Tu sei qui: Home / Meditando / In articoli e commenti di Cercasi un fine / Azzolini, la Costituzione e la coscienza, di Rocco D'Ambrosio

Azzolini, la Costituzione e la coscienza, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 16/09/2015 21:51
Il caso Azzolini merita diverse considerazioni etiche e politiche, credo necessarie e indispensabili perché il nostro Paese cresca nella legalità e promozione del bene comune...

 

Il caso Azzolini merita diverse considerazioni etiche e politiche, credo necessarie e indispensabili perché il nostro Paese cresca nella legalità e promozione del bene comune. Ne espongo alcune, senza nessuna pretesa di esaustività.

Se si legge la relazione del presidente Stefano, che ha richiesto il si all’arresto, si apprende chiaramente, in una prima parte, cosa sia il “fumus persecutionis" in generale, e, nella parte finale, quanto siano infondate le contestazioni di Azzolini, a cui si risponde dettagliatamente e si conclude sull’inconsistenza del “fumus persecutionis”. La relazione si attiene a quanto è richiesto ai senatori.

Il Senato, infatti, non può e non deve entrare nel merito di ciò che spetta solo ai giudici (come insegna la Costituzione). Ciò che spetta al Senato è verificare se da parte dei magistrati c’è stato un atteggiamento persecutorio, con tanto di pregiudizi, accanimento e via discorrendo.

Mi chiedo: perché alcuni senatori si sono spinti addirittura a valutare i fatti e la sussistenza delle prove? In altri termini perché sono entrati nel merito degli aspetti processuali, compito che a loro non spetta? Mio padre chiederebbe: hanno la coscienza sporca e vogliono giustificare il loro no?

Il quadro generale fa pensare a un costante tradimento - non sarebbe il primo, purtroppo - dello spirito costituzionale, che garantisce e difende la separazione dei poteri. I magistrati devono fare il loro mestiere e se sbagliano ci sono modi costituzionali per redarguirli e punirli, nonché correggere i loro errori. In altri termini alle storture del diritto si trova rimedio con il diritto. Ma anche i parlamentari devono fare il loro mestiere e non sostituirsi ai magistrati. In particolare i senatori non possono diventare giudici di Cassazione. Spetta al sistema giudiziario riscontrare errori sul caso Azzolini, come su ogni caso giudiziario, evidenziarli e correggerli.

Uno dei drammi del nostro Paese è pensarsi e operare come "salvatori della patria", dimenticando, molto spesso, che per salvare la Patria bisogna "solo" fare il proprio dovere, con competenza e onestà, giustizia e rispetto del lavoro di tutti; specie in un momento in cui cresce l’antipolitica, da una parte, e la corruzione, dall’altra; ma cresce anche il sospetto che i difetti del governo Renzi siamo molto, ma molto simili a quelli dei governi Berlusconi.

La relazione di Stefano (reperibile sul sito del senato) porta con chiarezza alla certezza morale di un coinvolgimento di Azzolini in attività poco chiare, che spetta alla magistratura dimostrare essere dei reati o meno. Tuttavia diversi senatori hanno votato no, scelta ovviamente da rispettare. Ognuno renderà conto a chi di dovere: agli elettori, ai suoi parenti e amici e al Padre eterno, per chi ci crede. Forse ora bisognerebbe chiedere la cortesia di evitare sia le lacrime del coccodrillo, di chi ha votato contro ma ora si pente, sia l’esercizio dell’arrampicarsi sugli specchi per giustificare il no. Il tutto è troppo. Un po’ di rispetto per l’intelligenza altrui, non farebbe male.

Un'ultima considerazione di tipo politico. Una delle caratteristiche della corruzione non è solo quella di aderire ai meccanismi economici, ma anche a quelli giuridici; in ambedue i casi lo fa modificandone il codice genetico. In altri termini l’incubatrice naturale della corruzione è l’area giuridica ed economica dell’istituzione. Ciò significa che il comportamento corrotto nasce nel contesto delle regole istituzionali e delle dinamiche di scambio, cioè dove gli interessi vengono individuati e disciplinati. Consegue che qualsiasi mancanza di rispetto delle regole e del dettato costituzionale, se non direttamente, almeno indirettamente, favorisce un clima ambiguo e ipocrita, che indicano poca fermezza e convinzione nella lotta alla corruzione.

Le istituzioni, il potere, la politica e la pubblica amministrazione, il mondo imprenditoriale, interi Paesi si corrompono. La corruzione, ha spiegato il papa in una sua omelia: “è proprio il peccato a portata di mano, che ha quella persona che ha autorità sugli altri, sia economica, sia politica, sia ecclesiastica. Tutti siamo tentati di corruzione. È un peccato a portata di mano”. Del resto, ha aggiunto, “quando uno ha autorità si sente potente, si sente quasi Dio”. La corruzione quindi “è una tentazione di ogni giorno”, nella quale può cadere “un politico, un imprenditore, un prelato”.

Per resistere alla corruzione e sanare questi contesti, secondo George Ritter, abbiamo bisogno di un esercizio costante di "ragione, diritto e morale". Ci vuole molta forza (razionale, morale e giuridica) per non cedere alle varie forme di corruzione. Ed è difficile negare che la forza viene a mancare specie quando si scopre che la corruzione investe tutti i settori: dalla sinistra alla destra politica passando per il centro, dallo sport alle comunità religiose, dall’università al terzo settore, dalla burocrazia alle organizzazioni internazionali. Come anche quando si scopre che chi doveva dare l’esempio è peggiore degli altri e spesso ha tanto contribuito al dilagare della corruzione con la propria pessima professionalità e vergognosa immoralità. Eppure resistere è possibile. Lo hanno testimoniato in tanti, uomini e donne di diverse culture e fedi religiose.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Francesco Fravolini
Francesco Fravolini :
30/07/2015 16:37
La politica italiana non è in grado di valutare con lucidità simili decisioni perché è troppo coinvolta a tutelare i propri interessi. Le oligarchie politiche ed economiche stanno trasformando il dibattito politico, riducendo quella sana discussione democratica.

Ognuno deve riappropriarsi del proprio ruolo adottando decisioni per il bene del Paese, altrimenti la deriva istituzionale è garantita. La politica sta offrendo all'Italia e all'Europa un brutto spettacolo dove non riesce a essere protagonista.

E' necessario riprendere saldamente il timone per guidare con serietà e passione uno Stato che ha bisogno di avere certezze.
direttore
direttore :
30/07/2015 18:01
Condivido! Allora diamoci da fare per una sana e convinta politica. Hugs. God bless you
I commenti sono stati disabilitati.
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 121
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Resistere

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? -  è in spedizione.

 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse" (1. Come la pandemia ha cambiato i processi politici? 2. Chi e Come stiamo utilizzando le risorse comunitarie? 3. Quale visione politica ispira il tutto?) Testi da inviare da entro 31 luglio 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.