Tu sei qui: Home / In Parola / Prima il leader, di Rocco D'Ambrosio

Prima il leader, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 17/09/2015 17:05
Nella letteratura politica è molto studiato il rapporto tra leader e seguaci che svolgono una funzione di preparazione dell’attività dello stesso leader. Non a caso noi chiamiamo, il profeta Giovanni, il Precursore...

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele». 
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio» (Gv 1, 29-34).

19.1.2014. Nella letteratura politica è molto studiato il rapporto tra leader e seguaci che svolgono una funzione di preparazione dell’attività dello stesso leader. Non a caso noi chiamiamo, il profeta Giovanni, il Precursore. Sono molti i passi che ci aiutano a comprendere la profondità e la bellezza del loro rapporto.

Iniziamo da quanto è espresso in questo brano: Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! L’attenzione primaria è nel riconoscere Gesù nella sua piena identità. Chi lavora autenticamente per un leader, in questo caso Gesù, non è un propagandista, né un self promoter, è una persona che crede nel leader e si sente coinvolto in tutto e per tutto dalla sua missione. Giovanni è cosciente che la sua missione si basi sul fatto che il Cristo venga dopo di lui ma è davanti a lui, perché era prima di lui. Il Cristo deve brillare più di chi lo annuncia, ci ricorda Francesco (EG, 138).

Parliamo molte volte di testimonianza e, spesso, pensiamo che la testimonianza si riduca solo a… dare il buon esempio! Non si tratta di presentarsi come migliori, ma come persone che hanno incontrato il Cristo e ne sono rimasti colpiti. Scrive Francesco nell’Evangelii Gaudium: È l’annuncio che si condivide con un atteggiamento umile e testimoniale di chi sa sempre imparare, con la consapevolezza che il messaggio è tanto ricco e tanto profondo che ci supera sempre. A volte si esprime in maniera più diretta, altre volte attraverso una testimonianza personale, un racconto, un gesto, o la forma che lo stesso Spirito Santo può suscitare in una circostanza concreta (128).

Il riconoscimento, inoltre, non è privato, anche se ha origine nell’intimità. Il professare la fede nel Cristo è pubblico. Giovanni dice agli altri, testimonia. E cosa dice? Semplicemente chi è il Cristo. Lo fa riconoscendolo come: l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! – colui su cui lo Spirito è disceso come una colomba dal cielo ed è rimasto su di lui - il Figlio di Dio. Quest’opera di riconoscimento procede da eventi e interpretazioni. Giovanni vede e crede, cioè vede e dice chi è il Cristo. E’ così anche nella nostra vita?

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasi un fine 118.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 118
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: Economia civile

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 119 è sul DIALOGO INTERRELIGIOSO è stato già spedito.

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  testi da inviare entro il 30 luglio 2020.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria; testi da inviare entro il 15 agosto 2020.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i sociale? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 30 settembre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.