Tu sei qui: Home / In Parola / Vibrare per la giustizia, di Rocco D'Ambrosio

Vibrare per la giustizia, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 31/10/2017 22:18
I santi ci insegnano a “vibrare di dolore e di fede” di fronte all’ingiustizia sociale...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. Beati i miti, perché avranno in eredità la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli» (Mt 5, 1-12).

1 novembre 2017. Scriveva Lorenzo Milani in “Esperienze pastorali”: “Non vedremo sbocciare dei santi, finché noi ci saremo costruiti dei giovani che vibrino di dolore e di fede pensando all’ingiustizia sociale. Qualcosa, cioè, che sia al centro del momento storico che attraversiamo, al di fuori dell’angustia dell’io, al di sopra delle stupidaggini che vanno di moda”. Dolore e fede nei confronti dell’ingiustizia sociale sono spesso merce rara. Il papa che ne parla spesso non è accettato da tutti, anzi. Sarà questo il motivo perché sbocciano pochi santi? Forse si.

Ma Milani non è stato l’unico, negli anni dopo il Concilio, ad aiutare a ripensare le vie di santità, specie laicali. Pensatori saggi e impegnati come Jacques e Raissa Maritain, George Bernanos, Madalen Delbrel, Dietrich Bonhoeffer, Primo Mazzolari, Ernesto Balducci, Tonino Bello, e oggi papa Francesco, per citare i maggiori, hanno pagine stupende, commoventi, illuminate per aiutarci a fare nostra l’indicazione conciliare: la vocazione universale alla santità.

Tutti loro ci insegnano a “vibrare di dolore e di fede” di fronte all’ingiustizia sociale. Il brano delle Beatitudini, in materia, ci è di grande aiuto. Partiamo dal fatto che, unico caso nell’intero testo, le beatitudini relative alla giustizia sono due, quasi a voler sottolineare l’importanza della giustizia nella vita di un credente.

In particolare va notato che la prima beatitudine si riferisce a un modo di essere caratterizzante l’intera esistenza, espresso con l’espressione pregante dell’aver fame e sete. I collegamenti alla vita biologica – fame e sete – non sono da intendersi tanto come l’affermazione di un bisogno spontaneo e universale, nel senso che tutti e senza difficoltà si sentono orientati all’impegno per la giustizia, quanto piuttosto che, coloro che lo vivono, ne sono segnati in maniera radicale. Per loro la giustizia è un pane e un’acqua di cui non possono fare a meno. La loro beatitudine consiste nella tensione verso questa virtù, prima ancora che nella pratica di essa, nella persecuzione relativa e nella ricompensa del Regno di Dio (cfr. Mt 5, 10). Evangelicamente non esiste impegno per la giustizia che non sia passione per essa. Valga l’esempio del Battista, come di tutti i giusti della Scrittura.

La beatitudine, la felicità, Gesù le promette anche a chi è perseguitato per la giustizia: “Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli” (Mt 5, 10). Questa seconda beatitudine ci proietta nella vita di relazione, evidenziando le sue difficoltà in termini di persecuzione. Evangelicamente non esiste impegno per la giustizia che non sia passione per essa. Valga l’esempio del Battista, come di tutti i giusti della Scrittura. Questo impegno non può essere portato avanti da coloro che non sono capaci di “impadronirsi del Regno” (Mt 11, 12), né dai tiepidi (Ap 3, 16). Nella Chiesa e nel mondo, la virtù della giustizia va amata e perseguita con tutto se stessi. E’ per essa che dobbiamo “vibrare”, come scrive Milani. In ciò sta la beatitudine, la santità, la felicità.

Rocco D’Ambrosio


Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.