Tu sei qui: Home / In Parola / Se conoscessimo il dono di Dio, di Rocco D'Ambrosio

Se conoscessimo il dono di Dio, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 14/03/2020 16:07
In questo tempo di emergenza, la nostra fede non andrà in crisi perché non abbiamo messe e chiese aperte, se la perdessimo vuol dire che non l'abbiamo mai avuta. Al contrario, ora la nostra fede...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù giunse a una città della Samarìa chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani. 

Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Gli dice la donna: «Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?». 

Gesù le risponde: «Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore – gli dice la donna –, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua». Le dice: «Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui». Gli risponde la donna: «Io non ho marito». Le dice Gesù: «Hai detto bene: “Io non ho marito”. Infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero». 

Gli replica la donna: «Signore, vedo che tu sei un profeta! I nostri padri hanno adorato su questo monte; voi invece dite che è a Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare». Gesù le dice: «Credimi, donna, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il Padre vuole che siano quelli che lo adorano. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità». Gli rispose la donna: «So che deve venire il Messia, chiamato Cristo: quando egli verrà, ci annuncerà ogni cosa». Le dice Gesù: «Sono io, che parlo con te».

In quel momento giunsero i suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una donna. Nessuno tuttavia disse: «Che cosa cerchi?», o: «Di che cosa parli con lei?». La donna intanto lasciò la sua anfora, andò in città e disse alla gente: «Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che sia lui il Cristo?». Uscirono dalla città e andavano da lui.

Intanto i discepoli lo pregavano: «Rabbì, mangia». Ma egli rispose loro: «Io ho da mangiare un cibo che voi non conoscete». E i discepoli si domandavano l’un l’altro: «Qualcuno gli ha forse portato da mangiare?». Gesù disse loro: «Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera. Voi non dite forse: ancora quattro mesi e poi viene la mietitura? Ecco, io vi dico: alzate i vostri occhi e guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. Chi miete riceve il salario e raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi miete. In questo infatti si dimostra vero il proverbio: uno semina e l’altro miete. Io vi ho mandati a mietere ciò per cui non avete faticato; altri hanno faticato e voi siete subentrati nella loro fatica».

Molti Samaritani di quella città credettero in lui per la parola della donna, che testimoniava: «Mi ha detto tutto quello che ho fatto». E quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregavano di rimanere da loro ed egli rimase là due giorni. Molti di più credettero per la sua parola e alla donna dicevano: «Non è più per i tuoi discorsi che noi crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il salvatore del mondo» (Gv 4, 5-42).

 15 marzo 2020. Non solo esistono divisioni e violenze tra religioni, ma anche nelle religioni. Nel brano di oggi si tratta di quelle tra giudei e samaritani. Una delle risposte sembra cosi attuale e calzante per rispondere alle tante critiche sulle chiese chiuse e messe sospese. Certo l’Eucaristia è un grande, grandissimo dono e dove ci può essere è una grazia; ma quando, per forza maggiore, non può esserci ricordiamoci della risposta di Gesù: «Credimi, donna, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il Padre vuole che siano quelli che lo adorano. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità».

La nostra fede non andrà in crisi perché non abbiamo messe e chiese aperte, se la perdessimo vuol dire che non l'abbiamo mai avuta. Al contrario, ora la nostra fede si potrà fortificare se ci ricordiamo che, come ammonisce Gesù, “Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Mt 7,21). Facciamo la volontà di Dio, nella buona come nella cattiva sorte, con o senza virus e il Signore non farà mancare il suo aiuto, la sua tenerezza e la sua salvezza.

Nessuna polemica sterile: Gesù è oltre le polemiche ristrette e inutili. Gesù sembra non prendere in considerazione le polemiche del tempo; piuttosto le vuole superare, guardando oltre. La donna samaritana si sorprende di questo atteggiamento: Lui va oltre. Dal punto di vista tecnico, cosi come è redatto il brano, gli esperti parlano di un tipico esempio di "doppio livello di significato” (semantico, è il termine esatto). Gesù e la Samaritana parlano di acqua e sete, ma Gesù usa i termini acqua e sete per introdurre l'interlocutrice in un livello di significato superiore. L'acqua e la sete sono metafore per parlare del desiderio di Dio e della salvezza portata da Gesù.

Molte volte, giustamente e acutamente, ho letto e sentito che dopo questa crisi tutto sarà diverso. È vero. Ma il cambiamento non avverrà automaticamente, magicamente per chi crede nella magia. Il cambiamento, per noi cristiani, è nello scoprire il  "doppio livello di significato”: noi parliamo di virus, crisi, misure di difesa, tutela della salute, crollo economico e cosi via. E il Signore di cosa ci sta parlando? Cosa ci sta comunicando “nelle parole” che usiamo?

Ritorniamo alla scena evangelica. Da una parte c’è una donna che è legata molto alle tradizioni, al significato letterale degli eventi; dall’altra Gesù che la invita ad andare oltre. E oltre c’è l’invito a ricercare la vera acqua, quella che disseta; a ricercare ciò che è sano, bello e giusto: per noi, per gli altri, per l’ambiente tutto. I momenti di crisi fanno venir fuori il meglio o il peggio di noi stessi. Riguardo al peggio gli esempi non mancano: sciacalli politici che approfittano della disgrazia per fare i bulli in TV e carpire consensi; sciacalli mediatici che diffondo idiozie e falsità; sciacalli economici che incrementano affari sulla pelle dei cittadini; sciacalli che diseducano con atteggiamenti riprovevoli (si pensi a calciatori e dirigenti del calcio professionistico). La lista potrebbe continuare.

Ma c’è anche il meglio di noi, del nostro Paese che sta venendo fuori: l’esempio di medici, infermieri, politici, responsabili delle istituzioni, forze dell’ordine, volontari, le cittadine e i cittadini che fanno la loro parte. Non ci sono parole per dir loro GRAZIE! Il meglio viene fuori se ognuno di noi si coltiva cosi: nel bene generoso e intelligente, sempre, in stato di crisi o nella normalità. "Andrà tutto bene" se questo bene cresce!

Noi cristiani per fa crescere questo bene interiore non dobbiamo dimenticare l'ammonizione di Gesù: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice "Dammi da bere”". Di religione - viste le sue domande su monti e culto - la Samaritana ne sapeva parecchio. Eppure Gesù le fa presente che non conosce il dono di Dio e non riconosce Lui come suo Figlio. E si! È proprio così: si può sapere tanto di religione ma non conoscere il dono di Dio, non riconoscere il Cristo. Forse potremmo azzardare una sorta di regola: chiunque conosce molto di religione, nel senso esteriore  e formalistico del termine o di conflitti interni in materia di credenze e culto, rischia di conoscere poco il “dono di Dio”. Forse “il dono di Dio” ha poco da spartire con molte cose che noi chiamiamo religione e religione non sono. 

L’acqua vera - la fede, la grazia… - è quella che Dio ci dà. Auguro a tutti quello che scriveva Efraim: «L'assetato si rallegra quando beve, non si rattrista se gli cessa la sete perché sa che la fonte non si essicca. Sia sempre la tua sete a terminare e mai la fonte ad essiccarsi. Sia sempre la fonte a vincere la tua sete e non la tua sete a vincere la fonte».

Rocco D’Ambrosio

 

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: , ,
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 giugno 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.