Tu sei qui: Home / In Parola / Risposte ovvie e responsabilità, di Rocco D'Ambrosio

Risposte ovvie e responsabilità, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 06/04/2019 19:41
Gesù “si mise a scrivere”. E’ uno degli atteggiamenti più curiosi che troviamo nel Vangelo. Attorno a lui un caos e lui… scrive!

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.
Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più»
(Gv 8, 1-11).

7 aprile 2019. Gesù “si mise a scrivere”. E’ uno degli atteggiamenti più curiosi che troviamo nel Vangelo.  Attorno a lui un caos e lui… scrive! Il caos lo conosciamo: è stata sorpresa una donna che si appresta a compiere qualcosa di illegale e immorale, ovvero una prostituta che sta per vendere il suo corpo. La scena è ricca di tensioni e richieste, dure e aspre. Gli interlocutori di Gesù presentano un ragionamento che non fa una grinza: la donna è stata sorpresa in flagrante; la legge di Mosè è chiara: va lapidata. Ragioni e tensioni, astio e rifiuto vanno a mille. E Gesù che fa? Gesù si china e si mette “a scrivere col dito per terra”.

Non bisogna rispondere a tutte le domande. Non bisogna rispondere specie quando sono false domande che ipocritamente hanno già una risposta che è tenuta nascosta, per diversi motivi. Infatti loro avevano già deciso che lapidarla era ciò che andava fatto e la domanda era solo fatta “per metterlo alla prova e avere motivo di accusarlo”. Ecco perché scrive per terra: forse perché non vuol cadere nella trappola della falsa domanda, né tantomeno avere a che fare con chi ha una visione molto ristretta della realtà. “Quando la coscienza comune – scriveva Primo Mazzolari – è troppo ostinata, è inutile andarle incontro”.

E veniamo alla risposta. Non riguarda la legge di Mosè, né riguarda la donna e ciò che ha fatto. Riguarda la mia, la tua responsabilità, quella dei presenti, quella di tutti. E cos’è la responsabilità? E’ il rispondere di sé, prima del far rispondere gli altri. La risposta di Gesù è ormai proverbiale, la usiamo molto spesso: "Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei". Tuttavia, forse, la usiamo più per difenderci, quando siamo tirati in ballo e sono scoperte le nostre colpe, che per riconoscere e crescere nella nostra personale responsabilità. Gesù sa bene che, in materia, i tempi sono molto lenti; per questo, forse, si rimette a scrivere in attesa che le responsabilità siano assunte… cominciando dai più anziani.

E Gesù? E la sua responsabilità? La sua responsabilità è quella di salvare non condannare. La salvezza non è classificare, escludere, rifiutare, mandare al patibolo; ma è amore, accoglienza, perdono. Certo la donna ha sbagliato, Gesù lo sa e lo ricorda lei indicandole il d’ora in poi non peccare più. Ma Gesù guarda avanti, rispetto al nostro peccato, guarda alla nostra liberazione e redenzione, che può avvenire solo abbracciandoci a Lui e attingendo alla sua grande misericordia.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.