Tu sei qui: Home / In Parola / Risposte autentiche, di Rocco D'Ambrosio

Risposte autentiche, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 27/08/2017 19:02

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».
Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
E Gesù
gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».
Allora ordinò
ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo (Mt 16, 13-20).

27 agosto 2017. Si può chiedere a qualcuno Chi sei? per diversi motivi; allo stesso modo si può chiedere Chi sono io per te? Le domande sull’identità non sono facili, anzi ci mettono parecchio in crisi. Sono convinto, anche, che questo tipo di domande abbiano una certa ciclicità nella vita. Ci siamo chiesti diverse volte chi sia Gesù per noi e continueremo a farlo. Se non lo facessimo la nostra fede rischierebbe parecchio.

La domanda va posta il più possibile libera da qualsiasi precomprensione. Intendo dire che nella nostra mente ci sono già tante risposte e molte di esse si così sedimentate che vengono fuori in automatico, cioè usiamo risposte che abbiamo dato nel passato. esse sono certamente risposte vere ma non più tanto vere per quello che magari stiamo vivendo. Quindi sono risposte inutili. Chi è Gesù per noi? è una domanda che deve suscitare una risposta fresca, immediata, frutto della fatica mentale ed emotiva del momento, il più possibile radicata nella nostra vita.

Ha scritto Blaise Pascal: Non soltanto conosciamo Dio unicamente per mezzo di Gesù Cristo, ma conosciamo noi stessi unicamente per mezzo di Gesù Cristo. Noi non conosciamo la vita, la morte se non per mezzo di Gesù Cristo. Quindi la domanda di Gesù ci aiuta a fare chiarezza su di Lui e anche su noi stessi.

Un ultimo elemento. Gesù fa questa domanda prima di affidare a Pietro un potere grande. Questa linea di riflessione identità personale e potere affidato. Una riflessione molto importante e da sviluppare in tutti i suoi aspetti, sia riguardo al potere nella Chiesa che nel mondo.

Ci aiuta la riflessione di Dorothee Steffensky-Sölle:

"Credo in Gesù Cristo che essendo "un uomo solo che non poteva far nulla" come anche noi ci sentiamo, lottò, nondimeno, perché tutto mutasse e fu perciò giustiziato; che è criterio per verificare quanto sclerotizzata sia la nostra intelligenza, soffocata la nostra immaginazione, disorientato il nostro sforzo, perché non viviamo come egli visse; che ci fa temere ogni giorno che la sua morte sia stata invano quando lo seppelliamo nelle nostre Chiese e tradiamo la sua rivoluzione, timorosi e obbedienti di fronte ai potenti; che risuscitato dentro le nostre vite perché ci liberiamo da preconcetti e prepotenze, da timore e odio, e portiamo avanti la sua rivoluzione in direzione del Regno".

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto:
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

 listing Il n. 123 è sula RINASCITA (1. Cosa vuol dire “rinascita” dopo la crisi sanitaria? 2. Positività e negatività della crisi sanitaria nel lavoro, scuola, famiglia, politica, sanità, economia, ambiente? 3. Cosa vuol dire sperare in un futuro migliore?). Testi da inviare da entro 31 dicembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.