Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2019 / Romanzo popolare, di Giuseppe Cotturri

Romanzo popolare, di Giuseppe Cotturri

creato da Paolo Iacovelli ultima modifica 16/06/2019 09:10

 

Titolo

 Romanzo Popolare

 Costituzione e cittadini  nell'Italia Repubblicana 

Autore

 Giuseppe Cotturri

Editore

 Castelvecchi

Luogo Data 

 Torino, 2019

ISBN

  • 9788832826135

 

 

INTRODUZIONE

Questa è la storia di una Costituzione democratica tra le più belle del mondo, aperta, inclusiva, progressiva, che fin dall’inizio parti delle classi dirigenti del Paese e forze politiche di maggioranza hanno osteggiato e disatteso, nel quadro di ferree determinazioni di ordine internazionale. Da quarant’anni, poi, governi contrapposti e occasionali hanno tentato di riformarla ciascuno a propria misura e vantaggio. Questa Costituzione però ha messo radici nel cuore degli italiani, in forze culturali e in movimenti di cittadini, che ne hanno sviluppato il disegno dando concretezza a quel che si deve intendere per sovranità popolare e interessi generali. Così dopo “la Repubblica dei partiti” si lotta per affermare una “Repubblica dei cittadini”. Con l’espandersi di pratiche di cittadinanza attiva si sta formando una cultura del costituzionalismo dal punto di vista del cittadino comune che non poche proposte innovative ha già messo in campo.

 

 

GIUSEPPE COTTURRI

Ha insegnato fino al 2012 all’Università Aldo Moro di Bari Storia delle istituzioni politiche, Sociologia  dei fenomeni politici, Sociologia del diritto, Filosofia del diritto. Ha diretto a Roma il Centro studi per la riforma dello Stato (Crs) e la rivista «Democrazia e diritto». Impegnato in uno dei più importanti movimenti civici,  Cittadinanzattiva, come presidente nazionale dal 1993 al 2006  ha contribuito particolarmente a formarne la cultura politica. Tra le sue numerose pubblicazioni, ricordiamo le più recenti: Potere sussidiario. Sussidiarietà e federalismo in Europa e in Italia (2001); Per un altro Mezzogiorno. Terzo settore e “questione meridionale” oggi  (con P.  Fantozzi, G. Giunta, D. Marino, M. Musella, 2009); La forza riformatrice della cittadinanza attiva (2013); Declino di partito (2016); L’occasione mancata. Bari 1968-78 (2018). Con G. Arena  ha curato Il valore aggiunto. Come la sussidiarietà può salvare l’Italia (2010).

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.