Tu sei qui: Home / In Parola / Tutto dipende dall'amore, di Rocco D'Ambrosio

Tutto dipende dall'amore, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 24/10/2020 16:17
Ci si potrebbe verificare sul nostro modo di amare Iddio e il prossimo scrivendo, almeno mentalmente, una storia di come, quando, come e perché abbiamo amato

 

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti» (Mt 22, 34-40). 

25 ottobre 2020. 

Le riflessioni sull’amore per Dio e per gli altri sono le più difficili. Spesso nei nostri ambienti il discorso sull’amore ha subito un terribile impoverimento moralistico, tanto da poter affermare con Mounier che l’amore è ormai presentato come una “virtù inghirlandata di papavero”. Non è certo ciò che dice papa Francesco, nell’enciclica Fratelli Tutti, ma è innegabile che, nei nostri contesti, spesso si parla di amore in maniera debole, moralistica, inefficace, narcisistica, con complessi d’inferiorità; finanche in modo egocentrico o volgare. 

In questo quadro è alquanto prevedibile la separazione netta o l’opposizione che i credenti hanno operato tra atteggiamento d’amore e prassi sociale e politica, ripetendo un po’ l’errore di alcuni ebrei: “Nelle tradizioni ebraiche - scrive il papa - l’imperativo di amare l’altro e prendersene cura sembrava limitarsi alle relazioni tra i membri di una medesima nazione. L’antico precetto «amerai il tuo prossimo come te stesso» (Lv 19,18) si intendeva ordinariamente riferito ai connazionali” (FT, n. 56). Pensiamo a quante visoni ristrette ci sono di amore: amo alcuni (parenti, amici, vicini, colleghi di lavoro, stranieri) e altri no. Con questo non intendo affatto dire che amare il prossimo - sconosciuto, straniero, diverso, lontano - sia cosa semplice. Tutt’altro! È esercizio continuo. 

L’enciclica è anche una bella pagina di pedagogia sull’amare Dio e amare tutti, in fraternità e amicizia sociale. E’ una sorta di invito pressante a non restringere i confini e gli ambiti. Papa Francesco considera la carità come un continuum nella vita, anche se assume diverse forme: “È carità stare vicino a una persona che soffre, ed è pure carità tutto ciò che si fa, anche senza avere un contatto diretto con quella persona, per modificare le condizioni sociali che provocano la sua sofferenza. Se qualcuno aiuta un anziano ad attraversare un fiume – e questo è squisita carità –, il politico gli costruisce un ponte, e anche questo è carità. Se qualcuno aiuta un altro dandogli da mangiare, il politico crea per lui un posto di lavoro, ed esercita una forma altissima di carità che nobilita la sua azione politica” (n. 186).

Ci si potrebbe, allora, verificare sul nostro modo di amare Iddio e il prossimo scrivendo una storia di come, quando e perché abbiamo amato “il Signore Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutta la mente”. E, allo stesso modo, di come abbiamo amato il prossimo, in maniera diretta o indiretta, come suggerisce il papa. Cosa ci insegna la storia umana, ma anche la nostra personale e irripetibile storia? Qui la memoria corta di insinua, spesso sovrana.

Un altro elemento, a proposito di prossimo, ampiamente trattato anche nella nuova enciclica: il buon Dio si esprime su uno degli amori più difficili, quello per gli stranieri migranti e precisa: “Non molesterai il forestiero né lo opprimerai, perché voi siete stati forestieri in terra d’Egitto”(Es 20, 22). L’invito ad amare è rafforzato dal ricordare di aver avuto la stessa condizione disagiata. Anche noi italiani siamo stai per decenni migranti in altre terre…

Ma anche verso Dio l’amore è rafforzato dal ricordo, in questo caso del suo amore per noi, sempre e comunque. Uno tra i tantissimi brani: “Si sono rifiutati di obbedire e non si sono ricordati dei tuoi prodigi, che tu avevi operato in loro favore; hanno indurito la loro cervice e nella loro ribellione si sono dati un capo per tornare alla loro schiavitù. Ma tu sei un Dio pronto a perdonare, misericordioso e pietoso, lento all'ira e ricco di amore e non li hai abbandonati” (Neemia 9, 14).

Dobbiamo amare il buon Dio è il prossimo: è l'essenza della nostra fede. Ma, per farlo, ci può aiutare l’aver memoria. Memoria per le volte in cui il buon Dio ci ha attratto con il suo amore, ha pervaso corpo e anima con la dolcezza della sua cura per noi. Memoria per le volte in cui, nonostante i nostri limiti e peccati, abbiamo amato gli altri come noi stessi. 

Ma c’è anche un altro esercizio di memoria da fare: ricordare parenti o colleghi che ci sono antipatici o odiamo, oppure cittadini stranieri che detestiamo. Cosa ci insegna la nostra storia? La grazia di Dio ci sostiene e ci rinnova quando impariamo dalle nostre sconfitte e facciamo tesoro dei nostri successi. 

Ebbene la nostra vita, la nostra storia non dipende dai sentimenti negativi che abbiamo verso di loro. Quei sentimenti ci portano a morire. La nostra vita dipende dall'amore che nutriamo per loro. E l'amore per loro non ci verrà spontaneo, anzi! L'amore per loro è e sarà sempre un esercizio, cioè correggere e affinare parole, gesti e sentimenti perché esprimano amore, con l'aiuto di Dio. Una fatica, ma bella. Una bella storia.

“Un essere umano - scrive ancora papa Francesco - è fatto in modo tale che non si realizza, non si sviluppa e non può trovare la propria pienezza «se non attraverso un dono sincero di sé». E ugualmente non giunge a riconoscere a fondo la propria verità se non nell’incontro con gli altri: «Non comunico effettivamente con me stesso se non nella misura in cui comunico con l’altro». Questo spiega perché nessuno può sperimentare il valore della vita senza volti concreti da amare. Qui sta un segreto dell’autentica esistenza umana, perché «la vita sussiste dove c’è legame, comunione, fratellanza; ed è una vita più forte della morte quando è costruita su relazioni vere e legami di fedeltà. (…)“ (FT, n. 87). 

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.