Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2020 / Il dialogo dell'esorcista, di Lorenzo Dani

Il dialogo dell'esorcista, di Lorenzo Dani

creato da Eleonora Bellini ultima modifica 07/09/2020 22:25
Titolo
Il dialogo dell'esorcista
Autore
Lorenzo Dani
Editore QuiEdit
Dati 2020, pp. 152
ISBN
978-88-6464-585-8

Recensione della nostra redattrice A. Donatella Rega.

Molto attuale il tema affrontato da Dani in questo piccolo trattato sul dialogo fra “diversi”.

Chi fra noi non ha sperimentato recentemente una sorta di comunicazione impossibile con alcuni interlocutori mentre tentava di stabilire un dialogo? O chi di noi non è stato addirittura investito da un flusso di comunicazione, verbale o mediatico, che tendeva a convincerlo di tesi quanto meno paradossali o bizzarre, come se la verità, quella con la V maiuscola, potesse giungere salvifica da amici o conoscenti che non erano stati chiamati a farlo?

Una sorta di comunicazione destabilizzante che l’autore di questo libro analizza dettagliatamente immaginando un personaggio, Giantivio, che impersona tutta l’essenza di questo modo distorto di “dialogare per convertire ed assimilare l’altro”, dialogo che viene definito dall’autore “esorcistico”, come se chi lo pratica scientemente volesse esorcizzare nell’interlocutore il Male. 

Niente di più attuale, come già detto, ne vediamo gli esempi nella comunicazione in politica ed in particolare in quella che tende ad accattivarsi il consenso dei Cattolici ed in cui vengono poste questioni dottrinali che ormai mettono, spesso senza mezzi termini, come segno di discrimine, l’appartenenza a Satana di chi la pensa in modo diverso o appartiene ad un credo diverso. Tanto che un ateo che ha cura degli ultimi viene considerato da meno di uno che, pur definendosi “cattolico”, li ignora o li maltratta.

Giantivio, citato quasi come un’insistente anafora dall’autore, è un perbenista, insicuro ma fondante la propria sicurezza nel suo ambito sociale o istituzionale, meglio se appartenente ad un potere riconosciuto. Crede di dover convertire gli altri a fin di bene ed impone loro un dialogo esorcistico che li spiazza e con cui insiste fino a sfiancarli, anche ricorrendo ad una strategia di attesa, purché l’altro capitoli. 

L’autore ci lascia nel dubbio che non vi sia rimedio, anche se il rimedio sta nel rispetto e nell’ascolto reciproco, come dirà, al termine del piccolo trattato, un interlocutore di Giantivio, scrivendogli una lettera che lo spiazzerà non poco (non riveliamo, come in un romanzo, la reazione di Giantivio).

Noi ci auguriamo che il clima da dialogo esorcistico si spenga e si passi ad un dialogo vero, in questa società artatamente divisa che per ora alza muri.

Il libro

Vi sono non poche persone che, quando si confrontano con chi la pensa diversamente da loro, sono convinte di dialogare, mentre in realtà rivelano un atteggiamento del tutto analogo a quello che l'esorcista usa col Maligno. Questo singolare modo esorcistico di dialogare viene qui analizzato e dettagliatamente descritto nella sua origine, nella sua anima, nel suo funzionamento e nelle conseguenze negative che provoca.

Chi è interessato a verificare se lui stesso o altri presentano qualche elemento dell'atteggiamento esorcistico, può trovare qui una guida, applicabile nei più diversi contesti sociali, ovunque qualcuno vuole confrontarsi, discutere, dialogare, con chi ha idee più o meno diverse: dal mondo politico a quello dei rapporti famigliari, dal mondo del lavoro e della scuola, fino al mondo forse più coinvolto in questo problema, quello delle religioni. Una simile verifica si rivela utile anche al fine di evitare due pericolosi infortuni sociali: collaborare e consacrare la cosiddetta normalità sociale, e accodarsi a chi ciecamente esorcizza ogni forma di devianza.

L'autore

Lorenzo Dani ha conseguito il dottorato in Scienze Sociali presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma. Da molti anni si occupa, tra l'altro, di Sociologia critica della religione. In questo campo ha pubblicato: Istituzione e identità religiosa (1975); Domanda e offerta religiosa (1986); Contraffazione della normalità (2004); Comunicazione coatta (2009); L'incerto rapporto fra il teologo e la teoria critica negativa. Annotazioni a margine dell'Enciclica "Spe salvi" di Benedetto XVI, La critica sociologica, XLIII, 169 (2009); Tenuto per mano da Dio (2014); Per la critica delle consacrazioni. Piccola guida ad un'analisi materialistica della religione (2015).

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 126
(2021- Anno XVII)

quadratino rosso Tema: Il rispetto dell'identità sessuale

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  

 listing Il n. 126 è su "Il rispetto dell'identità sessuale"  (cosa intendiamo per identità sessuale? Come rispettarla nella vita quotidiana? Quali tutele politiche e giuridiche introdurre?) è in spedizione.

 listing Il n. 127 è dedicato alla vita quotidiana (in un mondo eccessivamente mediatico quale valore ha il quotidiano? I suoi piccoli e significativi gesti quale senso hanno? Conosciamo i vissuti quotidiani attorno a noi?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). Testi da inviare entro il 15 maggio 2022.

 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.