Tu sei qui: Home / In Parola / Tentati e salvati, di Rocco D'Ambrosio

Tentati e salvati, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 04/03/2017 20:12
Senza voler essere riduttivo, le tentazioni hanno a che fare con il nostro rapporto con Dio e lo sconvolgono, o, meglio, cercano di sconvolgerlo nel suo profondo...

 

Il vangelo odierno: In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».

Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».

Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».

Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano. (Mt 4, 1-11).

5 marzo 2017. E’ cosi facile pensare - specie in un certo  tipo di formazione cattolica - pensare che le tentazioni riguardino solo cibo e sesso. Nel brano delle tentazioni di Gesù certamente il cibo è affrontato nella prima tentazione, ma non sembra essere un cardine dell'intero discorso. Sembrerebbe che a Gesù prema, piuttosto, mettere in evidenza come gli appetiti (sessuale, nutritivo, intellettuale, emotivo), se assolutizzati, ci portano lontani da Dio. Ma lo stesso si può dire della seconda e terza tentazione, dove in discussione sono il desiderare che Dio sia a nostro servizio e l'adorare regni, ricchezze, potere, e persino il diavolo, invece che adorare solo e solamente il buon Dio.

Quindi, senza voler essere riduttivo, le tentazioni hanno a che fare con il nostro rapporto con Dio e lo sconvolgono, o, meglio, cercano di sconvolgerlo nel suo profondo. Il Signore non vuole concorrenti. Siamo sempre, e comunque, nell'ambito del primo comandamento: “Io sono il Signore, tuo Dio... non avrai altri dèi di fronte a me” (Es 20, 2-3). Per comprendere sempre più le tentazioni potremmo citare il seguito del riferimento al primo comandamento: “Perché io, il Signore, tuo Dio, sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, 6ma che dimostra la sua bontà fino a mille generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti” (Es 20, 5-6). La gelosia di Dio è una profonda traccia per comprendere le tentazioni. Lui ci ama e non ammette concorrenti. Se c'è altro o altri devono essere amati in Lui e per mezzo di Lui. Vale per se stesso, moglie, marito, figli, parenti, amici, ma anche per cibo, lavoro, potere, ricchezze.

Rapportarsi alla tentazione quasi come a un fatto normale della nostra vita cristiana la demitizza e la riporta nel suo alveo proprio. Toglie anche qualsiasi forma di ansia, paura o esasperazione. Ci porta anche ad avere sobrietà nel linguaggio. È il caso di dire che sono ridicoli tutti quei riferimenti a diavoli tentatori, fatti a ogni piè sospinto, confondendo spesso contrarietà di vita e limiti psico-fisici con le vere tentazioni.

In sintesi le tentazioni non devono essere mai comprese e affrontate prescindendo dal nostro rapporto con Dio. È fede ricordarci che il buon Dio ci è affianco e ci sostiene per superare ogni tentazione. Come Gesù meditiamo e portiamo la Sua Parola nel cuore. Sarà il modo migliore per ricevere forza e allontanare il tentatore. E vincere.

Ha scritto Dietrich Bonhoeffer: “Comprendete l'ora della tempesta e del naufragio, è l'ora della inaudita prossimità di Dio, non della sua lontananza. Là dove tutte le altre sicurezze si infrangono e crollano e tutti i puntelli che reggevano la nostra esistenza sono rovinati uno dopo altro, là dove abbiamo dovuto imparare a rinunciare, proprio là si realizza questa prossimità di Dio, perché Dio sta per intervenire, vuol essere per noi sostegno e certezza. Egli distrugge, lascia che abbia luogo il naufragio, nel destino e nella colpa; ma in ogni naufragio ci ributta su di Lui. Questo ci vuole mostrare: quando tu lasci andare tutto, quando perdi e abbandoni ogni tua sicurezza, ecco, allora sei libero per Dio e totalmente sicuro in Lui. Che solo ci sia dato di comprendere con retto discernimento le tempeste della tribolazione e della tentazione, le tempeste d'alto mare della nostra vita! In esse Dio è vicino, non lontano, il nostro Dio è in croce. La croce è il segno in cui la falsa sicurezza viene sotto posta a giudizio e viene ristabilita la fede in Dio”.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.