Tu sei qui: Home / In Parola / Unità e conflitto, di Rocco D'Ambrosio

Unità e conflitto, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 22/05/2016 09:47
La lotta è un atteggiamento antropologico fondamentale: essa è un modo di essere che può degenerare in conflitto. Cosa ci insegna il buon Dio?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà»
(Gv 16,12-15).

22 maggio 2016. Nell’Evangelii gaudium papa Francesco esprime il programma pastorale del suo pontificato. In esso sono molto importanti i quattro principi: “1. Il tempo è superiore allo spazio; 2. L’unità prevale sul conflitto; 3. La realtà è più importante dell’idea; 4. Il tutto è superiore alla parte” (Evangelii gaudium, 221-237). Non è questa la sede per approfondirli, ma sono convinto che il secondo abbia molto a che fare con la festa di oggi: “L’unità prevale sul conflitto”. Non è facile dirlo in  tempi in cui i conflitti dilaniano famiglie, amici, luoghi di lavoro, società, paesi, comunità internazionale. La guerra, come la lussuria - diceva Shakespeare - non passa mai di modo. E il conflitto sta alla base di ogni guerra.

La Trinità è una comunità in unita, non in conflitto. La storia biblica presenta molti riferimenti al tema del conflitto, della lotta. Eccone alcuni: Giacobbe lotta con Dio (Gn 32); Gesù invita a lottare per impadronirsi del Regno (Mt 11, 12); Paolo esorta a lottare nelle preghiere (Rm 15, 30) e ricorda che lui lotta, con la forza che viene da Cristo e che agisce in lui con potenza (Col 1, 29); inoltre riceve la corona di gloria solo chi ha lottato secondo le regole (2Tm 2, 5). Ovviamente il termine lotta nella Scrittura è spesso usato metaforicamente, mutuando il linguaggio dalla lotto fisica e applicandolo a quella spirituale; tuttavia non ci sono dubbi che la rivelazione biblica voglia presentare la vita come impegno, sforzo, passione, tensione del cuore e della mente verso la meta del Regno che ha da venire pienamente. Le fede è per chi lotta, per chi si lascia guidare dal Signore nelle sue battaglie (Sal 27), non certo per i tiepidi (Ap 3, 16).

Tuttavia questa propensione alla lotta può degenerare in conflitto. La lotta è un atteggiamento antropologico fondamentale: essa è un modo di essere che, escludendo qualsiasi forma di violenza verso se stessi e gli altri, ci induce a mettere tutto noi stessi, la passione del cuore e quella della mente, per superare ostacoli e raggiungere le finalità che ci siamo preposti. Questa propensione alla lotta, quindi, può degenerare in adesione piena al conflitto, per questo motivo è necessaria tanta vigilanza personale e comunitaria.

E in ciò abbiamo da imparare dalla Trinità la diversità in essa è fonte di ricchezza e non di conflitto, la differenza di missione porta alla comunione e non alla guerra. Dobbiamo invocare quotidianamente lo Spirito perché trasformi la nostra lotta in atteggiamento positivo di costruzione, comunione e unità.

Le indicazioni offerte da papa Francesco sono preziosissime per superare ogni conflitto:

“Il conflitto non può essere ignorato o dissimulato. Dev’essere accettato. Ma se rimaniamo intrappolati in esso, perdiamo la prospettiva, gli orizzonti si limitano e la realtà stessa resta frammentata. Quando ci fermiamo nella congiuntura conflittuale, perdiamo il senso dell’unità profonda della realtà. (…). In questo modo, si rende possibile sviluppare una comunione nelle differenze, che può essere favorita solo da quelle nobili persone che hanno il coraggio di andare oltre la superficie conflittuale e considerano gli altri nella loro dignità più profonda. Per questo è necessario postulare un principio che è indispensabile per costruire l’amicizia sociale: l’unità è superiore al conflitto. La solidarietà, intesa nel suo significato più profondo e di sfida, diventa così uno stile di costruzione della storia, un ambito vitale dove i conflitti, le tensioni e gli opposti possono raggiungere una pluriforme unità che genera nuova vita. Non significa puntare al sincretismo, né all’assorbimento di uno nell’altro, ma alla risoluzione su di un piano superiore che conserva in sé le preziose potenzialità delle polarità in contrasto”  (EG, 224).

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.