Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Bari accoglie il papa pellegrino, di Rocco D'Ambrosio

Bari accoglie il papa pellegrino, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 07/07/2018 08:55
Il nostro direttore, Rocco D'Ambrosio, su Repubblica-Bari, interviene sul senso del pellegrinaggio di papa Francesco a Bari, oggi 7 luglio

 

Di papi pellegrini l’epoca moderna ne ha visti molti. Dal Concilio ad oggi, da Giovanni XXIII a Francesco, i papi hanno visitato luoghi come Lourdes, Fatima, Gerusalemme, Loreto, Częstochowa (Polonia), Nostra Signora di Guadalupe (Messico), Aparecida (Brasile), per citare i maggiori. Oggi il papa è a Bari, sulla tomba di san Nicola. E’ la terza volta in Puglia, nel giro di pochi mesi: coincidenza rarissima, un dono alla terra pugliese che custodisce le spoglie di tre campioni della fede: Nicola di Myra, Tonino Bello e Pio da Pietrelcina. Tre modi, anche, di vivere la fede incarnata in un territorio. Tre vite emblematiche nel coniugare tradizione storica e impegno di fede nel mondo.

Ma, forse, il dato storico più rilevante è che il papa pellegrino è… in compagnia! Lo accompagnano 19 tra patriarchi, vescovi e leader delle varie Chiese del Medio Oriente. E’ un pellegrinaggio comunitario, non personale. Anche se mediaticamente l’attenzione è focalizzata su papa Francesco e il patriarca Bartolomeo, per volontà di tutti, il gruppo è un solum e insieme vengono a incontrarsi e pregare sulla tomba di san Nicola, specie per chiedere pace per le terre martoriate dalla guerra e dal sottosviluppo.

Il promotore è certamente papa Francesco e questo ci riporta immediatamente a un dato del suo magistero: la sinodalità. E’ un termine solenne e antico: richiama uno stile di Chiesa dove il vertice non è tutto e può far tutto, prescindendo dagli altri; ma il capo è tutto e può far tutto perché è in comunione e dialogo costanti con tutti i membri della comunità ecclesiale. In ogni istituzione non esiste solo il leader, che ricopre – diremmo in termini teatrali - il ruolo di attore principale; attorno a lui diverse figure entrano ed escononella scena. Mi riferisco sia alla molteplicità delle relazioni  che un leader può intessere, sia a quelle persone, che recitanouna parteinsieme a lui, cioè ai suoi più stretti collaboratori.

Il potere – anche quello religioso - nella sua intima essenza, è relazionale (politikon, direbbe Aristotele), cioè nasce tra le relazioni umane e per esse. La Arendt attribuisce questa natura relazionale allo stesso suo sorgere. Infatti il potere emerge ogni volta che la gente “si unisce e agisce di concerto”. E altrove afferma che la sfera politica sorgedirettamente dall’agire insieme, dal “condividere parole e azioni”. La relazionalità vale anche per le degenerazioni del potere. Infatti anche in esse -  dittature, sistemi totalitari, criminalità organizzata e così via – i capi hanno aggregato per una finalità e condiviso il potere con un gruppo, fosse pure in maniera minima.

Sin dall’inizio del suo pontificato, con espliciti riferimenti nei suoi discorsi e scritti, papa Francesco sta indirizzando, con maggior forza, la Chiesa verso uno stile sinodale. Si pensi anche alle sue scelte di governo, come l’istituzione di un gruppo di cardinali consiglieri (cosiddetto C9), la preparazione e conduzione degli stessi sinodi, le varie commissioni e consigli.

Nel pellegrinaggio odierno la sinodalità è applicata in termini ecumenici: l’impegno per la pace nel modo, specie nelle zone di guerra, è impegno di tutte le Chiese, di tutti i membri di esse, pastori e fedeli laici. Da questo punto di vista non si può trascurare il coraggio di papa Bergoglio: già la sinodalità è un elemento difficile all’interno delle Chiese, figuriamoci nel cammino ecumenico! Ma è un papa che di coraggio ne mostra tanto, non solo in questo campo ma anche in altri della vita ecclesiale e civile.

Credo che la sinodalità dell’incontro odierno sia ben sintetizzata in un passo dell’enciclica “Laudato si’”: “Occorre sentire nuovamente - scrive Francesco - che abbiamo bisogno gli uni degli altri, che abbiamo una responsabilità verso gli altri e verso il mondo, che vale la pena di essere buoni e onesti. Già troppo a lungo siamo stati nel degrado morale, prendendoci gioco dell’etica, della bontà, della fede, dell’onestà, ed è arrivato il momento di riconoscere che questa allegra superficialità ci è servita a poco” (n. 229).

I cristiani di ogni Chiesa locale – ortodossa, cattolica e protestante - e di ogni luogo del villaggio globale hanno bisogno gli uni degli altri per essere più fedeli al Cristo e per essere più luce e sale evangelici nelle sfide che il mondo pone. Ognuno conosce la realtà delle proprie Chiese e sa bene come mille tensioni e tradimenti rendono il percorso di autenticità una difficile salita, colma di ostacoli.

La leggenda più famosa su san Nicola riguarda il suo intervento per sal­vare tre innocenti dalla decapitazione, fermando la spada del carnefice. Ci sono molti carnefici nel mondo e molti innocenti uccisi, nel corpo come nello spirito. Da Bari si può ripartire, con più coraggio e forza, per salvare ancor più innocenti e opporsi pacificamente ai tanti carnefici del nostro tempo.

Rocco D'Ambrosio

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C' il razzismo nella Chiesa?) .

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 31 ottobre 2019.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.