Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2016 / Ortodossia greca ed Europa, un libro di Dimitrios Keramidas

Ortodossia greca ed Europa, un libro di Dimitrios Keramidas

creato da d.daiuto@alice.it — ultima modifica 27/11/2016 09:20
Il saggio esamina la formulazione di diverse scuole di pensiero all’interno dell’Ortodossia ellenofona contemporanea circa il rapporto tra essa e l’Europa.
Titolo

Ortodossia greca ed europea. Percorsi teologici, approcci ecclesiastici, prospettive ecumeniche

Autori

Keramidas Dimitrios
Editore Cittadella
Dati pp. 226, ottobre 2016
EAN

9788830815407


 

prefazione al testo di Germano Marani

L’Europa di cui parla, fra i primi, Erodoto, riteniamo essere non solo un concetto geografico ma anche culturale, e qui intendiamo Europa nel senso più ampio del termine, dei 47 (cf Consiglio Europeo di Strasburgo) e non solo dei paesi della zona UE.  Nel suo lungo cammino storico, l’Europa è stata teatro di grandi confronti di idee, di visioni, di scambi culturali e commerciali molto di più numerosi di quanto si possa immaginare, per la facilità di incontro data dalla posizione geografica e dal Mare Nostrum. L’Europa è cresciuta fra diversi modi di vivere e anche contrasti sia sul piano religioso sia culturale, oltre che su quello ideologico-politico e sociale e, perfino, etnico. Dalla sintesi e contrapposizione tra questi diversi elementi è nato il volto dell’Europa come la conosciamo oggi: unita e sempre alla ricerca di una maggiore unità e al tempo stesso diversificata, multiculturale e multilingue. Il nostro continente si è distinto anche per la sua capacità di accogliere ed integrare nuove componenti e di tollerare pacificamente la convivenza tra ideologie, confessioni e religioni diverse tra loro, ma anche dal suo radicamento alle varie delimitazioni/frontiere confessionali, nazionali e linguistiche e religiose. Ad un primo approccio non sarebbe difficile sostenere che all’interno dell’Europa esistono “diverse Europe”: quella cristiana che, a sua volta, è distinta nella cristianità legata alla tradizione cattolica-romana, quella sorta dalla Riforma e quella ortodossa che, in un certo senso erede di Bisanzio, è alla origine della trasmissione della fede cristiana nell’est e sudest dell’Europa. Esiste anche l’Europa laico-moderna con le sue concezioni di laicità, l’Europa non cristiana, della religione islamica e di quella ebraica, e, infine, l’Europa della finanza e del liberalismo del mercato.

Nel contesto degli ultimi decenni, comunque, é riemersa l’immagine di un’Europa, seppure a due polmoni, con lo stesso ritmo di vita, lo stesso ritmo liturgico cristiano (cf Pasqua e Natale) che sono una base importante di una vita e cultura comuni, nell’Europa dall’Atlantico agli Urali; riemerge in alcuni la coscienza che tutti noi europei, usciamo dal terremoto di due guerre mondiali nel XX secolo e dunque condividiamo la sorte comune di terremotati (cf Jan Patočka); resta la coscienza che la cultura europea ha comunque influenzato, con le sue radici, giudeo cristiane, greco-romane, nel bene e nel male, la cultura mondiale… In tutto questo si sottolinea  l'importanza storica della presenza dell'Ortodossia in Europa, slava, georgiana, rumena ed ellenofona, di origine bizantine, con una presenza di comunità sempre più numerose provenienti dalle Chiese cosiddette Oriental Orthodox Churches, siri, copti, armeni… Si aprono, inoltre, prospettive di incontro e di collaborazione fra ortodossi e cattolici (cf Incontri di Cuba e di Lesbos del 2016) e con le altre chiese cristiane sul piano pastorale e missionario. In questo cammino insieme rimane in sospeso la risposta al problema identitario dell'Europa da parte delle chiese cristiane. Anche le chiese ortodosse ellenofone d’Europa e di Russia e altre Chiese hanno apportato contributi alla stessa tematica. In tutto ciò, come è normale, restano delle divergenze, questioni da approfondire e fra di esse la problematica della ricezione dell'idea Europa da parte della teologia e della chiesa ellenofona contemporanea a partire dalla Grecia (il focus del libro) e la visione più aperta ed inclusiva del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli.

