Tu sei qui: Home / In Parola / Si fatica per un tesoro, di Rocco D'Ambrosio

Si fatica per un tesoro, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 29/07/2017 18:33
La religione – scriveva Blaise Pascal - “è una cosa tanto grande che è giusto che coloro che non vogliono darsi pena di cercarla, se essa è oscura, ne siamo privati. Di che lamentarsi dunque, se essa è così fatta che la si può trovare cercandola?”

Il Vangelo odierno: In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche» (Mt 13, 44-52).

30 luglio 2017. C’è una bella differenza tra il giocare alla lotteria (o al calcioscommesse) e il cercare un tesoro. Il primo è un tentare la fortuna, ci si applica un minimo e si spera di guadagnare un massimo, cioè migliaia, se non milioni, di euro. Il secondo è una fatica costante, che ti prende giorno e notte, ti fa rivedere mappe e itinerari. Nel cercare un tesoro ci si applica molto e si spera di ottenere molto. In ambedue i casi il risultato non è affatto certo. Ma solo il secondo dipende anche dall’impegno e dalla fatica che ci mettiamo.

Forse la nostra fede, alcune volte, è diventata come il giocare alla lotteria. Ci mettiamo un minimo sforzo e vogliamo, spesso esigiamo, dal buon Dio, il massimo della ricompensa. Siamo un po’ come quelli della famosa canzone: “Proviamo anche con Dio, non si mai…”. Ma con Dio non si prova, non si scommette banalmente come alla lotteria. Con il buon Dio bisogna mettersi completamente in gioco.

L’uomo del tesoro “vende tutti i suoi averi e compra quel campo”, come il mercante che “vende tutti i suoi averi e compra la perla di grande valore”. E lo stesso dicasi dei pescatori che si applicano al lavoro: “tirano a riva la rete, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi”. Il Regno di Dio è una cosa seria, molto seria. Sembra questa un’ovvietà. Ma – sono convinto – non è così ovvio: infatti sono tante le tentazioni che ci inducono a non prendere la nostra fede sul serio, a ridurla a un’ideologia tra le altre, a una tradizione, ormai senza gusto e senza senso.

La religione – scriveva Blaise Pascal - “è una cosa tanto grande che è giusto che coloro che non vogliono darsi pena di cercarla, se essa è oscura, ne siamo privati. Di che lamentarsi dunque, se essa è così fatta che la si può trovare cercandola?” E’ cosi: la si può trovare solo cercandola. E bisogna dubitare di chi o di quei mezzi che escludono ogni fatica della ricerca per arrivare a Dio, presentandolo come il supermercato dietro l’angolo, dove trovi tutto e di più. Penso a tante forme di pellegrinaggi, preghiere, presentazioni della fede che sono… oramai solo un grande supermercato.

La fede non si vende, né si compra; non si pubblicizza, né si pone in competizione. La fede è quella dello scriba che fatica per diventare discepolo del regno dei cieli; che fatica, ogni giorno, per estrarre cose nuove e cose antiche dal suo tesoro. Fatica, si stanca, si perde, sbaglia, pecca… ma è felice. Perché solo con la fatica si trova il tesoro.

Rocco D'Ambrosio
Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.