Tu sei qui: Home / In Parola / Rispondere di sé, di Rocco D'Ambrosio

Rispondere di sé, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 21/09/2015 13:49
Nel guadagnare denaro e condurre affari - tranne se non siamo degli sprovveduti - poniamo attenzione e cura. E negli affari dell’anima? In quelli che Gesù chiama il perdere e trovare la propria vita?

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno.
Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».
Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.
Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?
Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni»
(Mt 16, 21-27).

31.8.2014.

Si è scritto tanto sulla responsabilità che ognuno ha nella propria vita. E’ importante non dimenticare che, sempre e comunque, si risponde a qualcuno: se stessi, gli altri, la natura, il buon Dio. Si risponde. E sono risposte a cui non si può sfuggire. Magari per un momento si pensa di sfuggire, magari si ricorre al così fan tutti, magari ci si nasconde o si scappa… Ma il momento giunge e si risponde eccome, fosse solo quando andremo a conoscere il buon Dio faccia a faccia.

Nel brano di oggi Pietro sceglie una sua strada: non vuole accettare il piano di Gesù e si sente in dovere di reagire. Non è irresponsabile, vuole solo altro, credo con tutta la sua responsabilità in altre soluzioni rispetto al futuro di Gesù. Ma non è quello che vuole il Signore. Gesù vuole che ci abbandoniamo a Lui e rispondiamo solo a Lui di noi stessi. E’ interessante notare come l’intero discorso fa perno sul concetto di guadagnare: quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita?

Nel guadagnare denaro e condurre affari - tranne se non siamo degli sprovveduti - poniamo attenzione e cura. E negli affari dell’anima? In quelli che Gesù chiama il perdere e trovare la propria vita? Non ci vogliono molti giri di parole per dire che ci sono cristiani che tengono più al denaro o al potere che a salvarsi l’anima; ci sono laici e pastori cattolici che più che a croce e sequela del Cristo sono interessati a privilegi e affaracci propri. Preoccuparci, in questo caso, vuol dire pregare perché il buon Dio aiuti tutti - me e noi compresi - a ravvedersi e convertirsi e, vuol dire anche, concentrarsi su se stessi per prepararsi al momento in cui dobbiamo rendere conto, in vita come in morte.

Allora il Figlio dell’uomo renderà a ciascuno secondo le sue azioni. Si possono accogliere queste parole come una minaccia: Iddio passerà allo scanner la mia vita e saranno guai per me. Si possono accogliere con leggerezza: tanto chissà… si vedrà… sarà poi vero? Si possono accogliere con responsabilità: sforzandoci di seguire il Signore Gesù e confidando nella sua grande misericordia, senza eccessivi sensi di colpa o inutili flagellazioni. Direi con responsabilità e un pizzico di umorismo, che significa serena libertà interiore.

Ha scritto Fulton John Sheen: Può ben darsi che nel giorno del Giudizio Universale il Signore conceda una grazia speciale a quanti, invece di prendere il mondo troppo sul serio, hanno fatto di ogni umana cosa un gradino per salire al cielo. A coloro che non hanno sopravvalutato nè se stessi né il mondo ‑ a coloro, insomma, che hanno il Divino Senso dello humour, Egli offrirà il Suo sorriso.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-119.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 119
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Dialogo Interreligioso

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.