Tu sei qui: Home / In Parola / Sorella morte, di Rocco D'Ambrosio

Sorella morte, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 18/09/2015 13:51
Ci vuole tanta libertà per chiamare la morte “sorella”. E in materia di libertà, interiore ed esteriore, Francesco è stato campione insuperabile...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno». (Gv 6, 37-40)

2.11.2013. Laudato sì’, mi’ Signore, per sora nostra Morte corporale,
da la quale nullu homo vivente po’ skappare:
guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali;
beati quelli ke troverà ne le Tue santissime voluntati,
ka la morte seconda no ‘l farrà male, scrive Francesco nel suo Cantico delle Creature. Ci vuole tanta libertà per chiamare la morte “sorella”. E in materia di libertà, interiore ed esteriore, Francesco è stato campione insuperabile. Ovviamente il rapporto con la morte, e con la propria morte, è un dato così radicato in noi che tocca tutta la nostra fisica, emotiva, intellettiva e relazionale. E non sempre, con tutta la nostra storia alle spalle, abbiamo la libertà e il coraggio di chiamare la morte “sorella”.

“Sorella” o meno la morte è li ad attenderci: nullu homo vivente po’ skappare. E’ così evidente, ma per paura o altro, spesso ci attrezziamo solo per evitare di pensarci o per illuderci che il tutto non ci tocca. Gesù ci ripete: E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno. E altrove afferma: Vado a prepararvi un posto.

La libertà interiore e la forza per affrontare la morte, mia o altrui, per noi cristiani, non possono nascere da una fede nella Resurrezione solo come una risposta intellettuale alla morte. Credo nascano, piuttosto, da una crescita emotiva da non trascurare. Abbiamo paura della morte, abbiamo paura di non rivedere più chi abbiamo amato in terra e ora è… altrove, in Cielo o in altro luogo. Le parole di Gesù sono semplici, sono per bambini da calmare e tranquillizzare. Sono per noi, sono per me. Ho paura della morte. Ho molte cose che non capisco di essa. Ho paura di perdere il Signore per sempre. E Lui mi, ci rassicura e conforta: questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno… - Vado a prepararvi un posto.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.