Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2019 / Il lavoro su misura, di E. Palladino e M. Ruffa

Il lavoro su misura, di E. Palladino e M. Ruffa

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 19/11/2019 19:45
Un interessate testo sul Coworking e la conciliazione tra lavoro e famiglia...

 

Emilia PALLADINO  - Monica RUFFA

Il lavoro su misura.

I Cowering space e la conciliazione lavoro-famiglia

Meltemi Editore,  Milano 2019

 

La conciliazione lavoro-famiglia è un obiet­tivo auspicabile sia per le coppie che, esercitando differenti ruoli e funzioni rispetto ai più fragili (figli e anziani), cercano di collaborare alla gestione dei tempi di vita, sia per il Legislatore che contribuisce a realizzare il benessere familiare anche attraverso politiche che la favoriscano. In questo quadro trova una collocazione virtuosa lo smart working, la cui flessibilità può venire incontro alle esigenze di lavoratori e lavoratrici, soprattutto se genitori. In particolare una delle sue tipologie, il coworking space (affitto di scrivanie e spazi appositamente attrezzati per il lavoro professionale), sembra avere una certa incisività nell’agevolare le dinamiche della conciliazione.

In questo volume si descrive lo stato dell’arte del legame fra conciliazione lavoro-famiglia e coworking space in Italia, attraverso l’analisi e l’interpretazione dei dati reali di una ricerca sul campo, finanziata dalla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Keywords: conciliazione lavoro-famiglia; smart workingcoworking space; disuguaglianza di genere.

 “Si tratta di comprendere se le opportunità offerte dal lavoro ‘agile’ – lo smart working e in particolare i coworking space – possano in effetti venire incontro alle esigenze di conciliazione lavoro-famiglia o se invece la gestione autonoma del tempo e la scelta del luogo dove svolgere mansioni lavorative costituisca un’ulteriore ‘questione organizzativa’ da armonizzare con le innumerevoli attività quotidiane.”

 

 Le autrici

Emilia Palladino è docente nella Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana a Roma. Insegna temi legati alla condizione della donna in Italia e nel mondo e all’etica della coppia e della famiglia. Si occupa delle connessioni fra lettura sociale e culturale della realtà e insegnamento sociale cristiano, in particolare, negli ambiti del discernimento e delle relazioni umane. Ha pubblicato sui temi diversi saggi e articoli scientifici e divulgativi.

Monica Ruffa sociologa, esperta di politiche partecipative. Attualmente collabora con le pubbliche amministrazioni su progetti che prevedono il coinvolgimento dei cittadini. Segue con interesse i cambiamenti che attraversano il mondo del lavoro, con particolare attenzione alle forme che assume, offrendo nuove opportunità, ma anche rischi da portare alla luce e approfondire. Ha svolto attività di formazione per università private e organizzazioni della società civile sul fenomeno della cittadinanza attiva e sulla sociologia urbana e rurale.

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 122
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Tutti pazzi per i sociale?

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 123 è sulla RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?): in preparazione.

 listing Il n. 124 è su Il Pianeta che vogliamo (1. Che rapporto c'è tra la pandemia e la situazione ambientale? 2. Nuove politiche industriali e del lavoro e impatto sull'ambiente? 3. Cosa cambiare negli stili di vita? 4. Quale il contributo delle religioni?) Testi da inviare da entro 31 maggio 2021.

 listing Il n. 125 è sulla Repubblica "post Covid e tante risorse"  Testi da inviare da entro 31 agosto 2021.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.