Tu sei qui: Home / In Parola / Tentazioni, di Rocco D'Ambrosio

Tentazioni, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/07/2016 16:22
Tentazione nella nostra cultura è un termine che oscilla tra una visione religiosa e una laica, come un po’ tutto, del resto. Sarebbe bello che credenti e non credenti si confrontassero qualche volta su cosa significa essere tentati...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».

Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».

Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».

Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato (Lc 4, 1-13).

 

17.2.2013. Tentazione nella nostra cultura è un termine che oscilla tra una visione religiosa e una laica, come un po’ tutto, del resto. Sarebbe bello che credenti e non credenti si confrontassero qualche volta su cosa significa essere tentati: da chi? Come? Perché? I cattolici, molto spesso, hanno un approccio moralistico al tema, per cui facilmente la tentazione è legata a sensi di colpa continui, a penitenze più o meno sane, a una specie di routine mentale su peccato-colpa-indegnità-disistima e così via. I laici procedono diversamente e quindi – insisto – un confronto in materia non farebbe male.

 

Ma veniamo a Gesù. Fu tentato: la tentazione non risparmia nessuno perché è insita nel limite e nella fragilità della natura. Fu tentato su ciò che è essenziale nella nostra vita, su ciò che è il nerbo portante: i bisogni. Essi sono chiari e forti in tutti: bisogno di cibo, di potere, di aiuto. Ovviamente cibo, potere e aiuto sono categorie molto ampie, molto simboliche: dicono molto di più di quello che la parola esprime. Cibo è tutto ciò che è materialmente indispensabile; potere è ogni forma di controllo e comando su realtà e persone con cui ci relazioniamo; aiuto è tutto ciò di indispensabile che riceviamo nelle nostre relazioni. Penso che il primo impegno sia quello di condurre tutte le nostre tentazioni a queste tre categorie, evitando schiocche divagazioni ed esagerazioni in materia. Siamo limitati, tanto; abbiamo bisogno e la tentazione si insinua nell’indurci a rispondere a questi bisogni in maniera opposta a quello in cui crediamo e amiamo. Così fa il diavolo: ci pone il bisogno davanti e ci indica via diverse, deleterie, effimere, inefficaci.

 

Gesù risponde alle tentazioni citando la Scrittura, ovvero appellandosi a una autorità superiore. La forza per superare le tentazioni non sta in noi ma nella potenza della Parola. Il diavolo tenta; noi siamo deboli, molto deboli. La forza è altrove, non in noi. Facile a dirsi, difficile a viversi. La superbia ci inganna e rovina. Non fa male ricordare l’ironia pungente di Oscar Wilde: Resisto a tutto tranne che alle tentazioni. Non siamo così forti come pensiamo. Anzi. Cadiamo molto spesso. Allora?

Dobbiamo solo accettare che quello delle tentazioni è un passaggio comune a tutti, nessuno si può escludere; dobbiamo solo ricordare che Dio lo si scopre meglio e lo si ama di più solo dopo aver superato le tentazioni. Lo dice così bene Francesco d’Assisi: Una volta un frate, che era tentato, sedeva tutto solo vicino al Santo e gli disse: “Prega per me, Padre buono: sono convinto che sarò subito liberato dalle mie tentazioni, se ti degnerai di pregare per me. Sono proprio afflitto oltre le mie forze, e so che anche tu lo hai capito”. “Credimi figlio - gli rispose Francesco -. proprio per questo ti ritengo ancor più servo di Dio, e sappi che più sei tentato e più mi sei caro”. E soggiunse: “Ti dico in verità che nessuno deve ritenersi servo di Dio, sino a quando non sia passato attraverso prove e tribolazioni.. La tentazione superata è,  in un certo senso, l’anello, col quale il Signore sposa l’anima del suo servo.” “Molti si lusingano per meriti accumulati in lunghi anni, e godono di non aver mai sostenuto prove. Ma sappiamo che il Signore ha tenuto in considerazione la loro debolezza di spirito perché ancor prima dello scontro, il solo terrore li avrebbe schiacciati. Infatti i combattimenti difficili vengono riservati solo a chi ha un coraggio esemplare”.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.