Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2015 / L. Micelli, Giorgio La Pira. Un profeta prestato

L. Micelli, Giorgio La Pira. Un profeta prestato

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 18/06/2015 09:33
Titolo
Giorgio La Pira. Un profeta prestato
Autore L. Micelli
Editore Tau Editrice
Collana Collana: Fedelmente - Spiritualità
Dati Todi 2015 - 76 pagine
ISBN

886244386

Se c’è un uomo di cui non si scriverà mai abbastanza, quell’uomo è sicuramente Giorgio La Pira. Una vita intensa e un pensiero rivoluzionario difficili da confinare entro le pagine di un libro, ma Luca Micelli ha voluto raccogliere la sfida e in punta di piedi si è avvicinato a questa straordinaria figura, per continuare a coltivare un amore nato quasi alla fine del suo percorso universitario e per innestare quest’amore nel cuore delle nuove generazioni che poco conoscono la figura di La Pira. Attraverso le pagine di questo libro semplice, immediato e insieme efficace, si ripercorre la storia di un visionario, un mistico che, con le sue battaglie politiche e sociali, è riuscito a dare alla politica italiana il senso di una missione. Già il titolo: “Giorgio La Pira. Un profeta prestato”, richiama la peculiare capacità di quest’uomo di guardare lontano, verso un orizzonte che non è solo terreno ma è anche celeste e di stare, allo stesso tempo, ben piantato nella realtà, scegliendo la politica come mezzo per servire gli uomini, soprattutto i più poveri, e scegliendo lui stesso di farsi strumento, di “prestarsi” per la realizzazione del Regno. In un tempo di sfiducia e di diffidenza nei confronti della classe politica e di allontanamento dalla partecipazione democratica, riproporre un esempio di così grande spessore non è un’operazione banale e di poco conto, ma ha un forte valore storico e sociale perché ricorda quanto bisogno abbiamo di conoscere la nostra Storia e di rifarci a modelli dai quali lasciarci ispirare per credere in un impegno personale nella società e per pensare progetti di bene. Immergersi nelle pagine di questo libro significa innamorarsi di La Pira e del suo pensiero, invidiare chi lo ha conosciuto e chi ha avuto l’onore di collaborare con lui, lasciarsi prendere dalla smania di voler realizzare anche solo un centesimo di quanto è riuscito a realizzare nel corso della sua esistenza. L’Italia in cui si trova ad operare il Professore non è poi così diversa da quella di oggi e, lungi dal voler fare superficiali semplificazioni, i grandi problemi che egli si trova ad affrontare ricordano tanto il nostro presente, solo per fare qualche esempio: la questione della casa e della chiusura di grandi aziende, la questione della guerra e della pace. Le soluzioni date sono, invece, profondamente diverse e fanno riflettere su quanto la politica di La Pira sia lontana dalla politica odierna. Nella presentazione del testo, Franco Miano sottolinea l’estrema attualità della figura di La Pira e delle sue grandi intuizioni e riconosce un valore aggiunto in un particolare aspetto: “La passione per Dio e la passione per i fratelli nella vita di Giorgio La Pira furono una cosa sola. Per tutti questi motivi vale ancor più l’affermazione iniziale dell’importanza di questa figura anche per il nostro presente”. A buon diritto Fioretta Mazzei, sua più stretta collaboratrice, ricorda a tutti coloro che avrebbero scritto di lui che “La Pira prima di tutto e soprattutto era un cristiano”.

