Tu sei qui: Home / In Parola / Serenità come denominatore, di Rocco D'Ambrosio

Serenità come denominatore, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 31/10/2020 19:55
Chi vuole seguire il Signore sa che, essere “beato”, cioè “felice” "sereno" in situazioni difficili, è una vera e propria sfida...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. Beati i miti, perché avranno in eredità la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli» (Mt 5, 1-12).

1 novembre 2020. Il monte Tabor, dove Gesù pronunciò il discorso delle Beatitudine è un luogo di pace, silenzio e meditazione. Per alcuni aspetti è è il luogo ideale per meditare l’invito a essere “beati” in diverse situazioni; per altri aspetti è un luogo lontano dalle sfide che le beatitudini pongono. Sono convinto che ambedue le cose sono vere, anche se in parte un po’ contraddittorie. Gesù proclama beati, felici (makàrioi) coloro che vivono situazioni difficili, anche in stato di privazione di beni fondamentali.

E la contraddizione, in questi giorni, si sente ancora di più. Viviamo momenti di paure, incertezze , sofferenze un po’ per tutti, per alcuni di dolore e di morte, per diversi lavoratori di grande sacrifico per la collettività. Siamo noi, nelle situazioni difficili, beati, felici, sereni? Lo si può essere? Quella del Signore è una pia raccomandazione, fuori del tempo e delle prove? O è un possibile stato di vita, nonostante le avversità?

Chi vuole seguire il Signore sa che, essere “beato”, cioè “felice”, "sereno" in situazioni difficili, è una vera e propria sfida. Uno dei discorsi più vuoti e inutili sulla santità è attribuire ai tempi che viviamo la difficoltà del seguire le beatitudini evangeliche. Perché sono esistititi tempi favorevoli alla coerenza evangelica? Suvvia, non diciamo sciocchezze! Da che mondo è mondo povertà, pace, giustizia, solidarietà, mitezza, misericordia non sono state mai di moda. La santità non si gioca “intorno a me”, ma “dentro di me”. Parliamo molto di santi e santità dimenticandoci di questa profonda e radicale scelta interiore per essa.

Ma vorrei dire un’altra cosa molto importante per il cammino di santità personale. La scrive molto bene Dietrich Bonhoeffer: “Ora dobbiamo ricondurre ad un comune denominatore guerra, matrimonio, Chiesa, questioni professionali, problemi per l’abitazione, pericoli incombenti sulle persone che ci sono vicine, e la loro morte, e infine la situazione particolare in cui mi trovo attualmente. Per la maggior parte delle persone queste cose si presentano l’una accanto all’altra, senza collegamento. Questo, per i cristiani e le persone “culturalmente formate”, è impossibile; non si può né dividerle né frammentarle; deve essere possibile trovare il denominatore comune sia sul piano del pensiero, che in quello del comportamento unitario nella vita personale. Chi si lascia lacerare dagli eventi e dalle questioni, non ha superato la prova né per il presente né per il futuro”.

Allora santità è fare sintesi nella vita di quelli che noi chiamiamo problemi e preoccupazioni: matrimonio, relazioni, Chiesa, lavoro, casa, famiglia, paure di malattie, pandemia, pericoli incombenti sulle persone che ci sono vicine, e la loro morte, e infine la situazione particolare in cui mi trovo attualmente… La sintesi è trovare il comune denominatore. E se questo fosse l’abbandono nelle sue mani? Non proveremmo allora di essere beati, felici (makàrioi) come Gesù insegna?

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.