Tu sei qui: Home / In Parola / Trasfigurare, di Rocco D'Ambrosio

Trasfigurare, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 20/02/2016 12:48
Si potrebbe dire che ogni nostro impegno, piccolo o grande che sia, è il tentativo di “trasfigurare” la realtà, di dare, a essa, nuove forme e sembianze...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elìa, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme.
Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui.
Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa». Egli non sapeva quello che diceva.
Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All’entrare nella nube, ebbero paura. E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!».
Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto
(Lc 9, 28-36).

21 febbraio 2016. Si potrebbe dire che ogni nostro impegno, piccolo o grande che sia, è il tentativo di “trasfigurare” la realtà, di dare, a essa, nuove forme e sembianze. Pensiamo alle nostre relazioni - in famiglia, al lavoro, con gli amici, nella società e in politica - e a quanto ci impegniamo per cambiarle, per dare a esse un volto nuovo. Pensiamo anche alla gioia dei nostri successi, che ci farebbe dire, più o meno, quello che dice Pietro: ”Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elìa”. Ma pensiamo anche alle tante trasfigurazioni mancate, con i relativi sconforti e abbattimenti.

Torniamo a Gesù, allora, per imparare a “trasfigurare". La sua trasfigurazione avvenne mentre pregava. La prima battuta, che mi viene in mente, è che non “diceva le preghiere”, ma “pregava”. Sappiamo che c’è una grande differenza. Quella che Edith Stein individuava come la grande differenza tra “la soddisfazione di un essere buon cattolico” (preghiere annesse e connesse) e “il vivere una vita con la mano nella mano di Dio, guidata dalla sua mano, con la semplicità del bambino e l'umiltà del pubblicano”. Ma questo non è solo un insegnamento dell’autentico pregare, è anche la sola via per trasfigurare la nostra vita: “vivere con la mano nella mano di Dio”.

La trasfigurazione non è opera di superuomini o superdonne, la trasfigurazione è solo e solamente opera di Dio. “Intender non la può chi non la prova”, direbbe il Poeta. E cosa fa il buon Dio? Grosso modo quello che ha fatto nella trasfigurazione di Gesù: ci fa vedere la realtà del dolore e del limite in vista di una gloria più grande. Il testo, infatti, afferma che “Mosè ed Elìa, apparsi nella gloria, parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme”, ma Pietro e compagni erano oppressi dal sonno, tuttavia “quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui”.

Dovremmo ritornare spesso su questi passaggi se vogliamo imparare a trasfigurare la nostra vita: buio paura, sonno, abbandono, luce nuova. Non certamente in quest’ordine, perché lo stesso brano ci presenta ritmi alterni di emozioni e situazioni di Pietro e compagni. Non è l’ordine che interessa, quanto il fatto che “dalla nube esce una voce: “Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!”. Ascoltare Gesù diventa il porre la nostra mano nella sua mano, come bambini stanchi e assonati, o delusi e abbattuti. E Lui, solo così, ci porta a vedere la Sua gloria.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.