Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2017 / Posto, taggo, dunque sono? Nuovi rituali e apparenze digitali

Posto, taggo, dunque sono? Nuovi rituali e apparenze digitali

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/01/2018 09:16
Il libro di Angelo Romeo
Titolo

Posto, taggo, dunque sono? Nuovi rituali e apparenze digitali

Autore Angelo Romeo
Editore Mimesis Edizioni
Dati 2017, 114 pagine
ISBN

9788857536088


Quarta di copertina

In metropolitana, nei ristoranti, nei musei, per strada è difficile che non ci siano persone con gli occhi puntati sui loro smartphone. La società odierna è  ormai perennemente connessa. La rete è uno spazio in cui gli individui quotidianamente vivono, si confrontano, consumano prodotti, musica, emozioni, amicizie, amori. È il luogo degli incontri, degli scontri ma è anche quell’ambiente in cui tutti credono di avere diritto di parola e che l’opinione espressa sia talvolta la più corretta. È il luogo in cui l’immagine, prima ancora dei contenuti, si presenta al contatto, al curioso cibernauta che osserva, gradisce, tagga, commenta, reagisce a post, foto che ritraggono un evento ancora in corso d’opera. È la rete che bellezza, democratica per certi aspetti, liberatoria per altri, luogo di dibattiti accesi, odio, polemiche o semplici pacifici confronti. In questo testo, Angelo Romeo analizza il rapporto tra la rete, la parola e la nuova estetica dei media digitali, dove il dialogo viene riadattato ai rituali del web. Il volume arricchito dalle conversazioni con tre noti studiosi: David Le Breton, Geert Lovink, Junji Tsuchiya, contiene la prefazione di Andrea Scanzi e la postfazione di Maria Caterina Federici.

 

Angelo Romeo, Ph.D. insegna Sociologia all’Università degli studi di Perugia e nella Facoltà di Scienze sociali della Pontificia Università Gregoriana. E’ stato visiting professor all’Università di Barcellona e visiting researcher all’Università di Ginevra. È autore di numerosi volumi monografici, curatele oltre che articoli in collettanee e riviste internazionali tra cui l’International review of Sociology. Tra i suoi ultimi lavori: con M. C. Federici, (a cura di) Sviluppo locale e sicurezza. Lo studio di un caso di area in crisi industriale, Carocci, 2017, gli inediti: Erving Goffman, Rappresentazioni di genere (a cura di, Mimesis, 2015) ed Erving Goffman, Le condizioni di felicità, (a cura di, Mimesis, 2015); Socialmente pericolosi. Le storie di vita dei giovani nei quartieri spagnoli di Napoli, (Mimesis, 2014); Società, relazioni e nuove tecnologie, (Franco Angeli, 2011).

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.