Tu sei qui: Home / In Parola / Un ristoro particolare, di Rocco D'Ambrosio

Un ristoro particolare, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 08/07/2017 16:36
Ci sono tanti motivi nella vita per sentirsi affaticati e oppressi. Chi più, chi meno un po’ tutti abbiamo bisogno di “ristoro”...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero»
(Mt 11, 25-30).

9 luglio 2017. Ci sono tanti motivi nella vita per sentirsi affaticati e oppressi. Chi più, chi meno un po’ tutti abbiamo bisogno di “ristoro”, non solo per la calura che imperversa, ma soprattutto per i gioghi di cui ci carichiamo o che altri pongono sulle nostre spalle. La domanda è quella di sempre: la fede aiuta?

In questo brano Gesù ci invita ad andare a lui per trovare il ristoro che cerchiamo. Sono convinto che questo invito è uno dei più difficili del Vangelo. Lo dico perché è la stessa amicizia con il Signore a essere particolare. Se facciamo attenzione esistono diversi modi per andare al Signore e trovare ristoro. Non solo li notiamo nell'esperienze altrui ma anche nella nostra personale. In sintesi cercherò di individuarli per tipi.

Deus ex machina. Era quel marchingegno che appariva sulla scena per risolvere ogni problema e complicazione. Spesso andiamo al Signore perché ci risolva tutto e subito. La preghiera diventa cosi un elenco di richieste, come il foglio della spesa alla supermercato. Ci sentiamo ristorati solo nella misura in cui ci sono concessi i miracoli che chiediamo. Ma non penso che sia questo il ristoro che il Signore vuole concederci. Per questo molte volte siamo così delusi da pensare che non ci sia ristoro per le nostre fatiche e problemi. Ma il ristoro è dato solo dal cambiare la nostra realtà? Ovvero ristoro uguale miracoli concessi?

La fuga in un mondo irreale. È innegabile che ci siano forme di preghiera, personali e comunitarie, molto impostate su trasporti emotivi e creazioni di paradisi più apparenti che reali. Lo dico con molto rispetto: il rischio è che la preghiera diventi una forma di "stupefacente" che assicuri "viaggi" in paradisi fittizi. Purtroppo anche un parte della religiosità popolare cade inc testa trappola: parlare di madonne e di santi come coloro che assicurano fughe da ogni problema e sciagura. È questo il ristoro evangelico?

Imparare dove si trova il ristoro. "Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita". Il ristoro è in Gesù, certamente. Ma lo è - non dimentichiamolo - nell'imparare la sua umiltà e la sua mitezza. Gesù ebbe ristoro nella sua vita terrena? Come affrontò i tanti torti che subì o i tradimenti dei suoi? Come il Padre lo consolò? Perché lo consolò e non lo lasciò solo?

E’ un ristoro difficile, quello di Gesù, non è pret-a-porter, è un ristoro “imitativo”. Gesù ci invita ad avere la sua mitezza e umiltà perché queste sono fonte di una grande pace, che ristora profondamente. Può sembrare una sorta di escamotage, ma è, di fatto, l’unica via.

"Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza". Il Signore resiste ai superbi. Il Signore da ristoro a chi è umile e mite, a chi non pretende niente, a chi accoglie tutto come dono.

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.