Tu sei qui: Home / Interagendo / Pubblicando / AA. VV., Corruptia, il malaffare in un Comune italiano

AA. VV., Corruptia, il malaffare in un Comune italiano

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 03/10/2015 07:50
Curato da Rocco D'Ambrosio, un libro sulla corruzione di un Comune italiano, per imparare dove nasce e cresce la corruzione e debellarla con uno sforzo etico e culturale

Sull'ANSA del 15 gennaio 2015


Libro svela "Corruptia", sistema corruzione in Comune Italia
Curato da 6 viceprefetti,così funziona malaffare amministrazione
ROMA

 

(ANSA) - ROMA, 15 GEN - "Corruptia esiste. Come esiste la corruzione. Come esiste l'idea che la Pubblica Amministrazione sia ormai insanabile nelle sue viscere. Come esistono i casi di corruzione venuti alla luce, che vedono sul banco degli imputati politici, amministratori pubblici e imprenditori. Esiste ed è una città italiana". Lo afferma Rocco D'Ambrosio, docente di Etica politica presso la Pontificia Università Gregoriana e la Scuola Superiore dell'Amministrazione dell'Interno, curatore del volume "Corruptia. Il malaffare in un Comune italiano", editore La meridiana-Cercasi un fine, (pp. 84, euro 14,50), cui hanno collaborato sei viceprefetti italiani, Salvatore Calvagna, Giovanni De Francisco, Salvatore Fortuna, Antonio Giannelli, Alessandra Lazzari e Rosamaria Monea, nel contesto della formazione offerta dalla scuola del Ministero dell'Interno.
Il testo è un viaggio in un Comune italiano medio-grande del Nord, realmente esistente ma che gli autori hanno voluto ribattezzare "Corruptia", perchè le sue caratteristiche, un sistema economico finanziario molto strutturato, culturalmente vivace, con una forte attenzione al benessere dei cittadini, sono estensibili anche al di là di questo singolo caso. Il viaggio ha visitato sei settori dell'attività del Comune, analizzando nel particolare i meccanismi creati, i vari attori coinvolti, le loro attività, i riferimenti etici e legislativi del loro operare. Una disamina profonda negli uffici del Comune tra le carte e le scartoffie, le procedure e le dinamiche che consentono alle politiche pubbliche di intervenire sul benessere dei cittadini. A meno che, come è accaduto a Corruptia, tra le righe delle delibere e le inerzie degli uffici non si insinui la politica del malaffare, degli interessi di alcuni, delle dinamiche clientelari che rendono infinite le opere pubbliche e scadenti i servizi necessari ai cittadini.
Spiega Rocco D'Ambrosio: "Il nostro viaggio non ha incontrato semplici ladri, ma veri e propri professionisti. La precisazione non è affatto ovvia: infatti i corruttori non sono semplici ladri che sottraggono ad altri ciò che appartiene loro. I corruttori sono coloro che orientano l'istituzione al fine di accrescere le proprie utilità e fanno ciò modificando il sistema, piegandolo ai loro fini immorali. I ladri, invece - aggiunge -, si impadroniscono di quanto non appartiene loro; né più né meno. I ladri lavorano ad actum, i corruttori creano e operano in una vera e propria impresa. I ladri sono operai rozzi del rubare, i corruttori sono menti più raffinate che hanno fatto del rubare un vero e proprio sistema economico, sociale e culturale". Il testo, agile e scorrevole, giunge anche a individuare la forza dei corruttori. Essi, spiega ancora D'Ambrosio, "operano abilmente su due piani: uno materiale, cioè le utilità da acquisire, ovvero la loro refurtiva di ladri, e uno cognitivo, cioè l'impegno nell'inserire il processo di corruzione nel sistema". "La loro azione - prosegue - non riguarda solo l'introduzione di meccanismi viziati e illegali, ma anche un insieme di interventi che culturalmente e politicamente tentano di giustificare l'operato, proponendoli come via obbligata per realizzare tali interventi. Così è stato a Corruptia, città efficiente, con alti standard, spesso risultato di trame corrotte". Non mancano, tuttavia, le indicazioni per una rinascita. L'attività della magistratura e delle forze dell'ordine, nel combattere la corruzione, è lodevolissima, ma non basta: la crisi vissuta da Corruptia, come da diverse altre città italiane, va risolta a partire obbligatoriamente da una ripresa di tensione etica e culturale". (ANSA).

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova a destra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.