La sua profonda passione per l’umanità lo porta a sfidare le regole, il conformismo e i benpensanti perché credeva fermamente nell’applicazione dei principi di quella Costituzione che lui stesso aveva contribuito a far nascere: la Repubblica fondata sul lavoro, la dignità della persona umana e il ripudio della guerra. L’autore di questo testo propone una visione di La Pira che non è quella di un uomo impegnato ad imporre le proprie convinzioni etiche e religiose, ma di un uomo impegnato ad esserne testimone profondo. È questo che fa di La Pira un grande politico e un grande uomo. La sua vita insegna che, affinché le cose si realizzino, bisogna crederci fino in fondo. Per tale motivo questo libro non lascia indifferenti, non concede spazio alla nostalgia dei bei tempi andati, ma scuote e incoraggia perché tutto questo è ancora possibile. Leggetelo, amatelo e poi, magari, provate anche voi “discretamente o in punta di piedi, ad aiutare l’aurora a nascere”.

 

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Associandoci

logo-barchetta.jpg

Cercasi un fine è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002, una rete di scuole di formazione politica, un gruppo di amici stranieri e volontari per l'insegnamento della lingua italiana. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

La fatica di essere nel mondo. Lettera sul discernimento

Un po’ imitando don Milani e la sua lettera a una prof.ssa, con amici di Vicenza abbiamo scritto insieme una lettera sul discernimento e il nostro essere nel mondo. Per disponibilità copie info al 333 8465594, 0444 226530, 080 5014906 


 

Formare alla politica. L'esperienza di Cercasi un fine

Nasce la nuova collana I libri di Cercasi un fine in coedizione con Magma Edizioni. Il primo volume sul metodo educativo e la storia di Cercasi un fine...


Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
Il 5 x mille per CuF


Sapete quanto è prezioso per noi la vostra firma del 5 x mille a nostro favore: con esso realizziamo scuole di formazione sociale e politica, un sito web e un periodico di cultura e politica, insegnamento dell’italiano per cittadini stranieri, incontri, dibattiti…

Basta la tua firma e il numero dell'associazione 91085390721 nel primo riquadro sul volontariato. 

I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Il Gruppo "Il Seggio" di Cercasi un fine a Minervino

 

 

Si chiama "Il seggio": è il gruppo territoriale di Cercasi un fine, nato a Minervino, a fine anno 2021.

Esso nasce dall'iniziativa dei soci fondatori e ordinari di Cuf, residenti a Minervino. Il gruppo (attraverso un apposito Regolamento) è un'emanazione territoriale della nostra Associazione, di cui condivide statuo, finalità, contenuti e strategie associative.

Auguriamo al gruppo di essere attivo e proficuo nella ricerca de nostro Fine come don Milani insegna: "Bisogna che il fine sia onesto. Grande. Il fine giusto è dedicarsi al prossimo. E in questo secolo come lei vuole amare se non con la politica o col sindacato o con la scuola? Siamo sovrani. Non è più il tempo delle elemosine, ma delle scelte".

 

indirizzo: Vico II Spineto, 2
(c/o Parrocchia S. Michele Arcangelo)
76013 Minervino Murge (BT)

per info:
mail: scuolasociopoliticaminervino@cercasiunfine.it
cell: 349 6534286

Contribuendo

Contribuendo.jpg

Bonifico Bancario
Cercasi un Fine ONLUS
IBAN IT26C0846941440000000019932
BCC Credito Cooperatvo

Leggendo il giornale

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 127
(2022- Anno XVIII)

quadratino rosso Tema: La vita quotidiana

 

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 128 è sulla "Riforma costituzionale in tema ambientale"  (qual è il significato dell'ultima riforma costituzionale in tema ambientale? Quali ricadute per noi e le generazioni future? E' un nuovo patto tra generazioni? Quali effetti sull'attività economica?). In preparazione.

 

listing Il n. 129 è su "Dopo il Covid e la guerra: una nuova globalizzazione?"  (La pandemia e la guerra in Ucraina sembrano aver messo in crisi il vecchio modello della globalizzazione: come costruire un nuovo modello? Cosa deve cambiare e cosa può restare?). Testi da consegnare entro il 30 settembre 2022. 

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo: testi non superiori a 4000 caratteri/spazi inclusi, da inviare ai nostri indirizzi mail. Accettiamo anche contributi in altre lingue e di bambini.