Tu sei qui: Home / In Parola / Le fatiche inutili, di Rocco D'Ambrosio

Le fatiche inutili, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/02/2016 14:37
La maturità - sappiamo bene - è saper accettare, integrare e superare le fatiche inutili, ovviamente con l’attenzione a non ripeterle. Sperando che...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare.
Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini».
E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono
(Lc 5, 1-11).

 

7 febbraio 2016. Quante fatiche inutili, nella vita! Come Simon Pietro tante volte abbiamo detto: “Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla”. Con un sano pragmatismo dobbiamo riconoscere che le fatiche inutili fanno parte del gioco della vita. Se tutto andasse a buon fine, avesse sempre valore e senso, non saremmo umani. In famiglia, nel lavoro, nelle relazioni, nella vita sociale e politica spesso ci impegniamo, dedichiamo, impieghiamo energie fisiche, emotive e spirituali per… niente, o molto poco. Fatiche inutili.

La maturità - sappiamo bene - è saper accettare, integrare e superare le fatiche inutili, ovviamente con l’attenzione a non ripeterle. E’ innegabile, comunque, che parecchio del nostro equilibrio e serenità dipenda da questo. Ma accanto a riflessioni antropologiche credo sia importante, come cristiani, riflettere sul senso che diamo alle fatiche inutili, sulla loro incidenza dal punto di vista di fede.

Partiamo dall’atteggiamento di Simon Pietro: “Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti”. Pietro è onesto nel riconoscere la sua fatica inutile, spesa lungo tutta la notte. Forse c’è anche un po’ di fastidio nelle sue parole. Ma c’è un “ma”. Un “ma” di non poco conto. “Ma sulla tua parola getterò le reti”.

Questo “ma” fa la differenza, tra un’esistenza ripiegata su stessa e una aperta al buon Dio e ai suoi interventi. Questo “ma” segna la maturità di una fede che non è, da una parte, rassegnazione o, dall’altra, fede magica che anela a interventi continui di Dio per risolvere i pasticci umani. Pietro è credente maturo, nonostante i suoi peccati e i suoi limiti. Sa che ogni pesca nella vita deve fare i conti con le forze fisiche e spirituali, il vento, il lago, l’imprevedibilità della natura, ma anche, e soprattutto, con la mano del buon Dio. La fede di Pietro è profondo abbandono, è speranza non in se stesso (o nel caso, o nella probabilità). E’ speranza in Dio, nella sua provvidenza.

Scriveva l’amato Tonino Bello:
“Chi spera, cammina: non fugge.
Si incarna nella storia non si aliena.
Costruisce il futuro, non lo attende con pigrizia.
Ha la grinta del lottatore, non la rassegnazione di chi disarma .
Ha la passione del veggente, non l’aria avvilita di chi si lascia andare.
Cambia la storia, non la subisce.
Ricerca la solidarietà con gli altri viandanti,
non la gloria del navigatore solitario”.

 

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
frankgreco
frankgreco :
07/02/2016 20:56
Ciò che colpisce di più nelle dinamiche evangeliche e' l'atteggiamento di abbandono e fiducia nel Signore da parte di chi lo incontra. "Sulla tua parola getto le reti", riferisce Pietro o nelle nozze di cana Maria dice ai servi: "fate quello che vi dice". Questo affidarsi a colui che governa il mondo significa spogliarsi della propria superbia e presunzione, ascoltare quanto viene consigliato e non imposto da chi è disposto al sacrificio per il bene degli altri, vincere L'egoismo che spesso pervade il nostro essere. L'umiltà di cogliere la grandezza degli altri può divenire per noi motivo di riscatto per la realizzazione di un mondo più giusto, onesto, solidale e pacifico.
direttore
direttore :
09/02/2016 07:54
"Nulla ti turbi. Nulla ti spaventi. Tutto passa, Dio non cambia. La pazienza ottiene tutto, chi tiene Dio, nulla gli manca", diceva Santa Teresa. Un abbraccio. Good bless you
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?), in preparazione.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 dicembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.