Tali temi costituiscono un argomento originale e di interesse anche per il pubblico italiano ed europeo.

Poiché non è un compito facile affermare con convinzione quale di queste anime europee, qualcuno direbbe con più forza, quale di queste “Europe”, possa rappresentare oggi la prospettiva più verosimile per un futuro basato sulla pace, la prosperità, l’equità e la difesa della dignità umana (non di rado, infatti, ogni approccio porta con sé una valenza di esclusività che non facilita il superamento di letture unilaterali e esclusiviste, basate su antichi pregiudizi di carattere culturali, confessionali, storici e su vecchie lacerazioni dottrinali), tuttavia, oggi piu’ che mai, di fronte ad una realtà molto complessa e tendente alla settorializzazione specializzata, può aiutare, provvidenzialmente, ad andare oltre le divisioni della storia, anche la crisi economica e l’emergenza immigrazione. I cristiani si riscoprono uniti e solidali nei confronti delle vittime delle guerre e delle persecuzioni, ma anche di fronte ad una logica che mercifica il valore della vita umana. E, quindi, si chiedono: Quale missione per le Chiese cristiane in Europa oggi? Qual è il significato del richiamo alle radici cristiane dell’Europa? Forse, quello che non pretende ad una primogenitura dell’Europa ma che significa e intende riaffermare la fiducia nelle energie creative degli uomini di buona volontà contemporanei. Non si tratta, dunque, di un ritorno illusorio ad un passato idilliaco, per il fatto che il comune patrimonio cristiano spinge oggi i cristiani a scoprire una nuova ontologia della propria fede e una nuova creatività comune di fronte alle stesse sfide sul comune territorio europeo.

Come ci ha illustrato il recente incontro tra Papa Francesco, il patriarca ecumenico Bartolomeos e l’arcivescovo di Atene Ieronimos sull’isola di Lesbos e la dichiarazione congiunta da loro firmata, non esiste più spazio per “diverse” risposte cristiane, ma oggi, più che mai, è necessaria una testimonianza cristiana comune, un nuovo paradigma di ecumenismo che coinvolga tutta l’Europa aperta al mondo e che evidenzi la comune missione profetica delle Chiese cattolica e ortodossa e cioè: di annunciare la Verità del Vangelo, denunciare il male, ovunque provenga, e incarnarsi nei drammi umani odierni, come Cristo ha fatto. Se è vero l’assioma che la Chiesa non esiste per sé ma per il mondo, essa non ha il compito soltanto di annunciare o di chiamare gli altri ad agire, ma anche di rendere testimonianza del Regno e illuminare con la luce di Cristo ogni lato oscuro della storia e della memoria collettiva e personale della famiglia umana.

Questo libro del Dr/Prof. Dimitrios Keramidas sia un aiuto a ciascuno e a tutti coloro i quali lo leggeranno proprio in questo senso: facendo incontrare il pensiero dei teologi e filosofi ellenofoni in merito alla ricezione dell’idea Europa, serva come contributo non a complicare ma a sciogliere i nodi che abbiamo davanti, insieme come europei, nella nostra Casa comune.

Germano Marani sj, docente del Pontificio Istituto Orientale, Roma

---------------------------

L'autore del saggio

Dimitrios Keramidas è nato a Salonicco (Grecia). Dopo gli studi in teologia ortodossa e in teologia ecumenica presso la facoltà teologica dell’Università “Aristotelion” di Salonicco si è specializzato in Missiologia presso la Pontificia Università Gregoriana dove ha conseguito il dottorato. Attualmente, insegna dialogo cattolico-ortodosso nella Pontificia Università S. Tommaso d’Aquino a Roma ed è membro del corpo docente dell’Hellenic Open University. Ha pubblicato diversi studi sulla teologia ortodossa contemporanea, sulla teologia missionaria ortodossa, sull’Ortodossia e il movimento ecumenico e sul tema del Cristianesimo nell’Europa contemporanea. È socio del Centro di Studi Ecumenici, Missiologici ed Ecologici “Panteleimon Papagheorghiou” (Grecia).

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa di fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? Pro e contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.