Tu sei qui: Home / In Parola / Servi senza ricompense, di Rocco D'Ambrosio

Servi senza ricompense, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 05/10/2019 14:11
Per Gesù siamo dei servi, Lui è il padrone. Per iniziare è bene evitare la retorica sdolcinata e la falsa umiltà...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”»
(Lc 17, 5-10).

 6 ottobre 2019. La richiesta degli apostoli - Accresci in noi la fede! - è senza dubbio anche la nostra richiesta, salvo il caso di chi si ritiene un arrivato. E gli arrivati, davanti a Dio, o sono stupidi o sono superbi. I primi suscitano comprensione; i secondi il Signore li disperde "nei pensieri del loro cuore” (Lc 1). Scelgo una strada per la mia riflessione: il riferimento all'umiltà; apparentemente staccato, ma, invece, così fondamentale per... accrescere la nostra fede. 

Per Gesù siamo dei servi, Lui è il padrone. Per iniziare è bene evitare qualsiasi ogni retorica sdolcinata e falsa umiltà. Siamo servi, altrimenti detti: schiavi. L'Apostolo Paolo lo ripete spesso a se stesso e agli altri (Rm 1). Noi siamo migliori di Paolo per fuggire questa definizione? Siamo servi. E come tali ci dobbiamo rapportare a Lui, cioè dobbiamo avere fede in Lui.

La letteratura ha molti riferimenti al rapporto servo-padrone. Gesù accoglie in questo brano quello che è il sentire comune: il servo ha degli obblighi verso il padrone e questi non ne ha verso il servo, nemmeno quello della gratitudine. Verso di Lui abbiamo solo doveri e non possiamo avere nessuna pretesa. Il concetto “servi inutili” – ci dicono i biblisti – andrebbe tradotto più con “servi non meritevoli di ricompensa”. E in questo atteggiamento di umiltà, di non pretesa c’è molto di fede, di conferma e di crescita di essa. 

Tuttavia questa condizione di essere servi, se siamo fedeli e coerenti ha degli sviluppi molto positivi. Nell’ultima cena Gesù dice ai suoi discepoli: ”Non vi chiamo più servi ma amici” (Gv 15). Coloro che hanno perseverato con lui sino alla fine sono invitati a condividere la sua amicizia. Così la fede non è solo rafforzata ma raggiunge la sua pienezza: l’intimità dell’amicizia. Un bel cammino che inizia con… il sentirci “servi non meritevoli di ricompensa”. 

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.