Tu sei qui: Home / In Parola / Perdonare per rinascere, di Rocco D'Ambrosio

Perdonare per rinascere, di Rocco D'Ambrosio

creato da Rocco D'Ambrosio ultima modifica 12/09/2020 13:39
Si vuole perdono, tenerezza, comprensione, accoglienza, misericordia. Ma di ciò non si vuole dare molto agli altri, se non proprio niente…

 

Il Vangelo odierno: In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».
(Mt 18, 21-35)

13 settembre 2020. Ho sentito molte volte dire: “L'ho perdonato già una volta! Ora basta!”. Restiamo ai numeri. Gesù ci invita a farlo settanta volte sette, qualcosa come un sette alla settantesima. Un numero enorme! E noi abbiamo già chiuso tutto dopo una volta?! Questa volta bastano i soli numeri per dire quanto siamo lontani dalla logica evangelica.

La parabola, che segue i calcoli numerici, ci aiuta a porre il problema anche da un'altra prospettiva. Noi siamo quelli che perdonano poco, eppure quando dobbiamo essere perdonati facciamo il diavolo a quattro. Come il servo che “prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Allora i conti non valgono più. Agli altri il perdono lo diamo con il bilancino di misure infinitesimali. Per noi, il perdono che vogliamo da Dio, deve essere enorme. Che bei tipi siamo! Tuttavia il Signore non è come noi. Infatti “Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito”.

La parabola ci insegna anche che spesso, il perdono che ci è donato, da Dio o altri, non genera, a sua volta, perdono: “Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito”. Scena cruda e spietata, non solo per quello che il servo fa al suo pari, ma anche e soprattutto per il fatto che, qualche minuto prima, lui era stato condonato di diecimila talenti e ora non aveva un briciolo di pietà per (soli) cento talenti. Che mondo, direbbero in molti.

Ma è anche il nostro mondo: quello in cui si vuole perdono, tenerezza, comprensione, accoglienza, misericordia. Ma di ciò non si vuole dare molto agli altri, se non proprio niente. E’ il mondo degli affari, tra i più avidi e biechi. Si picchia, si uccide, si violentano donne e piccoli… Scriveva William Shakespeare: «Lussuria, lussuria; sempre guerra e lussuria; non c'è nient'altro che rimanga di moda». Non so se in numero minore o inferiore dei tempi passati remoti o prossimi; sembrerebbe, che in termini epocali, il numero delle violenze sia diminuito. Quindi dobbiamo stare attenti all’effetto mediatico: l’impressione poche siano di più perché più velocemente e più abbondantemente ne veniamo a conoscenza. Tuttavia, che siano meno o più, basterebbe un solo Willy o piccolo, o donna, o povero, o cittadino straniero a essere violentato per tenerci vigili e desti, chiedendoci: stiamo diventando più cattivi verso gli altri, mentre vogliamo tanta bontà per noi? 

La crisi di perdono e misericordia, accoglienza e tenerezza è una crisi ampia, culturale. E’ segnata da fattori negatici quali l’invidia, sete di potere e brama di profitto. Dobbiamo imparare a ritornare alle nostre responsabilità: siamo servi condonati (e perdonati) per debiti di diecimila e i nostri pari ci chiedono di fare lo stesso per cento denari. Altrimenti sarà la fine. Se noi siamo irresponsabili, Dio non lo è mai: “Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello». 

Farà cosi, senza ombra di dubbio. Sono sicuro che il Signore non lo dice per metterci paura (se non un po’ di sano timore) ma per darci una scossa: il mondo non va male solo per l’avidità e la cattiveria degli altri, ma anche per la mia. Devo solo ricordare che “così anche il Padre mio celeste farà con me se non perdono di cuore al mio fratello”.

Rocco D’Ambrosio

Azioni sul documento
  • Stampa
archiviato sotto: ,
Pubblicando, i testi di Cercasi un fine

Potere e partecipazione. Un'esperienza locale di amministrazione condivisa, di S. Di Liso, D. Lomazzo

Sesto libro della collana di Cercasi un fine

 


La salute nella e oltre la leggeLa salute nella e oltre la legge. Sfide odierne, di F. Anelli e G. Ferrara

 

Quinto libro della collana di Cercasi un fine


Attrezzarsi per la città

Attrezzarsi per la città. Laboratori di formAZIONE socio-politica, di M. Natale

Questo libro, quarto della collana di Cercasi un fine, racconta un’idea, diventata poi una esperienza, basata sulla convinzione che si possa, anzi si debba, progettare...


 

Meditando in video
Un video per scoprire le nostre attività: scuole di politica, giornale e sito web, collana di libri, incontri e seminari, scuola di italiano per stranieri... benvenuti in Cercasi un fine!
Cercasi un fine. Presentandoci
2020
13th of January 2020, BBC interviews our Director Rocco D'Ambrosio on the case of the book of Ratzinger-Sarah
Il nostro direttore Rocco D'Ambrosio intervistato dalla BBC
2020
Di più…
I nostri amici stranieri

Cercasi un fine organizza degli incontri settimanali di dialogo tra culture e insegnamento della lingua italiana per stranieri.

Maggiori info >>>

centro di ascolto.jpg

Associandoci

logo-barchetta.jpg
Cercasi un fine
è insieme un periodico, un’associazione onlus, di promozione sociale, iscritta all’albo regionale della Puglia, fondata nel 2008, con attività che risalgono a partire dal 2002 e una rete di scuole di formazione politica. Vi partecipano credenti cristiani e donne e uomini di diverse culture e religioni, accomunati dall’impegno per una società più giusta, pacifica e bella.

Una presentazione sintetica delle nostre attività la trovi nel video qui 

altre info su

presentandoci
cercasi una casa
sostenendoci

con carta di credito o PayPal

Leggendo il giornale

Cercasiunfine-120.jpg

E' in distribuzione Cercasi un fine n. 120
(2020- Anno XVI)

quadratino rosso Tema: I doveri

Scrivendo per il giornale

Se volete scrivere per il giornale:
direttore@cercasiunfine.it


 

 listing Il n. 120 è sui DOVERI (si parla spesso di diritti: e i doveri? Cosa intendiamo per doveri? Esistono gruppi, culture e religioni che danno seria testimonianza sui doveri? Come educare ai doveri?)  è in spedizione.

listing Il n. 121 è su RESISTERE RESISTERE RESISTERE: come abbiamo vissuto il periodo di crisi sanitaria è in preparazione.

 listing Il n. 122 è su... Tutti pazzi per i Social? Come i social stanno trasformando nostro modo di pensare, giudicare, informarci e razionarci? Riusciamo ad essere ironici su questa influenza diffusa? Testi da inviare entro 31 ottobre 2020.

Se avete qualcosa da proporci su qualcuno di questi temi siamo ben lieti di accoglierlo. Accettiamo anche contributi in altre lingue.