Tu sei qui: Home / In Parola / Calcoli e amore, di Rocco D'Ambrosio

Calcoli e amore, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/09/2015 11:52
Esiste una gelosia di Dio. Non riguarda celebrazioni, “valori non negoziabili”, morale sessuale-familiare, formalismi ecclesiastici e così via, ma solo la rinuncia ai propri averi...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro: «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo»
(Lc 14, 25-33).

8.9.2013. Si può con ragione affermare che quanto ci chiede il Signore Gesù è esigente, è duro, è una porta stretta, in termini evangelici.Su questo nessun dubbio. Tuttavia la radicalità della fede, nel brano odierno, Gesù la sottopone… a un calcolo! Si parla di torre da costruire, esercito nemico da affrontare: tutte cose che richiedono, umanamente, forme di pianificazione, previsione, discernimento, calcolo. Ma perché dovremmo seguire Gesù e fare tutte queste operazioni di calcolo? La risposta sta nella parte finale del brano: Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo. Seguire Gesù è certamente anche frutto di un calcolo, ma di un calcolo a perdere, ossia rinunciare ai propri averi. Non si parla di riti, celebrazioni, “valori non negoziabili”, morale sessuale-familiare, formalismi ecclesiastici e così via, ma solo di rinuncia ai propri averi. Questo è il calcolo, la pianificazione, la previsione, il discernimento. Ma perché mai? Perché è facile attaccassi ai beni, al denaro più di quanto lo siamo a Dio. E il calcolo da fare è praticamente la scelta.

Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro - ricorda Gesù - Non potete servire Dio e la ricchezza (Lc 16, 13). In altri termini credo che sia necessario un discernimento continuo sul cuore e sulla mente per verificare se ci stiamo attaccando al denaro, alla ricchezza più di quanto lo siamo a Dio. E la crisi economica non aiuta. Chi è più povero, per ovvie ragioni, è tentato di attaccarsi al poco che ha, perché si accorge drammaticamente di quanto non gli basti. Chi è ricco si attacca - e spesso anche di più dei poveri - perché vede perdere molte delle sue sicurezze. In poche parole, o per paura o per avidità, i calcoli si fanno non per donare ma per accumulare.

Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo, ricorda Gesù. E’ la gelosia di Dio: non vuole concorrenti, vuole che lo amiamo senza ostacoli e, se proprio dobbiamo fare dei calcoli, vuole che li facciamo per amarlo di più. E’ troppo esigente? E chi non lo è in amore?

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito da qualche giorno; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 marzo 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.