Tu sei qui: Home / Interagendo / Recensendo / Recensendo 2012 / L’ordine della reciprocità. Il ruolo del dono e dello scambio nella religione e nelle istituzioni

L’ordine della reciprocità. Il ruolo del dono e dello scambio nella religione e nelle istituzioni

creato da webmaster ultima modifica 05/12/2012 18:25
di Vincenzo Rosito
Titololo L’ordine della reciprocità. Il ruolo del dono e dello scambio nella religione e nelle istituzioni.
Autore Vincenzo Rosito
Editore Cittadella Editrice
Dati Assisi 2012, pp. 284
ISBN 978-88-308-1269-7

Breve descrizione:

La reciprocità è alla base delle nostre relazioni affettive e dei nostri rapporti interpersonali. Anche all’interno dei contesti familiari di appartenenza, delle comunità religiose o del mondo politico e istituzionale in cui viviamo, l’ordine della reciprocità rappresenta quello spazio di relazione, quella trama di socialità che permette gli scambi più importanti della nostra esistenza. Esiste dunque un ambito specifico della mutualità dei gesti, della corrispondenza dei sentimenti e della convergenza delle pratiche sociali. Questo livello specifico dell’interazione coincide con uno spazio sociale in cui la cura reciproca tra le persone è inseparabile dalla cura che ciascuna di esse ha per la relazione stessa. È questo il modo di operare della reciprocità all’interno del paradigma antropologico del dono, dello scambio sociale e della concezione cristiana di comunità. Plasmato sul modello della relazione tra uomo e Dio, l’ordine della reciprocità non è quello della fusione delle coscienze, né quello dell’incontro formale tra soggetti radicalmente differenti, esso, piuttosto, coincide con lo spazio di uno scambio inclusivo, fecondo e duraturo.

Quello di reciprocità è dunque un concetto chiave per l’analisi formale ed empirica delle modalità contemporanee dell’essere in relazione all’interno dei contesti sociali, istituzionali, religiosi e politici di identificazione. La sociologia degli ultimi due secoli si è abbondantemente soffermata sulla struttura dinamica della reciprocità in quanto principio formale della relazionalità sociale; ne è emerso un dispositivo di “interazione nello scambio” che mette in evidenza le dinamiche di mutualità e i continui processi di rinegoziazione su cui poggiano i meccanismi di costruzione delle identità personali e sociali. In questo volume si intende proporre un’analisi del “principio reciprocità” analizzandone le configurazioni pratiche all’interno di due ambiti specifici: quello delle configurazioni istituzionali di socializzazione e quello delle pratiche e dei saperi condivisi all’interno della sfera del religioso. Se da un lato i processi di istituzionalizzazione rappresentano un momento del religioso, in virtù della strutturazione delle fedi in contesti di appartenenza e di organizzazione istituzionale, dall’altro la specificità della religione cristiana è autonomamente configurabile in funzione delle articolazioni pratiche ed epistemiche di peculiari forme di relazione.

Azioni sul documento
  • Stampa
Prossimi eventi
Educare a custodirsi come Missione 19/10/2019 17:00 - 21:30 — Castellana Grotte
Ritiro spirituale sul potere 20/10/2019 10:00 - 18:00 — Massafra (Ta)
III Forum di Etica Civile, Verso un patto tra generazioni: un presente giusto per tutti 16/11/2019 - 17/11/2019 — Firenze
Prossimi eventi…
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

e ancora...

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.