Tu sei qui: Home / In Parola / Tra il farsi strada e l'umiltà, di Rocco

Tra il farsi strada e l'umiltà, di Rocco

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 25/09/2015 11:55
Nella gerarchia sociale, quanto nella vita di fede, a esaltare o umiliare è sempre un altro o un Altro. Che piaccia o no, conta poco l’autopromuoversi...

 

1.9.2013 Il Vangelo odierno: Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti (Lc 14, 1.7-14).

1.9.2013. Era il 1967 quando don Milani, insieme ai suoi ragazzi, rimproverava alla famosa professoressa - quella della Lettera - di fare e chiedere niente ai suoi ragazzi, ma di invitarli soltanto a farsi strada. Quasi cinquant’anni dopo il numero di genitori, docenti ed educatori, che fanno ben poco per i ragazzi, è certamente aumentato. Come saranno aumentati inviti ed esempi a farsi strada, a mettersi al primo posto, direbbe Gesù. Basta notare alcuni elementi ricorrenti nella cultura mediatica, nella letteratura, nella vita quotidiana, persino nella vita ecclesiale: farsi strada, mettersi al primo posto è molte volte una questione di vita o di morte. Carrierismi, ambizioni, rivalse, competizioni sleali, invidie, razzismi, purtroppo, non mancano in nessun ambiente sociale e istituzionale. Ma Gesù ci ripete: non metterti al primo posto... quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto. E’ una morale per pochi eletti, santi irreprensibili? E’ una pia raccomandazione da altri tempi, visto che quelli a noi contemporanei di umiltà non ne vogliono sapere? No, è il senso della vita. Per comprenderlo dobbiamo meditare molto su: chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato. Autoesaltarsi, autopromuoversi, autoinnalzzarsi sono tutte forme di orgoglio, spesso pacchiano, quanto inutile e dannoso. Un po’ tutti, direbbe il mio amico padre Dan McDonald, stiamo diventando self promoting. Ma nella gerarchia sociale, quanto nella vita di fede, a esaltare o umiliare è sempre un altro o un Altro. Che piaccia o no, conta poco l’auto, il self. Il senso della vita, allora, è imparare a stare al proprio posto ed evitare, per quanto possibile, il farsi strada, il mettersi al primo posto. Nessuno ama essere umiliato e guai se succede per cattiveria o violenza. Tutti, se siamo onesti e riusciamo a tener testa alle tentazioni del self promoting, amiamo essere accolti e valorizzati per quello che siamo. Lasciamo un po’ più di spazio al buon Dio, ricordandoci che non gli sfugge nulla e che prima o poi assegnerà a ognuno il suo posto, quello per cui lo ha pensato e creato.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.