Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Pace e diritti umani nel Mediterraneo. Migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Atti della Rassegna - 2019 di Silvio Spiri

Pace e diritti umani nel Mediterraneo. Migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Atti della Rassegna - 2019 di Silvio Spiri

creato da Eleonora Bellini ultima modifica 24/05/2020 22:04

Il 15 novembre 2018, presso l'ex convento degli Olivetani dell'Università del Salento, si è tenuto un seminario intitolato Pace e diritti umani nel mediterraneo con la partecipazione del Direttore dell'Ufficio del Sud Europa dell'UNHCR, Avv. Pedro Felipe Camargo e di diversi docenti dell'Università del Salento (Fabio Pollice, Vitantonio Gioia, Attilio Pisanò, Gigi Perrone, Giuseppe Gioffredi).
Il seminario, organizzato dal Centro Culturale San Martino, dai Corsi di Laurea di Scienze Politiche e dell'International Center of Interdisciplinary Studies on Migration (ICISMI), è stato l'evento conclusivo della seconda edizione di incontri filosofici d'autunno che hanno avuto come tema l'Umanesimo della solidarietà e che si sono svolti, tra Taviano, Racale e Lecce, durante il 2018.
In particolare, il seminario del 15 novembre ha rappresentato una tappa importante del Progetto Pace e diritti umani nel Mediterraneo. Migranti, rifugiati e richiedenti asilo, promosso dal Centro San Martino con il partenariato della Regione Puglia, del Comune di Taviano, dell'Istituto comprensivo di Taviano, dell'Istituto comprensivo di Racale, del Centro di accoglienza "Agapolis" di Gallipoli e dell'Università del Salento, ma anche con la testimonianza di operatori e richiedenti asilo ospiti della Comunità Emmanuel.
Da settembre a dicembre 2018, difatti, sono stati organizzati alcuni incontri a Taviano, Racale, Lecce su temi legati alle migrazioni per riflettere su accoglienza, inclusione, sviluppo umano sostenibile in un'ottica di convivialità delle differenze.
La partecipazione, al seminario del 15 novembre, del Direttore dell'Ufficio di Rappresentanza Regionale per i Paesi del Sud Europa, Felipe Camargo, su invito del Centro Culturale San Martino, è stata la dimostrazione della rilevanza del progetto che ha portato il Direttore Camargo ad incontrare, in due occasioni diverse, ma collegate (Taviano, 14 Novembre 2018 e Lecce 15 Novembre 2018), gli amministratori locali, gli alunni delle scuole e i cittadini di Taviano e Racale, ma anche gli studenti e alcuni docenti dell'Università del Salento.

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.