica di Di Maio: “Squadra perdente non si cambia!” e quella di D'Alema sui voti che il PD perderà. E come non dar loro ragione?! Il governo entrante è una fotocopia (brutta) dell’uscente. I referendum possono anche essere vinti e stravinti da una maggioranza popolare, ma poi Governi e Parlamenti, incassano il colpo, fanno finta di cambiare, ma continuano imperterriti sulla loro strada. Ci ricordiamo il referendum sull’acqua? E gli altri? E’ una sorta di cliche che si ripete spesso, ovviamente mentre crescono rabbia, populismi e cultura anticostituzionale.

Cosi il governo attuale continua la linea Renzi. Era troppo bello credere al suo discorso del 4 dicembre notte: sembrava di essere diventati una democrazia normale, quella dove chi perde va a casa, ritorna al suo lavoro (cosa difficile per diversi nostri politici, visto che non lo hanno), semplicemente scompare. Troppo bello per essere vero, perché noi siamo in Italia. Chi perde o continua a restare in sella, oppure fa finta di dimettersi per governare in altri modi e da altri luoghi. Tranne stucchevoli messaggi sul ritorno a casa dopo le dimissioni, che tentano di strappare lacrime, che andrebbero invece versate per questo indegno panorama politico.

Il governo attuale è l’ennesimo capolavoro dell’attuale maggioranza del PD. Ovviamente questo è un giudizio politico, che nulla toglie alle capacità personali del nuovo presidente e dei singoli ministri di fare del bene, come la Costituzione comanda. Tuttavia non si può trascurare il riferimento a Renzi, che di capolavori, con i suoi  fedelissimi, ne sta compiendo molti. Non c’è solo quello della disastrosa riforma costituzionale c’è anche la vicenda Roma, tra i maggiori disastri compiuti. Ricordiamo: il PD renziano silura Marino (che con i suoi vistosi limiti stava comunque rinnovando e moralizzando l’amministrazione romana), impone Giachetti alle primarie (opponendosi a candidature locali e serie) e consegna la città alla Raggi, l’inizio del disastro. I 5S avranno pure il loro seguito, ma quanto pesa il disastro del PD renziano, nel “regalare” loro voti?

Cosi se questi non saranno solo presentimenti – mi auguro che siano e restino tali per sempre – vedremo sempre più un PD compiere il suo disastro-prodigio portare – nel senso di aiutare vigorosamente – Grillo a Palazzo Chigi. In leader populisti, arrabbiati e antistituzionali siamo in compagnia crescente: per ora Trump negli USA, ma poi? Cosa sarà in Germania, Francia, Italia? Ma mi auguro che siano solo presentimenti e che questo Governo, nonostante tutto e contro tutto, possa assolvere bene al suo mandato.

Scrive Kets de Vries: “Il potere è un grande narcotico: da vita, nutre, ci rende schiavi. Chi lo possiede ha in genere lavorato duramente per ottenerlo e non ha nessuna voglia di rinunciarvi. E’ questa assuefazione a far sorgere in individui e organizzazioni tutta una serie di problemi relativi al potere”. Se è questa la situazione, - non solo in politica ma in diverse istituzioni economiche, culturali, religiose, sociali -  la riforma della politica può partire solo da una seria opera di formazione. Il potere inizia la sua funzione narcotizzante molto presto e in maniera diffusiva: qualsiasi omissione o irresponsabilità, nella formazione e nelle nomine, porta, come una grande e crescente cascata, alle degenerazioni che conosciamo.

In altri termini l’unico modo per scongiurare i brutti presentimenti è quello di lavorare per formare una nuova classe dirigente, poco narcotizzata dal potere e molto attenta a fare del bene agli altri, agli ultimi, più che a se stessi.

[L’autore è ordinario di Filosofia politica presso la facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma (www.rocda.it) e direttore delle scuole di politica dell’associazione “Cercasi un fine” (www.cercasiunfine.it)]

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in preparazione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 settembre 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.