Tu sei qui: Home / In Parola / Questa è fede, di Rocco D'Ambrosio

Questa è fede, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/09/2015 17:08
Sono in molti, siamo in molti a desiderare e pregare come gli apostoli: Accresci in noi la fede! Eppure il Signore non accoglie la richiesta ma sembra voler esprimere quasi un rimprovero: Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».
(Lc 17, 5-10).

6.10.2013: Sono in molti, siamo in molti a desiderare e pregare come gli apostoli: Accresci in noi la fede! Eppure il Signore non accoglie la richiesta ma sembra voler esprimere quasi un rimprovero: Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste... Non compiamo opere del pari dello sradicare e dare ordini agli alberi o alle montagne, quindi non abbiamo fede. Così la preghiera degli apostoli sembra essere legittima e autentica. E allora perché il rimprovero di Gesù sulla poca fede? Un bel rebus...

Forse può aiutare il discorso che segue - apparentemente staccato - cioè quello sull’umiltà. La letteratura ha molti riferimenti al rapporto servo-padrone. Gesù accoglie in questo brano quello che è il sentire comune: il servo ha degli obblighi verso il padrone e questi non ne ha verso il servo, nemmeno quello della gratitudine. Siamo servi, per dare più forza alle parole, dovremmo dire “schiavi”. E il nostro padrone è il Signore. Verso di Lui abbiamo solo doveri e non possiamo avere nessuna pretesa. Il concetto “servi inutili” – ci dicono i biblisti – andrebbe tradotto più con “servi non meritevoli di ricompensa”. E in questo atteggiamento di umiltà, di non pretesa c’è molto di fede, di conferma e di crescita di essa.

Scriveva Dietrich Bonhoeffer, nel luglio del 1944: Più tardi ho appreso, e continuo ad apprendere anche ora, che si impara a credere solo nel pieno essere al di quà della vita. Quando si è completamente rinunciato a fare qualcosa di noi stessi  un santo, un peccatore pentito o un uomo di Chiesa (una cosiddetta figura sacerdotale), un giusto o un ingiusto, un malato o un sano , e questo io chiamo “esserealdiquà”, cioè vivere nella pienezza degli impegni, dei problemi, dei successi e degli insuccessi, delle esperienze, delle perplessità  allora ci si getta completamente nelle braccia di Dio, allora non si prendono più sul serio le proprie sofferenze, ma le sofferenze di Dio nel mondo, allora si veglia con Cristo nel Getsemani e, io credo, questa è fede, questa è metanoia, e si diventa uomini, si diventa Cristiani (cfr. Ger.45).

Questo sintetico brano mi ha sempre fatto riflettere sul fatto che i nostri itinerari verso la fede, o di conferma di essa, sono spesso condotti su strade sbagliate. Sono, in fondo, molto legati al a fare qualcosa di noi stessi un santo, un peccatore pentito o un uomo di Chiesa..., come dice Bonhoeffer. Evangelicamente si direbbe sono ancora legati al sentirci servi meritevoli di ricompensa, a sentirci qualcuno.

Penso che si inizi a credere veramente, a spostare alberi e montagne, quando ci si butta completamente nelle braccia di Dio. E il prosieguo di Bonhoeffer è di grande ammonimento per le nostre ansie, il nostro continuo preoccuparci per tutto e per tutti: allora non si prendono più sul serio le proprie sofferenze, ma le sofferenze di Dio nel mondo, allora si veglia con Cristo nel Getsemani e, io credo, questa è fede.

Rocco D'Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 118 è sull'ECONOMIA CIVILE. Il cartaceo è stato spedito; il PDF lo si trova qui si sopra nella home page.

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO  è in preparazione.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 aprile 2020.

Per il n. 120 lanciamo un’iniziativa per coinvolgere tutti i nostri lettori: Tweet on duty - Un tweet sul dovere

Ti chiediamo di rispondere a una sola di queste domande (indicando nome, cognome, lavoro, città) in maniera sintetica, praticamente non più dei 140 caratteri che si usano in un tweet, da inviare a associazione@cercasiunfine.it o sms o whatsapp al cell. 337 1031728
Ecco le domande, scegline solo una e rispondi!
1. Cosa ti spinge a fare il tuo dovere?
2. Cosa provi nel fare il tuo dovere?
3. Cosa ti aspetti quando fai il tuo dovere?
4. Quali difficoltà incontri quando fai il tuo dovere? 
Testi da inviare entro il 30 aprile 2020.


Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.