Tu sei qui: Home / In Parola / Senza turbarsi, di Rocco D'Ambrosio

Senza turbarsi, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 09/05/2020 11:04
Siamo turbati, comunque ci perdiamo nei nostri piccoli o grandi problemi. Mai come oggi la nostra fede deve ritornare alla Parola continuamente, illuminare con la Parola le nostre paure e fare discernimento su quello che stiamo vivendo con la Parola...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».

Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». 

Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. 

Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre». (Gv 14, 1-12).

 

10 maggio 2020. “Casa, posto, via, incontri” sono termini che danno sicurezza: il primo di essi in assoluto. E in questo tempo di crisi sono anche sono tra i più citati, insieme a “distanza sociale, congiunti, assembramenti” e cosi via. Interessante è che, nel brano odierno, sono opposti a “turbamento, smarrimento, ricerca dell’altro". In questo periodo, forse più di prima, non mancano i motivi per essere turbati: problemi familiari o lavorativi o relazionali; piccole e grandi preoccupazioni per il mondo attorno a noi o per quello globale. Che senso hanno le parole di Gesù: "non sia turbato il vostro cuore"? Lavorare sulle proprie e altrui paure è un lavoro che richiede diverse energie: psichiche, morali, intellettuali, spirituali. La fede può essere di grande aiuto, ma questo non è automatico. 

Nel testo evangelico Gesù non solo ci invita a non turbarci ma ci rassicura dicendoci che va a “prepararci un posto”, che Lui èla via, la verità e la vita”, che addirittura ci permetterà di compiere opere più grandi delle sue. Questo è certamente vero, noi lo crediamo ma ci sono diversi problemi. Non aiuta affatto nemmeno il clima ecclesiale italiano. Messa o non messa sta diventando qualcosa di pesante e insopportabile. In alcuni si ostinano a far coincidere la fede con il rito oppure affiorano interessi economici beceri (riaprire le chiese per questione di introiti). Non basta il turbamento della crisi sanitaria, alcuni pastori non fanno altro che disorientare e peggiorare la situazione sociale ed emotiva. Che squallido panorama!

Comunque siamo turbati, comunque ci perdiamo nei nostri piccoli o grandi problemi. Mai come oggi la nostra fede deve ritornare alla Parola continuamente, illuminare con la Parola le nostre paure e fare discernimento, su quello che stiamo vivendo, con la Parola. In questo periodo ci sono diverse problemi e cosiddette emergenze nella Chiesa cattolica italiana che hanno a che fare ben poco con quello che il Signore ci chiede nella sua Parola. 

Penso che questa strada non porti a nulla, anzi ci faccia più male del non aver fede. Dobbiamo meditare la Parola come la fonte di tutta la nostra fede e quando avremo modo di celebrare l’Eucaristia, senza fretta, in massima sicurezza, sarà il culmine di un cammino, in cui non abbiamo abbandonato Gesù Via-Verità-Vita, anzi lo abbiamo incontrato e frequentato anche di più dei “tempi normali”. 

Impariamo da Tommaso e da Filippo. Chiediamo al Signore le cose più ovvie, anche quelle che dovremmo già sapere ma che abbiamo dimenticato o trascurato. Chiediamo al Signore di conoscere la via, di mostrarci il Padre, di poter fare opere anche più grandi. Chiediamo a Lui (e a noi stessi) che tipo di testimonianza stiamo dando come cattolici in questo periodo. Chiediamoci perché il papa, ogni mattina, è seguito da tantissimi, credenti e non e perché le sue semplici parole e preghiere sono un grande aiuto al momento. Chiediamoci se - per ora, viste situazioni estreme e gravi - non deve bastare la Parola di Dio, in attesa dell’Eucaristia che verrà, quando sarà possibile, senza fretta. Chiediamolo non in maniera retorica, non stancamente, ripetendoci la risposta in mente prima ancora di formulare la domanda. Chiediamolo perché siamo smarriti e turbati. Chiediamolo per ascoltare cosa Il Signore ci dice. Chiediamolo per imparare, non per discutere. Forse questo ci aiuterà a turbarci meno e ad avere più fede.

Il tutto, l’ha detto cosi bene Aurelio Agostino: “Le sacre Letture ci danno animo, così da non lasciarci abbattere dalla disperazione; e, ad un tempo, ci incutono grande timore in modo che non ci porti il vento della superbia. Sarebbe difficilissimo per noi mantenerci sulla via posta al centro, quella vera, diritta, quasi tra la via sinistra della disperazione e la via destra della presunzione, se Cristo non dicesse: Io sono la via. Io sono - dice - la via, la verità e la vita. Come a dire: Per dove vuoi andare? Io sono la via. Dove vuoi andare? Io sono la verità. Dove vuoi avere stabile dimora? Io sono la vita. Perciò camminiamo sicuri lungo la via…”. 

Rocco D'Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.