Tu sei qui: Home / In Parola / Semplici visite, di Rocco D'Ambrosio

Semplici visite, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 19/12/2015 16:42
Una visita a una parente, i saluti, le voci che raggiungono i bambini in grembo. Su questa trama umana, tenera e amorevole, si innesta la storia di Dio...

 

 

Il Vangelo odierno: In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto» (Lc 1, 39-45).

20 dicembre 2015. Una visita a una parente, i saluti, le voci che raggiungono i bambini in grembo. Su questa trama umana, tenera e amorevole, si innesta la storia di Dio, il suo volere nel colmare di Spirito una giovane e donare al mondo il Salvatore. Qualsiasi riflessione di ordine “alto”, cioè teologico e salvifico, che noi facciamo, non può prescindere dalla semplicità dell’evento. Due donne si incontrano perché la giovane vuole prestare un servizio all’anziana, in cinta come lei.

E’ un momento semplice, essenziale, ordinario, ma che manifesta un amore senza misura. Semplicità e amore qui sono un tutt’uno, tanto da poter affermare che Dio c’è, senza ombra di dubbio. Dio c’è nella sollecitudine di Maria, nella sorpresa di Elisabetta, nel sussulto del Battista in grembo a sua madre, nel silenzio di Gesù nel grembo di Maria. Dio c’è perché c’è semplicità e amore.

Se riuscissimo a comprendere e ricordare che è sempre così! Ossia dobbiamo tener fermo, nel cuore e nella mente, che la storia umana non vive isolata ed estranea a quella divina e che Dio si manifesta dove c’è semplicità e amore, dove i gesti sono autentici, dove regnare è servire, dove il potere è solo desiderio di fare del bene. Lo ha scritto con chiarezza Hannah Arendt: «Il potere è realizzato solo dove parole e azioni si sostengono a vicenda, dove le parole non sono vuote e i gesti non sono brutali, dove le parole non sono usate per nascondere le intenzioni ma per rivelare realtà, e i gesti non sono usati per violare e distruggere, ma per stabilire nuove relazioni e creare nuove realtà».

Forse dovremmo anche – a mo’ di ri-educazione della nostra relazionalità – riprendere a collegare parole e gesti, a misurare semplicità e amore di quello che facciamo. E fare visite a parenti, amici, anziani, specie soli e abbandonati, può essere una seria palestra per collegare parole e gesti, in semplicità e amore. E certamente il buon Dio non mancherà di dire la Sua: voci, sussulti, gioie si compiranno. E’ Natale così. In una visita.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.