Tu sei qui: Home / In Parola / Testimoni in attesa, di Rocco D'Ambrosio

Testimoni in attesa, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 24/09/2015 13:42
Ci sono molti libri e film che fanno un buon lavoro nel creare paura sulla cosiddetta fine del mondo. E’ sovrana la parola di Gesù: Non vi terrorizzate. La fine del mondo verrà...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».
(Lc 21, 5-19).

17.1.2013. Ci sono molti libri e film che fanno un buon lavoro nel creare paura sulla cosiddetta fine del mondo. E’ sovrana la parola di Gesù: Non vi terrorizzate. La fine del mondo verrà, Gesù ritornerà e instaurerà il Suo regno in modo definitivo. Ma ci sono dei passaggi importanti che il brano ci suggerisce: essi ci aiutano non solo a capire ma anche a non aver paura, a non terrorizzarci.

Gesù ci invita a non farci ingannare da persone ed eventi. Prima di tutto i falsi profeti. Essi vogliono sostituirsi al Cristo. Gesù non dice se sono interni o esterni al suo gregge. Ci sono e si mostrano tali perché dicono di essere il Cristo e credono di sapere tempi e scadenze. Niente di più falso. I falsi profeti c’erano e ci sono: discernimento, preghiera e dialogo nella comunità sono i consigli di sempre per smascherarli e allontanarli.

Riguardo agli eventi Gesù è molto più accurato. Ci saranno - ci sono - guerre e rivoluzioni, nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ma essi non sono la fine. La fine è altro. Gesù non propugna una lettura apocalittica dello spavento, ma una lettura teologica della storia. Lui è il Signore, ritornerà e instaurerà definitivamente il Suo Regno e lo consegnerà al Padre. E Dio sarà tutto in tutti. Se si crede in ciò si capisce e si segue l’invito: non vi terrorizzate. Perché siamo certi che prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine.

Proprio perché la fine è collegata al ritorno del Cristo e non a eventi straordinari il Signore Gesù vuole preparare i suoi discepoli al suo ritorno. E qui viene la parte ancora più dura: Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza.

Quante volte abbiamo riflettuto sulla testimonianza! Spesso l’abbiamo solo ridotta a un fatto morale: si è testimoni se si è coerenti. Certamente ciò è vero. Ma non è solo un fatto morale. Il brano sposta l’attenzione su un’altra dimensione della testimonianza, importante e necessaria quanto la prima. Si tratta di quella parola e sapienza per resistere ad avversari e persino a parenti e amici che ci tradiscono. E’ possibile? Abbiamo la forza per farlo? I martiri lo hanno fatto. E noi?

Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita, ammonisce Gesù. Che Lui ci aiuti a non soccombere e ad aspettarlo con forza e sapienza.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.