Tu sei qui: Home / In Parola / Sentieri scomodi, di Rocco D'Ambrosio

Sentieri scomodi, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 05/12/2015 16:07
I profeti sono scomodi. Lo sono sempre stati: Giovanni Battista, e quelli prima di lui, come anche quelli dopo di lui. Sono scomodi e scomodi devono restare. La scomodità la si può misurare in tanti modi...

 

Il Vangelo odierno: Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto.
Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa:
«Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni burrone sarà riempito,
ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
le vie tortuose diverranno diritte
e quelle impervie, spianate.
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!»
(Lc 3, 1-6).

6 dicembre 2015. I profeti sono scomodi. Lo sono sempre stati: Giovanni Battista, e quelli prima di lui, come anche quelli dopo di lui. Sono scomodi e scomodi devono restare. La scomodità la si può misurare in tanti modi, la si può ance riscontrare nelle tante storie di profeti biblici o contemporanei che conosciamo. I profeti non sono quelli che predicono il futuro, cosa quanto mai sciocca, il solo pensarla. I profeti sono inviati per offrire scomodità. E questa è data da molti fattori: sconvolgono i nostri ragionamenti, aprono prospettive nuove, ci chiedono di cambiare vita e così via.

E’ molto stridente il porre da una parte l’impegno dei grandi profeti, di ieri come di oggi, e dall’altra il nostro accogliere il loro messaggio riducendolo a qualche consiglio morale e impegno di piccole conversioni. Oggi da una parte c’è Giovanni Battista e dall’altra le nostre povere riflessioni su vie, sentieri, monti e colli da preparare per la venuta del Signore. Sarà che che il Buon Dio si accontenti di ripulire la casa da qualche peccatuccio e trascurare grandi scelte e impegni radicali? Non penso proprio.

Giovanni Battista va accolto in tutta la sua scomodità e forza. E’ stato un uomo vigile sul suo tempo, per cogliere profondamente quanto aiutava a preparare la via al Signore e quanto no. Nell’esperienza biblica il ruolo della vigilanza è stato sempre vocazione propria dei profeti. Essi erano uomini dediti e fedeli solo a Dio, liberi da qualsiasi rapporto interessato con il potere e con il popolo, coraggiosi nell’annunciare la verità e denunciare le ingiustizie, tenaci nel perseguire il loro progetto di santità personale e comunitaria.

Giovanni il Battista è il più grande tra i nati di donna, come lo definisce Gesù. In un periodo storico, in cui l’aquila romana dominava con arroganza sui territori occupati, il Battista seppe denunciare con forza le gravi contraddizioni di un potere fortemente corrotto, sia in termini relazionali, che politici. Ad Erode non furono risparmiati moniti e invettive, essendo signore nell’arte degli abusi e delle nefandezze. Agli israeliti, specie ai capi, Giovanni rivolse forti richiami alla conversione, invitandoli ad avere una misura sobria di se stessi. La verità proferita venne pagata con la vita . He cared – direbbe Milani - ovvero gli stava a cuore veramente il bene del suo popolo.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Papa Francesco ha inviato domenica 23 aprile 2017 un video messaggio dedicato a don Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, alla manifestazione “Tempo di Libri”, a Milano, dove nel pomeriggio è stata presentata l’edizione completa di “Tutte le Opere” del sacerdote, con alcuni inediti, curata dallo storico Alberto Melloni per la collana dei Meridiani Mondadori...
Videomessaggio del Santo Padre per Don Milani
Politica in weekend - 2 e 3 luglio 2016
Guida alla riforma costituzionale
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine_115_Pagina_01.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 115
(2019 - Anno XIV)

quadratino rosso Tema: Ambiente

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


  Il 116 è sulla COPPIA (cosa vuol dire oggi essere "coppia"? Quali i ruoli nella coppia? Cos è la fedeltà nella coppia?) in preparazione.

 listing Il 117 è sul RAZZISMO (Dove nasce il razzismo? Cosa ci fa diventare razzisti? C'è il razzismo nella Chiesa?),  testi da inviare entro il 15 ottobre 2019.

 listing Il 118 è sull'ECONOMIA CIVILE (Cosa è l'economia civile? I Pro e i Contro di questo modello? Dove è applicato e come?)  testi da inviare entro il 15 novembre 2019.

 listing Il 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  (Quanto abbiamo paura delle altre religioni? Le religioni dialogano tra di loro? Qual'è la finalità del dialogo? Cos'è il fondamentalismo religioso?)  testi da inviare entro il 31 gennaio 2020.

 listing Il 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 15 marzo 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.