Tu sei qui: Home / In Parola / Verso il Cielo, di Rocco D'Ambrosio

Verso il Cielo, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 23/05/2020 11:56
Lavoriamo in questo mondo per renderlo più umano, più giusto, più fraterno, più denso di amore, ma guai a dimenticare che la meta, il fine non è qui ma in Cielo...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28, 16-20).

24 maggio 2020. Credo che sia capitato più volte, in questi giorni di crisi sanitaria, chiederci il senso di tutto quello che stiamo vivendo, anche alla luce della Parola di Dio. La festa di oggi non dice tanto il “senso” quanto la “meta” o, detto in altro modo, il “fine”.

Il Signore ascende in Cielo, da dove tornerà un giorno per instaurare definitivamente il suo Regno. Noi preghiamo che il Padre è “nei Cieli”. Ebbene i Cieli sono la nostra meta, il nostro fine. Facile a dirsi, ma… Gli undici mentre Gesù ascende: “lo videro, si prostrarono… però dubitarono”. Il dubbio, forse, non li ha mai abbandonati. E pretendiamo che non abbandoni noi, molto più poveri di fede degli Undici? Andiamo verso Il Cielo o finirà tutto? Domanda che serpeggia nei nostri cuori e alla nostra mente.

Eppure ogni volta che il dubbio emerge nella vita dei discepoli, le parole del Signore, direttamente o meno, sembrano essere una pedagogia per superarlo, per confermarsi nella fede. Ma il discorso di Gesù non inizia con parole di conforto o di messa in fuga del dubbio. Inizia con un riferimento al potere: “A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra”. E che c’entra il potere con persone che dubitano? C’entra perché noi dimentichiamo spesso chi sia il Signore, dimentichiamo dove Lui ora abita definitivamente e da dove tornerà. Dimentichiamo che anche noi siamo in cammino verso la sua casa, il Cielo.

Abbiamo affidato la nostra vita non a un’idea o a un’ideologia, non a una compagine politica o a un ciarlatano, non a una sensazione o emozione, ma a Colui che ha “ogni potere in cielo e sulla terra”. Non è la prima volta che il buon Dio ricorda, a chi dubita, chi è. Ricordiamo Mosè, i profeti, Maria, gli apostoli, le donne al sepolcro e tanti altre e altri. Ricordarci chi è “colui che ci parla”, come Gesù fa con la Samaritana (Gv 4, 10), è un modo per fugare dubbi. Ricordiamoci sempre chi è, da dove è venuto e da dove ritornerà. 

Lavoriamo in questo mondo per renderlo più umano, più giusto, più fraterno, più denso di amore, ma guai a dimenticare che la meta, il fine non è qui ma in Cielo. Per diversi motivi chi è impegnato nel mondo e non vive nella cella di un monastero è portato a dimenticarlo spesso o a scoraggiarsi quando si affronta il male nelle sue mille forme o a smarrirsi nella frenesia quotidiana. Ciò non vuole dire che lavorando in questo mondo non facciamo la volontà di Dio ma non dobbiamo trascurare ciò che chiediamo a Lui ogni giorno: si faccia la sua volontà “come in Cielo così in terra”. Il Cielo è paradigma della terra e non viceversa.

Goethe insegna che dovremmo imparare a dividere il nostro tempo in piccole parti e collegare queste alla meta che è il Cielo. Potessimo dire anche noi quello che ha provato lui: «Ringrazio il cielo che mi permette di dividere il tempo in particelle diverse in modo che ognuna di esse sia una piccola eternità».

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.