Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2015 / Fabio Pasqualetti, Il Concerto e la danza. Ritualità musicali giovanili

Fabio Pasqualetti, Il Concerto e la danza. Ritualità musicali giovanili

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 02/02/2015 11:48
Titolo
Il Concerto e la danza. Ritualità musicali giovanili
Autore Fabio Pasqualetti
Editore San Paolo Edizioni
Collana Teologia e cultura religiosa
Dati pubblicato:1/07/2014 - 208 pagine - Libro
ISBN

9788821592621

Il testo si presenta come uno studio appassionato e attento sulla complessa realtà musicale giovanile, animato da prese di posizioni da parte dell’autore che non rendono la ricerca “campo neutro”.
È un libro ricco di informazioni e corredato da un utile lessico musicale. Si ritiene che possa essere un valido strumento per tutti coloro che sono impegnati nel processo educativo-formativo, fornendo interessanti chiavi di lettura del comportamento musicale giovanile contemporaneo.
Dal punto di vista metodologico gli argomenti sono trattati con coerenza e ordine logico, sostenuti da un’ampia bibliografia.
L’originalità della proposta editoriale si rileva nella tenace volontà di smontare la rappresentazione negativa, ormai stereotipata, sulla realtà musicale giovanile, richiamando gli adulti ad un maggior impegno di comprensione e di responsabilità e inquadrando la trasgressione giovanile in quel tentativo di sperimentazione del sé, fisiologica nel processo di differenziazione.
Utilizza un linguaggio fluido, dinamico, accessibile anche ai non addetti ai lavori, senza la pesantezza che spesso cultura ed erudizione provocano nel lettore e affronta tematiche non solo di interesse musicale, ma anche storico e socio-culturale.
Tocca intuitivamente punti nevralgici della riflessione contemporanea, laddove si mettono a confronto alcune pratiche rituali, facendo emergere quello che i teorici del disincanto non avevano previsto: il permanere del “sacro”. Il concetto di secolarizzazione, infatti, non è più adeguato a spiegare la complessità del fenomeno religioso-culturale attuale e, secondo l’autore, il comportamento musicale dei giovani lo conferma, seppur con modalità discutibili. Non si tralasciano gli aspetti economico commerciali che costruiscono la personalità stessa delle stars musicali e che completano il quadro anche dal punto di vista sociologico.
Attuale la tesi di fondo che la musica non è solo musica: essa, infatti, ha sempre accompagnato e ispirato modelli culturali e stili di vita. In questo senso le scelte musicali diventano un ingrediente attivo nella costruzione sociale dell’esperienza umana, nei processi di ricerca identitari e negli investimenti emotivo - affettivi dei giovani, ed è per questo che l’“industria culturale” li ha spesso strumentalizzati.
Presentazione di Claudia Caneva
Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.